Dal 16 maggio in libreria il primo romanzo del Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini “Il Giorno Dopo”.

Un trailer e una lettera di una mamma siriana al suo bimbo morto in mare per raccontare la storia di Enrico, a metà strada tra la politica, l’amore e l’impegno umanitario.

1a cop IacominiRoma, 10 Maggio 2016 – “Io e te avremo sempre un giorno dopo, quello in cui poter cambiare vita, quello in cui ciò che va male può trasformarsi in bene, quello che cambia le cose, che ti mette a soqquadro l’esistenza”. Uscirà in tutte le librerie il 16 maggio edito dalla casa editrice PONTE SISTO il primo romanzo del Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini. Si tratta di una storia a metà tra l’autobiografia, le esperienze di vita e l’impegno umanitario, che racconta il percorso di vita di un uomo, Enrico e delle sue scelte. Il romanzo è ambientato su una panchina di Villa Borghese su cui il protagonista decide di rifugiarsi dopo aver ricevuto una proposta politica cui è molto difficile rinunciare. Ne consegue una lunga riflessione introspettiva che ripercorre gli attimi salienti della sua vita, le paure, le manie, il lungo e deludente impegno politico (tratto direttamente da un’esperienza personale dello scrittore tra cui un incontro giovanile con Matteo Renzi) per poi concludersi con l’impegno umanitario, la riflessione sulle guerre, sulla povertà, il viaggio nel campo profughi di Zaatari e l’innamoramento per la giovane volontaria siriana, Iman, che gli svela il segreto del “Giorno Dopo”, della scelta giusta, dell’esempio da seguire. La decisione finale, dopo l’esperienza in Giordania, scaturisce dalla lettura di una intensa lettera dal grande impatto emotivo di una madre siriana lasciata sulla bara del suo bambino affogato in mare dopo un naufragio sulle coste del Mediterraneo inviata ad Enrico da un amico scrittore. Il romanzo verrà presentato in anteprima al 29esimo Salone del Libro di Torino sabato 14 maggio alle ore 17 presso lo stand del Friuli Venezia Giulia su invito del Premio Giornalistico Internazionale Marco Luchetta all’interno di una serie di eventi promossi dalla Fondazione PordenoneLegge.it . Il trailer che anticipa l’uscita è stato realizzato dal regista e attore Adelmo Togliani, che ne è anche il protagonista ed è scaricabile a questo link: https://youtu.be/dxNKrNsSCgc La lettera della madre al bambino morto in mare presente nel libro (in allegato) è stata scritta dal regista e scrittore Paolo Vanacore che ha anche curato lo spettacolo teatrale “IN VIAGGIO” di cui Andrea Iacomini è il protagonista, che ha registrato già il tutto esaurito a Roma e Milano, e domani 12 maggio, sarà in scena al Teatro Eden di Treviso alle 20.45 con incasso tutto devoluto alla campagna di raccolta fondi dell’UNICEF Italia BAMBINI IN PERICOLO.

 Informazioni utili: Il libro sarà in vendita a partire dal 16 maggio e acquistabile su tutte le librerie online (Amazon, IBS, libreria universitaria, Mondadori, Feltrinelli etc) o scrivendo a [email protected].

IL GIORNO DOPO di Andrea Iacomini EDIZIONI PONTE SISTO – 15 EURO 5 CAPITOLI 200 PAGINE

Papa: Iacomini (Portavoce dell’UNICEF Italia) ieri a Lampedusa, oggi a Lesbo

Iacomini: “basta muri costruiti con mattoni di odio, l’Europa raccolga l’invito di Papa Francesco”

CgLd6iJXIAARuI3Roma 16 aprile 2016 – “Ieri a Lampedusa, oggi a Lesbo. Tra questi due grandi eventi storici sono passati anni, sono annegati tanti bimbi in mare e milioni di persone hanno continuato ad abbandonare i propri paesi per fuggire dalla guerre, dalle persecuzioni, da fame e povertà. Sempre, senza sosta, come quella delle organizzazioni umanitarie, in questi anni si è levata la voce di Papa Francesco per chiedere al mondo di fermare questo scempio ed oggi ci stringiamo tutti intorno alla sua grande iniziativa umana e pastorale” lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce dell’UNICEF Italia. “La visita di oggi non può restare senza risposta” prosegue Iacomini “La comunità internazionale non deve solo occuparsi di quote, strategie geopolitiche o trincerarsi dietro biechi interessi di parte, alzando muri costruiti con mattoni di egoismo, perché la soluzione sanno tutti benissimo quale è, riguarda ogni angolo del pianeta: la pace. “Quasi la metà di tutti i rifugiati e i migranti del pianeta sono bambini, esseri innocenti, che non hanno scelto la fuga dal loro Paese né meritano la nostra criminale indifferenza perché oggi il fenomeno migratorio riguarda tutti noi, le nostre famiglie, la nostra vita quotidiana e va risolto al pari di tutte le altre questioni della nostra vita con intelligenza senza perdere mai di vista la solidarietà” “Nel mondo” conclude “ci sono 87 milioni di bambini sotto i 7 anni che sono cresciuti all’interno di conflitti, moltissimi sono arrivati in Europa, anche a Lesbo con traumi indicibili. E’ soprattutto di loro che il Papa ci invita ad occuparci oggi in questo giorno storico per l’umanità. L’Europa ora raccolga il suo grande appello alla misericordia”.

UNICEF: sulla spiaggia di Ostia (Roma) iniziativa della campagna #tuttigiuperterra per ricordare il dramma dei bambini migranti morti in mare

Solo nelle prime nove settimane del 2016, 77 bambini sono morti attraversando il Mediterraneo Orientale

DSC_7278_low18 marzo 2016 – Nell’ambito della campagna di mobilitazione e sensibilizzazione #tuttigiuperterra oggi, sulla spiaggia di Ostia (Roma), l’UNICEF Italia ha organizzato una cerimonia simbolica con protagonisti i bambini di 4 classi della scuola elementare dell’Istituto Comprensivo “Viale Vega” di Ostia.  “Non possiamo più assistere né accettare che bambini muoiano in mare nella totale indifferenza. I migranti fuggono da morte sicura dai loro paesi e trovano la morte nei nostri mari! Da settembre 2015 in media due bambini al giorno hanno perso la vita in mare nel tentativo di attraversare con le loro famiglie il Mediterraneo orientale; solo nelle prime nove settimane del 2016, sempre su questa rotta, 77 bambini sono morti in mare”, ha ricordato Andrea Iacomini, Portavoce dell’UNICEF Italia.  “Per questo abbiamo lanciato la campagna #tuttigiuperterra, che ha avuto nelle scorse settimane molte adesioni da parte di associazioni, istituzioni, scuole, gruppi sportivi, semplici gruppi di cittadini, in una vera e propria gara di solidarietà in tutta Italia”. “Il mare – ha proseguito Iacomini – dovrebbe essere un elemento ‘amico’ dove i bambini possono giocare, nuotare, rinfrescarsi, navigare, un ‘ponte’ di collegamento, ma per troppi bambini è diventato un nemico da cui difendersi, un mostro che inghiotte tante vite. Sulla spiaggia di Ostia i nostri bambini si avvicineranno al mare ‘amico’ e gli affideranno le loro barchette di carta simbolo al tempo stesso del giocare insieme e della fragilità e del pericolo che una barca non sicura rappresenta per ogni bambino in fuga. Poi insieme, sempre per ricordare il dramma dei bambini migranti morti in mare, si metteranno #tuttigiuperterra”.  L’UNICEF Italia ringrazia sentitamente per il sostegno dato alla campagna RAI Sport e Carlo Conti, che ha ricordato l’iniziativa durante il Festival di Sanremo.

Yemen: Iacomini (Portavoce Unicef Italia) “Conflitto peggiora.” Città di Taiz sotto assedio. Si rischia una nuova Siria

Andrea Iacomini: “L’UNICEF fornisce acqua solo nei distretti di Sa-lah, Qahira e Mudhafar per 34 mila persone ogni giorno ed ha vaccinato 90 mila bambini sotto i cinque anni contro la polio ma la situazione è davvero critica.”

unicef3Roma, 4 Gennaio 2015 “Le tensioni di queste ore tra Arabia Saudita ed Iran destano grandi preoccupazioni in particolar modo per le sorti dello Yemen dove si combatte una guerra dimenticata che come sempre colpisce migliaia di vite innocenti” lo dichiara Andrea Iacomini Portavoce dell’UNICEF Italia “Siamo davvero in apprensione per le sorti dei bambini che vivono nella città e nei dintorni di Taiz da giorni sotto assedio, senza acqua, medicinali, in condizioni igieniche difficili aggravate dall’impossibilità di accesso per le organizzazioni umanitarie, si rischia una nuova Yarmouk” prosegue “L’UNICEF fornisce acqua solo nei distretti di Sa-lah, Qahira e Mudhafar per 34 mila persone ogni giorno ed ha vaccinato 90 mila bambini sotto i cinque anni contro la polio ma la situazione è davvero critica. A questo quadro desolante voglio ricordare che da marzo a dicembre 2015 in tutto lo Yemen sono stati rapiti 189 bambini da entrambe le parti in conflitto, che si sono verificati negli ultimi 9 mesi 60 attacchi a scuole e strutture sanitarie” prosegue “Bisogna fermare l’assedio di Taiz e una guerra i cui numeri sono tristemente in crescita come quelli che denunciammo all’inizio del conflitto in Siria” conclude “Nell’ultimo anno infatti il numero dei bambini uccisi o feriti in Yemen si è triplicato rispetto agli ultimi tre anni. Solo nel 2015 sono 747 i bambini morti e oltre 1100 quelli feriti a causa del conflitto. E’ una tragedia che va fermata o sarà ancora una volta troppo tardi”.

Dichiarazione del portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini

Migranti: ” in nome del Giubileo e della carità umana fermiamo la morte di bambini in mare. E’ vergognoso”

Migranti-allarme-dell’Unicef-“Il-Mar-Egeo-sta-diventando-la-tomba-di-troppi-bambini”Roma, 09 dicembre 2015 – “Il Mar Egeo oggi, come le nostre coste fino a ieri, sta diventando la tomba di troppi bambini. Non possiamo più permetterlo” dichiara Andrea Iacomini, portavoce UNICEF Italia, commentando la tragica notizia di un barcone di migranti rovesciatosi questa mattina di fronte alle coste della Turchia. Undici persone sono morte, tra cui 5 bambini. “Non ne possiamo più di leggere frasi come «ennesima tragedia nel mar Egeo». Oggi hanno perso la vita 5 bambini, ieri altri sei tra cui un neonato e così ogni settimana senza. Non riusciamo nemmeno più a contare il numero dei naufragi, dei morti, dei migranti che hanno perso tutto nel tentativo di raggiungere l’Europa solcando questa porzione di mare tra la Grecia e la Turchia. Ogni settimana, ogni giorno muoiono dei bambini in mare. Questa situazione è sotto gli occhi di tutti – continua Iacomini – ed è vergognoso che, nonostante siano mesi che notizie del genere rimbalzino sui mezzi di comunicazione, nessuno faccia qualcosa per mettere fine a questa ecatombe. Mi rivolgo a tutti i vertici politici e istituzionali d’Europa e del nostro Paese in nome del Giubileo della Misericordia iniziato ieri, poniamo fine a questo scempio senza precedenti”. Nel mondo sono 232 milioni i bambini costretti a vivere in zone e regioni coinvolte nei conflitti armati. Circa 250 mila bambini e bambine hanno dovuto imbracciare un’arma. La loro unica speranza è arrivare in Europa, “gli stiamo togliendo anche questa” conclude.

L’UNICEF ha lanciato il suo appello annuale di raccolta fondi  di 1,1 miliardi di $ per il 2016- a sostegno dei suoi programmi all’interno della Siria e nei paesi vicini.

Sul dramma dei bambini siriani fa tappa a Roma lo Spettacolo Teatrale: “IN VIAGGIO (verso il giorno dopo)” con protagonista i l Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini: due serate al Teatro dell’Orologio il 15 e 16 dicembre, alle ore 21,00  info su:http://www.teatroorologio.com/eventi-speciali/in-viaggio-verso-il-giorno-dopo.html

Nell’ambito della Campagna “Bambini in pericolo-Non è un viaggio. E’ una fuga” l’UNICEF Italia ha lanciato la petizione “Indignamoci!” per i diritti dei bambini migranti e rifugiati. E’ possibile è possibile aderire on-line www.unicef.it/indigniamoci.

Sostieni la campagna UNICEF “Non è un viaggio. E’ una fuga. AIUTA I BAMBINI IN PERICOLO” con donazioni su www.unicef.it/bambininpericolo

E’ possibile donare  anche tramite:

– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia,

– telefonando al Numero Verde UNICEF 800 745 000

– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051.

“IN VIAGGIO (verso il giorno dopo)” Al via a Milano e Roma il monologo teatrale del Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini

L’evento è dedicato ai bambini in pericolo in Siria e nel mondo.

Andrea Iacomini 08 bassaRoma, 30 Ottobre 2015 – Partirà il 23 Novembre dal Teatro Franco Parenti di Milano e proseguirà a Roma presso il Teatro dell’Orologio il 15 e 16 dicembre lo spettacolo teatrale del Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini dal titolo “IN VIAGGIO” (verso il giorno dopo). Nei mesi delle grandi migrazioni di uomini, donne e soprattutto bambini, IN VIAGGIO (verso il giorno dopo) è il racconto dell’esperienza diretta del Portavoce dell’UNICEF Andrea Iacomini attraverso i territori di guerra da dove nascono le sofferenze, le violenze, il terrore. Dopo aver girato l’Italia negli ultimi 18 mesi per raccontare guerre e violenze dimenticate e oggi clamorosamente tornate alla ribalta, come il conflitto in Siria che dura da 5 anni, ho deciso di raccontare in prima persona a teatro le storie di tanti bambini spesso invisibili. E’ una nuova sfida culturale che scommette sul teatro come forma di comunicazione diretta e di divulgazione su temi spesso dimenticati dai mezzi di comunicazione. Un invito a una riflessione su tematiche considerate distanti e spesso poco conosciute nella loro complessità” dichiara il portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini. Il monologo è anche l’occasione per una importante riflessione su come oggi il mondo dei media rappresenta queste vicende. Un viaggio ideale tra parole, suoni, musica e immagini di mondi spesso a noi lontani eppure così vicini.  Non possiamo abbassare la guardia rispetto alle tragedie umanitarie come la guerra in Siria che continuano ad insanguinare il pianeta. Questo spettacolo si pone l’obiettivo di tenere alta l’attenzione di fronte all’indifferenza generale” sottolinea Andrea Iacomini. Lo spettacolo, scritto e diretto dal regista Paolo Vanacore, accompagnato dalle musiche del maestro Alessandro Panatteri, con la partecipazione delle attrici Silvia Antonini e Maria Munoz Hernandez, è realizzato in collaborazione con l’Associazione Buona Cultura e fa parte della campagna dell’UNICEF Italia BAMBINI IN PERICOLO. L’incasso della serata verrà interamente devoluto a progetti dell’UNICEF per tutti i bambini che vivono in situazioni di emergenza in Siria, Nigeria, Sudan, Iraq, Somalia, Eritrea.

Per info e acquisto biglietti:

Teatro Franco Parenti Via Pier Lombardo, 14 Milano – 23 Novembre 2015 Sala AComeA ore 21 Costo del biglietto 15 euro donazione all’UNICEF

Biglietteria online

http://toptix3.mioticket.it/TeatroParenti/shows/in%20viaggio/events

Teatro dell’Orologio Via Dei Filippini, 17/A – Roma – 15 e 16 Dicembre 2015 Sala Orfeo

http://www.teatroorologio.com/eventi-speciali/in-viaggio-verso-il-giorno-dopo.html

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]