Il risveglio iridato di Cortina: ampezzani in festa per i Mondiali 2021‏

Entusiasmo alle stelle all’annuncio dell’attribuzione, a Cortina, dei Mondiali di Sci 2021: il campanile si illumina a festa e, tra striscioni e slogan, il paese celebra un successo ampezzano e italiano che rappresenta una vetrina inestimabile per il territorio. Da domani comincia un duro lavoro per preparare un Mondiale indimenticabile, all’insegna della sostenibilità e del Made in Italy.

Senza-titolo-14

Cortina d’Ampezzo, 13 giugno 2016_Erano le due del mattino, in Italia, quando finalmente la notizia tanto attesa è trapelata: Cortina d’Ampezzo ospiterà l’edizione 2021 dei Campionati Mondiali di Sci Alpino. Da Cancún, dov’era riunito, il Consiglio FIS ha approvato all’unanimità la decisione e l’annuncio in diretta, pubblicato sul profilo Facebook del sindaco Andrea Franceschi, collegato con la delegazione in Messico, è rimbalzato dall’altro lato dell’Atlantico. Obiettivo raggiunto, quindi: una vittoria costruita passo dopo passo, un lavoro di squadra portato avanti da Comune, CONI, FISI, Fondazione 2021 con il sostegno di Governo, Regione del Veneto e Provincia di Belluno, impegnati a promuovere l’eccellenza italiana nel mondo, la sua credibilità e il suo ruolo internazionale. Un’ondata di entusiasmo ha travolto gli ampezzani: la soddisfazione è palpabile, passeggiando per Cortina si percepisce chiaramente un’atmosfera di festa senza precedenti. Il campanile si è illuminato con la scritta Cortina 2021 ed è stato immortalato dalle foto dei passanti. Resterà acceso venerdì e sabato notte, per celebrare un risultato storico. All’alba si è brindato con il caffè offerto agli avventori da molti bar del centro: un risveglio pieno di energia, che simboleggia la grinta con cui la località si prepara all’evento iridato che proietterà le Dolomiti e l’Italia intera sugli schermi di tutto il mondo. In municipio è apparso uno striscione che ricorda, con lungimiranza, l’importanza dell’unità, perché da questa avventura, appena iniziata, non si può trarre che un insegnamento: solo insieme si vince. A pochi passi dal campanile, alla sede dello Sci Club di Cortina, un gigantesco cartello ricorda l’appuntamento. Fino a qualche minuto prima dell’assegnazione era coperto da un panno verde, per prudenza e scaramanzia – dopotutto si trattava del quinto tentativo di candidatura – ed è con sollievo che il presidente dello storico Sci Club ha potuto toglierlo ed esporlo al pubblico. “Abbiamo spaccato” è uno degli slogan più utilizzati in queste ore: il riferimento è alla mitica spaccata di Kristian Ghedina, indimenticato campione di casa e testimonial della candidatura, che ha accompagnato la delegazione a Cancún e che rappresenta uno dei volti sportivi dei Mondiali 2021. Negozi e attività commerciali del centro sono in fibrillazione, inneggiano a una vittoria che farà del bene al turismo, allo sport e all’immagine non solo di Cortina, ma di tutto il Paese. Perché questo successo appartiene a tutte le realtà sportive e imprenditoriali ampezzane, che hanno una chance importante per proiettarsi verso un rilancio futuro, trainando tutto il settore. Oggi si festeggia, ma da domani comincia un duro lavoro che vedrà impegnati tutti i partner di questa impresa e che coinvolgerà l’intero territorio. Quelli del 2021 dovranno essere dei Mondiali tecnologici e ecosostenibili, come prescrive la Carta di Cortina firmata lo scorso gennaio con il Ministero dell’Ambiente: un evento capace di valorizzare la montagna e il Made in Italy.

 

Carta di Cortina, best practice per le località alpine “green oriented”‏

Partono tre progetti con il Ministero dell’Ambiente, nuovo brand e iniziative di formazione. Da un documento di impegno a un corposo calendario di eventi e progetti a breve, medio e lungo termine. A 4 mesi dalla sottoscrizione della Carta di Cortina il Ministro Gian Luca Galletti con il Sindaco del Comune di Cortina Andrea Franceschi; Carlo Maria Medaglia, capo della segreteria tecnica del Ministero dell’Ambiente; Valeria Ghezzi, presidente ANEF; Paolo Nicoletti, amministratore delegato Fondazione Cortina 2021; Flavio Roda, presidente FISI al Ministero dell’Ambiente hanno illustrato le azioni concrete che coralmente stanno portando avanti per ridurre l’impronta ambientale del turismo e dello sport di montagna, anche in vista dei Mondiali di Sci 2021.

Senza-titolo-25

Roma, 25 maggio 2016_Anche nel mondo “bianco” per eccellenza, quello degli sport invernali, il futuro è green. Lo scorso gennaio, su impulso del Ministero dell’Ambiente, il Comune di Cortina d’Ampezzo ha promosso la nascita di un modello di sviluppo innovativo, la Carta di Cortina: uno strumento che promuove in maniera concreta e corale il turismo alpino sostenibile, anche in vista dell’imminente assegnazione dei Mondiali di Sci 2021. A quattro mesi dalla firma, il progetto ha proseguito nel suo percorso grazie al contributo partecipato di ANCI, ANEF, CONI, Fondazione Cortina 2021, FISI, Fondazione Dolomiti UNESCO, sprecozero.net. I firmatari si sono riuniti a Roma oggi 25 maggio, alle ore 12.00, nella sede del Ministero dell’Ambiente, per presentare in conferenza stampa i progetti a medio e lungo termine al momento avviati. Sono già numerose le iniziative in corso: i primi passi di un programma che, step by step, punta a potenziare l’efficienza delle risorse come acqua e suolo, a diminuire gli sprechi e a limitare le emissioni di gas serra e i costi energetici. Come la valutazione dell’impronta ambientale del Comune di Cortina; lo studio del carbon footprint e water footprint di un impianto di innevamento artificiale, in collaborazione con ANEF; l’elaborazione di linee guida sulla sostenibilità, in collaborazione con il Comune. Il Comune sta inoltre dando vita a una serie di incontri formativi per i cittadini, gli studenti, i turisti, per promuovere l’educazione agli sprechi alimentari, in collaborazione con Last Minute Market. «Il lavoro sulla Carta di Cortina – ha detto il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – si sta dimostrando serio e prezioso. Oggi la Regina delle Dolomiti deve vincere la sfida della sostenibilità: i progetti partiti sono strategici per ridurre gli impatti inquinanti e il consumo di risorse, specie durante la stagione di massimo afflusso turistico. Fondamentale – ha aggiunto – è la sperimentazione delle buone pratiche negli alberghi, visto che sempre più i clienti, italiani e stranieri, indirizzano le loro scelte su strutture eco-friendly. Il governo ha messo in campo su questo tema grandi novità, tra cui il Conto Termico che partirà a fine mese, con 700 milioni per incentivare gli interventi di efficienza energetica privata. All’orizzonte per Cortina – conclude Galletti – c’è un grande traguardo da raggiungere, quello dei Mondiali di Sci Alpino del 2021: è un onore sapere che nel dossier della candidatura ci sia questa Carta e che quindi l’ambiente aiuti, come speriamo, a far vincere l’Italia». «Il supporto del Ministero dell’Ambiente e il dinamismo dei firmatari della Carta, che hanno partecipato a questa conferenza stampa, sono una grandissima opportunità che Cortina deve sfruttare al meglio. In questo progetto stiamo coinvolgendo in primis — con una forte attività di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale — le scuole e gli studenti. E l’obiettivo è quello di continuare con incontri rivolti allo stesso Municipio, che interesseranno i dipendenti, e con appuntamenti dedicati ai cittadini e alle categorie economiche. Nel futuro sarà inoltre previsto un coinvolgimento attivo delle università per la progettazione di interventi che abbiano a tema, principalmente, la sostenibilità per gli sport invernali. Insomma, promuoviamo e partecipiamo con convinzione a questi incontri informativi. Lo sviluppo di Cortina, non solo in ottica 2021, è indissolubilmente legato a questa strada» ha dichiarato il sindaco di CortinaAndrea Franceschi.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]