Il Pagante “DAM” È il nuovo singolo ambientato ad Amsterdam

[AdSense-A]

 

Il primo album “Entro in pass” esce il 16 settembre

senza-titolo-3

Esce oggi venerdì 9 settembre “DAM”, il nuovo singolo de Il Pagante dopo il successo di “ Bomber” che quest’estate ha conquistato la rete con quasi 6 milioni di views. Il singolo anticipa l’uscita del loro primo album prevista per il prossimo 16 settembre che prende il titolo “Entro in pass” dal loro primo brano del 2012. In “DAM” il Pagante mette al centro la vacanza ad Amsterdam, meta turistica della trasgressione, dove tutti i sogni proibiti di un giovane pagante sono legali.  Con questo singolo, Il Pagante celebra i luoghi comuni adolescenziali del “viaggio ad Amsterdam”, meta turistica della trasgressione. Il brano mostra un’insospettata parentela con il cinema (“Notte Prima degli Esami” e “Una Notte da Leoni” i modelli di riferimento): il giovane pagante, schierato dalla parte dell’eccesso e deluso dal proibizionismo, parte con la sua compagnia di amici all’insegna della scoperta del “paese dei balocchi”. Con i coffee shop, i numerosi musei e la musica underground, Amsterdam rappresenta il sogno di evasione del giovane ragazzo pagante in cerca di nuove avventure. Da “Entro in Pass” a “Bomber” (https://itunes.apple.com/it/album/bomber-single/id1118460727), passando per “Vamonos” , il successo dello scorso anno , “Faccio after” o “La shampista” e tanti altri nuovi brani, Il Pagante racconta la vita milanese e la realtà di tutti i ragazzi osservata da occhi “paganti”. Dal 16 settembre i ragazzi de Il Pagante incontreranno i fan negli store delle principali città italiane:  Venerdì 16 a Varese alle ore 15.00 (Mondadori – Via Morosini, 10)e a Milano alle ore 18.30 (Mondadori Duomo, Piazza Duomo), sabato 17 a Torino alle ore 15.00 (Mediaworld Grugliasco CC Le Gru – Via Crea, 10) e a Novara alle ore 18.30 (Mondadori  Bookstore –Via Fratelli Rosselli, 45), domenica 18 a Lonato alle ore 15.00 (Mondadori CC Il Leone Shopping Center – Via Mantova, 36) e Bassano alle ore 18.30 (Mediaworld CC Il Grifone – Via Capitelvecchio, 88/90), lunedì 19 ad Arese alle ore 15.00 (Mondadori Megastore – Via Luraghi 11) e a Como alle ore 18.30 (Frigerio Dischi– Via Garibaldi, 38), martedì 20 a Padova alle ore 15.00 (Mondadori – Piazza Insurrezione XXVIII Aprile, 3) e a  Verona alle ore 18.30 (CC Le corti Venete – Viale del Commercio, 1), mercoledì 21 a Modena alle ore 15.00 (Mediaworld CC Grand’Emilia – Via Emilia Ovest, 1480) e a Bologna alle ore 18.30 (Mondadori – Via Massimo D’Azeglio, 34), giovedì 22 a Roma alle ore 15.00 (Discoteca Laziale – Via Giovanni Giolitti, 263) e a Napoli alle ore 18.30 (Mondadori – Piazza Vanvitelli, 10), venerdì 23 a Lucca alle ore 15.00 (Sky Stone – Piazza Napoleone 21/22) e a Firenze alle ore 18.30 (Galleria del Disco – Sottopassaggio Stazione SMN).

Il Pagante è uno dei giovani gruppi musicali più in voga in Italia, capace di dettare il trend musicale delle notti dei giovanissimi italiani, una realtà in grado di riprodurre in musica le abitudini, i costumi, gli interessi e le utopie di tutti i giovani e di creare un vero e proprio nuovo linguaggio. Con oltre 10 milioni di visualizzazioni sul web e più di 100 live all’attivo non è solo un gruppo musicale, è infatti anche una categoria sociale, è come un virus.

La moda è sempre più Animal Friendly

[AdSense-A]

Ad Amsterdam la prima via dello shopping fur-free in Europa

di Roberta Grendene
Senza-titolo-11
C’è un quartiere ad Amsterdam, nato nel XVII secolo sulla spinta del fiorire delle attività commerciali, le cui vie portano i nomi degli artigiani che vi lavoravano. Sono soprattutto laboratori di pelli e pellicce ad animare questa area compresa tra Prinsengracht, Keizersgracht, Herengracht e Singel che qui è chiamata “De Negen Straatjes”, ovvero “le 9 stradine”.  E proprio uno di questi storici vicoli ha deciso di dare un segnale importante alla città e al mondo fashion; infatti Hartenstraat, con i suoi negozi, è diventata la prima via dello shopping in Europa “fur-free”. Acquisti sì, mai più peró nè di pelli né di pellicce. Questo cambio di rotta in una città rivoluzionaria come è Amsterdam, è il risultato dell’impegno  dell’associazione animalista olandese Bont voor Dieren che ha coinvolto tutti i diciannove imprenditori di Hartenstraat con l’obiettivo di eliminare le pellicce.  Oggi, accanto alla targa che riporta il nome della strada, ce n’è un’altra con la scritta “Bontvrije winkelstraat”: shopping fur-free.
CltX0u7WgAAZR3K
Via libera quindi all’acquisto di capi di abbigliamento e accessori “animal-friendly” in tutti i negozi, da Fred Perry a Karl Lagerfeld, da Timberland a Cos. Amsterdam a parte, qualcosa nel mondo della moda si sta muovendo e la tendenza animal friendly prende sempre più piede con i grandi marchi che scelgono di aderire all’International Fur Free Retailer Program. Tra questi Stella Mccartney, da sempre impegnata sul fronte animalista, Giorgio Armani, H&M, Zara. Solo per citarne alcuni. Una sensibilità ritrovata si vede anche nelle sfilate, nei party esclusivi e negli eventi  mondani più importanti. All’inizio fu Livia Firth, moglie dell’ attore Colin Firth, con gli Eco store fondati con il fratello, a dare il via ad un cambiamento radicale nella concezione del capo di abbigliamento. Lei, ambasciatrice di Oxfam Italia, ha saputo coinvolgere stilisti e celebrities in vari progetti di sensibilizzazione di moda ecologica. Dal Green Carpet Challenge alla collaborazione con Gucci. Perchè la moda oggi è soprattutto un modo di vivere. Con l’amore per gli animali cucito addosso.

Soluzioni innovative per la stampa al Drupa 2016

Una vasta gamma di stampanti UV e a solvente per avviare o far crescere il business

unnamed-(3)Amsterdam, 25 aprile 2016 – Mimaki, leader globale nella produzione di stampanti inkjet di grande formato e di plotter da taglio per i settori della cartellonistica/grafica, tessile/abbigliamento, imballaggio e industriale, porterà a Drupa 2016 il suo intero portfolio di stampanti a solvente e UV e plotter da taglio. In occasione della più importante fiera del settore della stampa a livello mondiale, (Düsseldorf, 31 maggio – 10 giugno), Mimaki esporrà soluzioni per rispondere a tutte le esigenze di mercato: dalla cartellonistica per interni ed esterni ai prodotti industriali, per l’imballaggio e promozionali. “Siamo particolarmente entusiasti di presentare a Drupa la nuova stampante UJV55-320 da 110 m2/h per una larghezza di 3,2 m” – afferma Mike Horsten, general manager marketing EMEA di Mimaki Europe. “Questo sistema è stato appena lanciato a FESPA Digital, dove ne sono state vendute 30 unità. Ci aspettiamo altrettanto interesse da parte dei visitatori di Drupa. Ma le nostre proposte non finiscono certo qui. I nostri esperti saranno a disposizione di clienti e prospect per illustrare altre soluzioni in grado di garantire maggiori profitti se aggiunti alle loro piattaforme di produzione. E avremo molti bellissimi esempi applicativi realizzati con stampanti e plotter da taglio di diversi tipi. Sicuramente al nostro stand ci saranno novità e proposte interessanti per tutti gli operatori”. Altri sistemi protagonisti allo stand Mimaki:

  • La stampante flatbed UJF-7151plus per stampa diretta su vari supporti al più elevato livello qualitativo di produzione industriale.
  • La stampante flatbed UJF-6042 e le stampanti UV-LED desktop di dimensioni più piccole UJF-3042HG e UJF-3042FX.
  • Le stampanti flatbed ad alte prestazioni JFX500-2131 e JFX200-2513, e la stampante industriale roll to roll UV UJV500-160.
  • Le stampanti di produzione a base solvente JV150-160 e JV300-160, e le soluzioni di stampa e taglio CJV300-160 e CJV150-75.

  Commentando l’ampio ventaglio di proposte, Horsten aggiunge: “Siamo certi che i visitatori apprezzeranno anche il plotter da taglio CFL-605RT, ideale da utilizzare in combo con la flatbed UJF-6042 per ottenere una soluzione di stampa e taglio che consente di creare campioni e modelli di imballaggi e basse tirature di prodotti personalizzati o unici”. Un’altra proposta firmata Mimaki degna di nota è l’opzione Kebab, utilizzabile con UJF-3042HG e UJF-6042 per stampa UV diretta a 360° su oggetti cilindrici con larghezze comprese tra 30 e 330 mm e diametri compresi tra 10 e 110 mm. “Una soluzione che si conferma sempre di grande interesse per il pubblico” – spiega Horsten – “Ciò che sorprende di più è la facilità con cui l’opzione Kebab consente di personalizzare prodotti promozionali per ordini a elevato valore aggiunto”. In mostra allo stand Mimaki un’ampia varietà di applicazioni che spaziano dalla cartellonistica per retail e punti vendita ai prodotti promozionali, come la stampa su penne e cover per iPhone. In esposizione anche stampe realizzate con gli inchiostri leader di mercato Mimaki. Ai visitatori sarà offerta l’opportunità di confrontarsi con il team di esperti Mimaki per analizzare le singole esigenze produttive e identificare le soluzioni più idonee alle specifiche necessità avvalendosi degli inchiostri arancione, nero chiaro e argento disponibili per determinate stampanti. Un valore aggiunto che amplia la gamma cromatica e permette la realizzazione di effetti metallici a costi accessibili. “La consulenza strategica dei nostri esperti è finalizzata ad affiancare i clienti in un percorso di sviluppo e crescita del loro business”- attesta Horsten – “Siamo ansiosi di accogliere i visitatori e illustrare loro come possiamo aiutarli a rendere la loro attività ancora più redditizia”.

Ooh l’amour…idee insolite per una fuga romantica

San Valentino: due cuori e una capanna…o meglio una casa vacanze

1. San Sebastian - San Valentino16 - HomeToGo

                    Foto di  Eric Chan

Berlino, ( HomeToGo) 8 febbraio 2016 – La festa degli innamorati si avvicina e  HomeToGo suggerisce quattro mete alternative verso cui programmare la propria fuga d’amore. Si tratta di destinazioni meno affollate rispetto alle più famose e gettonate concorrenti ma altrettanto romantiche. Per un’atmosfera più intima è possibile scegliere di alloggiare in una casa vacanze, il perfetto nido d’amore per un fine settimana fuori, senza rinunciare ai comfort e al contempo risparmiando. San Sebastián, una chicca sulla costa spagnola nord-orientale Una passeggiata sul lungomare di San Sebastián, sulla baia della Concha dalla sabbia dorata ed il mare turchese, protetta da alte colline, è uno dei momenti più romantici che è possibile concedersi durante una fuga d’amore in questa cittadina basca a circa 20 km dal confine con la Francia. L’atmosfera che si respira in questa chicca nel cuore dei Paesi Baschi, nominata Capitale Europea della Cultura 2016, è vagamente aristocratica, ma al contempo ricca di influenze della vivace surf culture. La cultura gastronomica, poi, innovativa e di altissima qualità, farà in modo che nemmeno le aspettative culinarie siano disattese.

2.-Amsterdam---San-Valentino16----HomeToGoIl lato romantico di Amsterdam Una crociera per i suoi canali, un giro in bicicletta tra i mulini a vento delle sue campagne, una cena a lume di candela in un localino del centro: Amsterdam ha un lato romantico davvero speciale. Ricca di mostre d’arte, musei e teatri, la capitale olandese, particolarmente famosa per i suoi coffee shop “alternativi” e per il quartiere a luci rosse, offre in realtà una vasta scelta di attrazioni ed eventi. Il centro cittadino è dal 2010 patrimonio dell’umanità e, con i suoi scorci unici e i giochi di luci sull’acqua, ha verso sera un’allure ancor più romantica. L’esperienza culinaria sarà qui

Foto di Per Salomonsson

particolarmente interessante e variegata, ricca di influenze internazionali, la cucina rispecchia, infatti, l’essenza liberale della città ed il suo carattere multietnico.

3.-Lucerna---San-Valentino16---HomeToGoLucerna tra panorami ed eventi A febbraio la Svizzera offre un ricco e interessante panorama di eventi. A Lucerna, sulle rive nord-orientali dal Lago dei Quattro Cantoni, natura e architettura sembrano aver trovato un equilibrio perfetto. Panorami e prospettive sono tanti e tutti bellissimi: dal Monte Pilatus e dal Monte Rigi la vista è mozzafiato, dai ponti in legno di origine medievale nel centro storico cittadino, uno tra tutti il Ponte della Cappella, gli scorci sono molto pittoreschi, così come dalle terrazze dei caffè e

Foto di Kosala Bandara

ristoranti del centro. Dal tramonto la città si riflette sul lago acquistando un fascino unico e molto romantico. Non mancano eventi e locali notturni, diversi dal solito quelli a bordo dei battelli attraccarti lungo le rive del lago.

4.-Praga---San-Valentino16---HomeToGoPraga, proprio come in un romanzo Praga, capoluogo della Repubblica Ceca, è una città dal fascino unico: misteriosa e magica, il risultato di un mix di stili e del susseguirsi di epoche che ne hanno formato carattere e cultura. La città vecchia, il quartiere di Malá Strana con le sue viuzze, il famoso castello, ricorrente elemento nei romanzi di Kafka, ed il Vicolo d’oro, un tempo abitato dalla servitù del castello, il Ponte Carlo ed il cimitero ebraico sono alcune delle bellezze che Praga ha da offrire. Non mancano locali e ristoranti per un’immancabile cena romantica, qui tipicamente a base di carne e birra. Metodologia I dati indicano i prezzi mediani a notte per

Foto di Davidlohr Bueso

un alloggio per due-sei persone dal 12 al 14 febbraio 2016. A proposito di HomeToGo HomeToGo è il più grande meta-motore di ricerca per le case e appartamenti vacanza che permette di cercare e confrontare in modo facile e veloce le oltre 3 milioni di offerte disponibili in oltre 200 Paesi e da più di 150 siti diversi. Con i vari filtri a disposizione l’utente può trovare la sistemazione più adatta alle proprie esigenze ordinando le proprietà secondo destinazione, data di arrivo e partenza, prezzo e servizi richiesti. Il quartier generale è a Berlino. Fondata da Patrick Andrä, Wolfgang Heigl e Nils Regge, ad oggi l’azienda conta più di 50 dipendenti ed è attiva in 9 nazioni europee e negli Stati Uniti.

Per ulteriori informazioni: Fabrizio Di Fulvio General Manager – Italia HomeToGo GmbH Tel. +49 (0)1573 2848 20 [email protected] www.hometogo.it

L’Olanda dei tulipani e delle biciclette

Più del 60% del commercio mondiale di fiori e piante si svolge attraverso le aste in Olanda.

Di Francesca Rossetti

OlandaRoma, 9 ottobre- Da sempre l’Olanda è il paese dei mulini a vento e delle biciclette che percorrono le piste situate lunghe straordinarie coltivazioni di tulipani e fiori di ogni genere, rendendo questo bellissimo Paese il numero 1 al mondo per la floricoltura dato che il popolo olandese per eccellenza ama i fiori e li regala nelle più diverse circostanze, dai compleanni ai matrimoni, dalle lauree ai battesimi. La lingua olandese ha adottato un’espressione che in principio venne introdotta come slogan di mercato: “Dillo con un fiore”. Ogni anno, quando il Papa diffonde il suo messaggio Urbi et Orbi, gli Olandesi attendono la famosa frase: “Ringrazio i Paesi Bassi per i fiori”. I primi dipinti con nature morte floreali del XVII secolo erano spesso accompagnati da messaggi edificanti. Il breve periodo della fioritura era spesso paragonato alla vita dell’uomo sulla terra. Il dipinto floreale più famoso è “I Girasoli” (Van Gogh). L’attuale gamma di bulbi da fiore presenta ogni fragranza, colore e forma immaginabile tanto da essere esportata in tutto il mondo con il marchio dell’Olanda. Se ne possono acquistare di multicolori anche al mercato delle pulci di Amsterdam. Fu Carolus Clusius, Direttore del Giardino Botanico di Leida, a piantare il primo bulbo di tulipano nel XVI secolo: la produzione partì da Haarlem, che rimane ancora oggi il centro commerciale principale, ma poi si estese anche in altre parti del Paese e si diffuse verso sud. Nella zona dello Bloembolenstreek, attualmente compresa tra Haarlem e Leida, quella che divenne poi famosa come la regione dei bulbi, con Lisse al centro centrale, si concentrarono maggiormente le piantagioni e gli immensi campi fioriti di Tulipani. Qui i fiori si dischiudono trasformando queste cupe pianure in tappeti coloratissmi che ondeggiano sotto la carezza del vento e mutano a seconda dei giochi di luce riflessa. In primavera, tutta questa zona si trasforma in un immenso mosaico di colori, un vero spettacolo variopinto. Attualmente il Noord Holland e il Flevoland costituiscono il centro della coltivazione dei fiori da bulbo. Lo Zuid Holland è la zona classica della tulipomania. Ogni inverno i coltivatori olandesi piantano i bulbi, sperimentando continuamente variazioni alla ricerca di nuove forme e sfumature facendo nascere inebrianti profumi e stupefacenti effetti di colore: arancione, rosso, giallo, rosa, bianco, viola, indaco.I bulbi a fioritura primaverile vengono coltivati soprattutto nelle province costiere, mentre i gigli e i gladioli a fioritura estiva interessano invece maggiormente le province orientali del paese. Sono piantati a strati per assicurare un arcobaleno continuo di colori da marzo a maggio, con fioriture di ciliegio e numerose sculture. Tripudio di fioriture variopinte che rimarrà fino metà maggio quando i primi fiori cominciano già a guastarsi. In estate, si passerà alle piante perenni, a quelle da trapianto e agli arboscelli fioriti. I periodi migliori per la fioritura infatti, sono: per i fiori di croco a fine marzo, per i narcisi e tulipani precoci agli inizi di aprile, per i giacinti a metà aprile, mentre per i tulipani da metà aprile a metà maggio. Una delle massime rappresentazioni di queste floricolture si trovano al Keukenhof, uno dei più famosi parchi dell’Olanda, il più bel giardino primaverile del mondo, localizzato a Lisse, cittadina nella regione dello Zuid Holland ed aperto nel 2006 e con l’occasione è stato battezzato un nuovo tulipano. 500 bulbi di questo nuovo esemplare sono stati piantati sotto il busto di Rembrandt a Leiden e 6000 tulipani dal nome “Rembrandt” sono fiori sulla Piazza “Rembrandtplein” ad Amsterdam, intorno alla statua dedicata al pittore. La regione costiera tra Haarlem e Leida è da sempre chiamata Bloembollenstreek (la zona dei fiori), perché è il luogo nel quale ebbe inizio la coltivazione dei bulbi, piantati in autunno e in primavera. In estate i bulbi vengono prelevati, sbucciati e fatti asciugare, e poi messi in commercio. I fiori più coltivati sono tulipani, giacinti, narcisi, lillà e gladioli. In questo periodo si svolge anche la famosa Flower Parade, una grande sfilata di imbarcazioni riccamente decorate con fiori e le aziende che si occupano della coltura dei fiori, della relativa riproduzione, conservazione e distribuzione sono ancora tantissime, tutte garantiscono una costante fornitura e qualità dei prodotti. Il più grosso produttore di bulbi è Frans Roozen, ubicato a Vogelenzang, 10 Km a sud di Haarlem, dopo Heemstede . Espone tulipani da aprile a maggio, tutti i giorni dalle 8 alle 18; altre varietà di bulbacee da luglio a ottobre. Effettua vendita diretta. Tra tutte quelle indicate in fioriweb, alcune di interesse particolare sono:


* La 
Preesman che presenta una catalogo sfogliabile per il quale occorre installare uno specifico plug-in del proprio browser. Russoroses è un fornitore italiano di fiori, agente anche Preesman

http://www.preesman.com/
La Rosen Tantau con i Vivai Villatella agente italiano della stessa azienda olandese http://www.rosen-tantau.com/
* La 
Hilverda con la Florinvest S.p.A., il suo agente italiano http://www.hilverdadeboer.com/region/7/
Ecco invece uno dei più famosi negozi per 
acquisti online di bulbi, il TulipWorld  http://www.tulipworld.com/

Negli anni ’80 e ’90, famosi calciatori olandesi come Ruud Gullit, Marco van Basten e Frank Rijkaard erano chiamati in Italia tulipani. Oggi, i tulipani viola col “Fiocco Rosa” son il simbolo della battaglia contro il cancro al seno. Più del 60% del commercio mondiale di fiori e piante si svolge attraverso le aste in Olanda. L’asta FloraHolland di Naaldwijk è la più grande asta mondiale di piante e fiori recisi, e si occupa di più del 90% del commercio floreale olandese. Una seconda grande asta è la VBA di Aalsmeer. La Horti Fair è un’importante fiera internazionale dell’orticoltura per professionisti, che si svolge tutti gli anni presso la RAI di Amsterdam. I fiori sono uno dei prodotti principalmente esportati dai Paesi Bassi. I maggiori importatori sono Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Russia. Per garantire il commercio floreale nell’arco di tutto l’anno, l’Olanda importa a sua volta fiori, in particolare da paesi come Africa e Israele, essendo anche il principale importatore dell’Unione Europea. Spesso gli imprenditori che si occupano della coltivazione di fiori ornamentali in Africa sono di origine olandese. Molti fiori vengono coltivati in serra. Il Westland e Aalsmeer sono l’epicentro del mercato floreale mondiale. I Paesi Bassi posseggono circa 10.000 ettari di serre, di cui un terzo è riservato alla coltivazione di fiori recisi e per ridurre il consumo energetico dovuto all’utilizzo delle serre sono stati installati pannelli solari sui tetti delle serre: alcune di esse sono sopraelevate con alimentazione ad energia geotermale. Il Promotion bureau for Dutch flowers (Flower Council of Holland) fornisce dati e cifre sull’import/export dei fiori.

Attrazioni turistiche

Keukenhof: il giardino all’aperto più grande del mondo

Floriade: esposizione mondiale dell’orticoltura che si tiene ogni dieci anni, da aprile ad ottobre.

Percorsi per pattini, bicicletta e a piedi vi attendono tra i campi in fiore di Zijpe nel Noord-Holland e nel Flevoland.

Voli sopra le aree in fioritura

Visita all’asta FloraHolland;

 Escursioni nell’agricoltura e orticoltura olandese;

 Giro in macchina tra i campi (dalla A6, svincolo Emmeloord);

www.museumdezwartetulp.nl

Museum de Zwarte Tulp (Museo del Tulipano Nero) http://www.museumdezwartetulp.nl/

Il più grande dipinto nel mondo con tulipani (63 metri di lunghezza per 4 metri d’altezza);

Museo dei Tulipani di Amsterdam http://www.amsterdamtulipmuseum.com/italiano/

 

Eventi floreali


  • Holland’s Flower Festival/the West Friesian Flora: la più grande mostra al coperto di bulbi in Olanda
  • Flower Parade
  • Sailing Westland Parade, agosto – percorso di 70 km – 300.000 visitatori

Anche in Italia si festeggiano i fiori. Infatti, a Castiglione del Lago in Umbria, ogni anno, si tiene la Festa dei Tulipani Tutto il paese viene addobbato da migliaia di coloratissimi fiori, che incorniciano finestre, balconi, angoli di strade, piazzette e vetrine dei negozi: esiste una vera e propria competizione per allestire i migliori addobbi floreali, la festa prevede anche una sfilata di carri allestiti con i fiori. Le origini della Sagra del Tulipano risalgono proprio ad alcune famiglie olandesi che avendo acquistato i terreni vicino al lago Trasimeno per coltivare bulbi di tulipani, iniziarono a festeggiare l’inizio della bella stagione addobbando con il “primo fiore” finestre e balconi di Castiglione.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]