Capodanno. In settantamila in piazza Duomo per salutare in musica l’arrivo del nuovo anno

Serata senza incidenti grazie a 250 uomini tra Polizia locale e Forze dell’ordine. Da Amsa automezzi e risorse in tutta la città per pulizia delle strade e raccolta rifiuti

caparezzaMilano, 1° gennaio 2016 – Il 2016 è stato accolto da una serata di festa in piazza Duomo, dove si è svolto il grande concerto organizzato dal Comune di Milano con la musica del cantautore Caparezza, anticipato sul grande palco da Bombino e dal Dj set a cura di I Distratti. “Una bellissima piazza Duomo, festosa e serena, ha accolto ieri sera l’arrivo del 2016 – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno -. Siamo felici di aver consolidato una tradizione, quella appunto di riportare il concerto di Capodanno nel cuore della città dove tutti, milanesi e non, convergono naturalmente per condividere grandi emozioni e momenti di felicità. Proprio come è accaduto ieri sera, in occasione di un grande spettacolo dal vivo, con artisti che hanno saputo divertire e stupire grazie a uno show scoppiettante e, al tempo stesso, di grande qualità musicale”. La serata si è svolta, in piazza e in città, senza incidenti e feriti gravi. “Il meticoloso lavoro di preparazione, svolto insieme alla Prefettura e alle altre Forze dell’Ordine, il grande impegno dei volontari e degli operatori in piazza Duomo, insieme alla collaborazione dei cittadini hanno prodotto il risultato di una serata perfettamente riuscita anche dal punto di vista della sicurezza, senza tuttavia dare l’impressione di una piazza ‘militarizzata’ ma al contrario di un luogo sicuro dove poter condividere serenamente un momento di festa – ha commentato l’assessore alla Sicurezza e coesione sociale Marco Granelli – . Un modello di collaborazione che ha saputo anche dimostrare come Milano e il nostro Paese non si fermino davanti alle minacce del terrorismo e riescano a garantire a tutti, milanesi e turisti, la libertà di divertirsi senza paura nelle sue piazze, in qualunque occasione. Ringrazio i Vigili e tutte le Forze dell’Ordine, i volontari e gli operatori della Protezione Civile, del 118 e delle associazioni e Amsa per aver contribuito a raggiungere questo straordinario risultato”. Importante anche quest’anno l’impegno di Polizia Locale e Prefettura, in coordinamento con le altre Forze dell’Ordine, per il controllo di piazza Duomo: impegnati 50 vigili della Polizia Locale, 200 uomini delle Forze di Polizia e un centinaio di persone tra associazioni e Protezione civile. Otto i varchi organizzati dalla Polizia locale per accedere alla zona del concerto, dove quest’anno, oltre al controllo per impedire l’ingresso in piazza di vetro e di petardi, è stato effettuato dalle Forze di Polizia – con circa 10 uomini per ogni varco – un controllo con il metal detector. Ai varchi sono stati raccolti 20 chili di petardi e mezza tonnellata di vetro. Nella zona adiacente alla piazza sono stati effettuati 750 sequestri tra vetro e petardi, 150 nel resto della città. “La sicurezza garantita durante la notte scorsa ha anche permesso alle attività commerciali e di ristorazione, in piazza e nelle zone adiacenti, di lavorare in tranquillità offrendo un servizio di cui tutti, milanesi e turisti, hanno potuto fruire fino ad ora tarda”, ha concluso l’assessore Granelli. Alle 00.30 il concerto è terminato ed è iniziato il deflusso. La metropolitana ha viaggiato fino alle 2 ‘a pieno carico’ per accompagnare gli spettatori del concerto alle loro case o alle nuove destinazioni per proseguire i festeggiamenti. A mezzanotte i mezzi dell’Amsa erano già pronti a intervenire con 24 automezzi e 59 risorse, tra operatori e autisti. L’intervento di pulizia, iniziato intorno alle 24, è  stato completato sostanzialmente intorno alle 5. E’ proseguito poi fino alle 9.30 circa con interventi di rifinitura e pulizia dell’area palco, di cui era in corso lo smontaggio. Anche nel resto della città Amsa garantisce oggi la raccolta dei rifiuti e la pulizia delle strade. Da questa mattina alle 5.45 è infatti in corso la raccolta delle frazioni differenziate dei rifiuti con 140 squadre e 270 operatori, mentre 93 automezzi (autospazzatrici e automezzi con vasca) e 144 risorse (operatori e autisti) sono all’opera per i servizi di spazzamento e la vuotatura cestini dei stradali.

Animali. Cittadini testimonial contro l’abbandono delle deiezioni canine

Parte l’iniziativa del Comune e di Amsa per sensibilizzare gli oltre 80mila proprietari di cani

fotoMilano, 9 settembre 2015 – “Se ami il tuo cane e la tua città, non abbandonare le deiezioni per strada o nei parchi”. È questo il messaggio della campagna di sensibilizzazione pensata dal Comune di Milano e realizzata da Amsa che partirà nei prossimi giorni. L’iniziativa è stata presentata questa mattina da Pierfrancesco Maran, assessore alla Mobilità e Ambiente, Chiara Bisconti, assessora al Verde e Tutela degli Animali e Mauro De Cillis, Responsabile Operativo di Amsa. Il problema delle deiezioni canine che i proprietari o i conduttori di cani lasciano in strada incide in maniera forte sulla percezione dell’igiene urbana. Gli sforzi della maggior parte dei proprietari di cani, che educatamente si premurano di raccogliere i bisogni dei loro animali, vengono purtroppo vanificati dai pochi che compromettono il decoro e l’immagine della città. Per questo il Comune di Milano ha deciso di lanciare una campagna mirata che possa informare e coinvolgere i cittadini sul rispetto dell’ambiente e della legge. Ai circa 80.000 proprietari di cani residenti a Milano verrà inviata una lettera per ricordare come la raccolta delle deiezioni non sia soltanto un gesto di civiltà, ma anche un obbligo stabilito dai regolamenti comunali (l’ammenda prevista in caso di infrazione ammonta a 450 euro). Insieme alla lettera, i padroni riceveranno un kit di sacchetti per la raccolta e verranno invitati a diventare “testimonial” dei comportamenti virtuosi. Ognuno di loro potrà infatti inviare una foto con il proprio amico a quattro zampe al sito ilmiocane.amsa.it. Le foto inviate saranno inserite in un layout che accoglie lo slogan “Campagna contro l’abbandono delle deiezioni” e il bollo “pulisci dove sporca il tuo cane”, e pubblicate sulla pagina Facebook di Amsa. “Il nostro impegno per mantenere la città pulita è costante e trasversale – ha detto l’assessore Pierfrancesco Maran – ma con la collaborazione dei cittadini possiamo avere risultati sempre migliori. I milanesi in più occasioni hanno dimostrato di saper prendersi cura della propria città, basti pensare alla grande partecipazione per ripulire le strade Milano dopo gli sfregi del 1° maggio scorso. Questa campagna è una nuova occasione per dare il proprio contributo a rendere le nostre strade e i nostri parchi ancora più belli e accoglienti”. “Vogliamo una città dove tutti gli esseri senzienti possano vivere insieme in armonia – ha aggiunto l’assessora Chiara Bisconti – e per fare questo serve la collaborazione e la tolleranza di tutti. Così come abbiamo eliminato i divieti per l’accesso degli amici a quattro zampe in tutti gli uffici comunali, altrettanto chiediamo ai loro padroni di essere sempre più sensibili al rispetto degli altri. Un invito che rinnoviamo in particolare nelle aree cani, dove l’abbandono delle deiezioni può costituire un rischio proprio per la salute dei cani”. “La mancata raccolta delle deiezioni da parte dei proprietari dei cani – ha detto il Responsabile Operativo di Amsa Mauro De Cillis – ha purtroppo un’incidenza non indifferente sul decoro cittadino. Siamo convinti che questa campagna di sensibilizzazione per il mantenimento di strade e marciapiedi puliti e il coinvolgimento dei cittadini possa modificare sensibilmente i comportamenti di quella minoranza di conduttori di cani che ancora abbandonano sul suolo pubblico i bisogni dei propri amici a quattro zampe”. Prosegue l’impegno congiunto del Comune e di Amsa per mantenere puliti e decorosi le strade, i marciapiedi e le aree verdi della città. È partito il 6 settembre da Affori, Dergano, quartiere dei Fiori, viale Monza-via Padova, Rogoredo il ciclo di quattro domeniche di pulizia straordinaria nei quartieri di Milano in vista dell’autunno. In totale saranno impegnati 45 operatori Amsa per un totale di circa 1.100 ore supplementari di lavoro. I prossimi interventi sono previsti il 13 settembre (Corvetto, Lambrate – Monte Titano, Quarto Cagnino, Quarto Oggiaro), il 20 settembre (Baggio, Bruzzano, Comasina, via Melzo – via Frisi, Stadera) e il 27 settembre (Giambellino, Mazzini, Selinunte, viale Stelvio – via Farini).

Estate, più turisti e cittadini in città

A Luglio +19% rispetto lo scorso anno. Nei primi tre mesi di Expo +13% di arrivi. Assessore D’Alfonso: “Confermato il trend positivo del turismo a Milano”

EXPO, TURISTI LO SCOPRONO DA BANDIERE IN CENTRO: "TORNEREMO? MAYBE" - FOTO 14Milano, 12 agosto 2015 – Sempre più cittadini e turisti presenti in città nel mese di luglio e nei primi dieci giorni di agosto. Dai primi rilevamenti ufficiali a disposizione dell’Amministrazione risulta un incremento del 18,7%, con arrivi in città passati dai 659.821 del 2014 ai 783.584 di quest’anno. Un incremento del 7,8% anche rispetto al mese di giugno: dai 726.891 di giugno ai 783.574 di luglio. La Milano di Expo si conferma quindi una meta tra le più favorite in queste prime settimane estive. Del resto il trend riferito ai primi tre mesi dall’inizio di Expo fa segnare un incremento medio del +13,2% degli arrivi di turisti rispetto ai mesi di maggio, giugno e luglio 2014. “Milano è protagonista nelle scelte turistiche di italiani e stranieri in questa estate 2015 – l’assessore al Commercio e attività produttive Franco D’Alfonso – Nonostante il caldo delle ultime settimane e le partenze conseguenti alla chiusura delle scuole, la crescita dei consumi di acqua, la maggior produzione di rifiuti e l’aumento dell’utilizzo della rete wi-fi cittadina dimostrano come ci sia una maggior presenza in città. In particolare, i dati sulla raccolta dei rifiuti domiciliari nei primi dieci giorni d’agosto confermano come anche per i milanesi siano cambiate le abitudini estive: non assistiamo più al grande esodo agostano, ma a periodi di ferie più brevi e diluiti durante tutto l’arco dell’anno”. L’incremento del 19% dei turisti viene confermato anche dai dati sull’occupazione degli alberghi milanesi che, nell’ultima settimana di luglio, fanno registrare un tasso di occupazione delle camere pari al 74% contro il 62% di luglio 2014. Anche per quanto riguarda l‘andamento del costo medio delle stesse, si assiste ad un aumento del 31%, da 113 a 148 euro (prezzo di riferimento per l’ultima settimana di luglio). Il trend positivo di crescita delle presenze in città è confermato non solo dal numero di arrivi ma anche dai dati sulla raccolta dei rifiuti, messi disposizione da Amsa, che dimostrano come, sempre nel mese di luglio, si sia registrato un aumento dei rifiuti domiciliari +3,9% (da 35.472 tonnellate a 36.845), testimonianza del maggior numero di presenze; un dato confermato anche nei primi dieci giorni di agosto, dove l’aumento sale al +6,7% rispetto allo stesso periodo del 2014. Anche i consumi dell’acqua sono aumentati: +18,13% (+3.541.709 MC) nel mese di luglio 2015 passando dai 19.530.481 metri/cubi dello stesso periodo del 2014 ai 23.072.190 di quest’anno. Un sensibile aumento che gli esperti non attribuiscono solo al clima caldo ma anche all’incremento di presenze turistiche se si considerano le numerose partenze di milanesi per le vacanze. Il trend in crescita prosegue anche nei primi dieci giorni di agosto. I valori della prima settimana, infatti, sono notevolmente superiori a quelli dell’anno precedente: un solo esempio, la prima domenica del mese ha fatto segnare consumi di acqua pari a 577.593 Mc contro i 502.169 del 2014, con un +15% circa.

A Milano il pronto intervento antidegrado su chiamata dei cittadini

Un nuovo servizio per la raccolta di oggetti abbandonati realizzato da Comune e Terzo Settore con cento borse lavoro destinate a persone in difficoltà. Squadre antidegrado anche in Stazione Centrale e alla Darsena Assessore Majorino: “Proponiamo al Governo il nostro progetto sociale affinché sia introdotto a livello nazionale”

24_07_15-rifiuti-abbandonati-via_Gervasutta-620x400Milano, 29 luglio 2015 – Un pronto intervento antidegrado. Da settembre partirà a Milano la sperimentazione di un nuovo servizio di raccolta e smaltimento di cartoni, rifiuti solidi vari e oggetti abbandonati in vie, giardini, piazze e cortili delle case popolari, realizzato dall’assessorato alle Politiche sociali e dal Terzo Settore coinvolto con un avviso pubblico. Saranno utilizzate cento borse lavoro destinate a persone provenienti da situazioni di svantaggio sociale individuate dal Celav (il Centro mediazione per il lavoro del Comune). Dove Amsa con i propri mezzi non riesce ad arrivare più volte in un giorno e con presenza capillare in tutti i quartieri, entreranno in azione piccole e agili squadre antidegrado, composte al massimo da tre persone che, a seguito di segnalazione telefonica a numero verde gratuito da parte dei cittadini, riporteranno ordine e pulizia dove richiesto. “Attraverso questo nuovo strumento – spiega l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – Milano avrà in autunno altri cento operatori impiegati in azioni anti degrado su tutta la città. Dallo scorso dicembre abbiamo utilizzato le borse lavoro per la pulizia nei quartieri sostenendo il ritorno all’attività lavorativa di persone in grave svantaggio sociale e rispondendo, al tempo stesso, ad una esigenza più volte manifestata dai cittadini. È un sistema che finora ha dato buoni risultati, che intendiamo proseguire con il pronto intervento anti degrado, e che proponiamo al Governo come esperienza pilota da avviare a livello nazionale, anche alla luce di quanto sta succedendo a Roma in questi giorni”. Il Comune ha investito sul Pronto intervento anti degrado circa 300.000 euro in borse lavoro, dando la possibilità a persone da tempo disoccupate di poter tornare attive grazie a un tirocinio di sei mesi (tre mesi più tre) e alla possibilità di stabilizzare la propria posizione proseguendo il lavoro svolto. Per il 2015 sono 1.160 le borse lavoro messe a disposizione dall’Assessorato alle Politiche sociali impiegando complessivamente 1.740.000 euro, 300.000 in più rispetto allo scorso anno. Attualmente sono 795 le persone che hanno in corso una borsa lavoro attraverso il Celav (con altre e diverse attività oltre alle squdre antidegrado). A maggio 2015 le assunzioni erano già 170 su 547 borse lavoro (il 31 per cento). Il pronto intervento antidegrado con il Terzo Settore si aggiunge alle squadre già realizzate dal Comune con Amsa in 13 quartieri della città: un servizio partito lo scorso dicembre con 48 persone e proseguito a inizio luglio con altre 40 impegnate al fianco degli operatori di Amsa nella pulizia di strade, marciapiedi e aiuole e nella raccolta di rifiuti e foglie, fino alla fine di febbraio 2016. Due i luoghi individuati nell’ultimo mese e raggiunti dalle squadre: la Stazione Centrale con le piazze Duca d’Aosta, Luigi di Savoia e IV Novembre e la Darsena, l’antico porto di Milano restituito alla città e nuovo centro di aggregazione spontanea specialmente nelle ore serali. “Abbiamo mandato le squadre antidegrado nei quartieri della città – ha aggiunto l’assessore Majorino – dove per diverse ragioni la questione sociale incide maggiormente, ad esempio intorno ai centri di accoglienza, o vicino ai grandi caseggiati di edilizia popolare, in alcune traverse di via Padova, o ancora nell’area di Porta Venezia e della Stazione Centrale, per affiancare ogni giorno i lavoratori di Amsa nel ripristino del decoro e della pulizia. Abbiamo inserito anche la Darsena che è un bellissimo luogo ritrovato di Milano e che intendiamo mantenere al meglio”.

Queste 15 le zone dove operano le squadre antidegrado:
–        Padova;
–        Zoia;
–        Giambellino;
–        Aldini;
–        Mambretti;
–        Sarpi – Canonica;
–        Selinunte e limitrofe;
–        Ortles;
–        Martini e limitrofe;
–        Corvetto;
–        Gratosoglio;
–        Piazza Oberdan – Bastioni di Porta Venezia;
–        Niguarda;
–        Stazione Centrale (da inizio giugno);
–     Darsena (da inizio luglio). Le borse lavoro si sono finora rivelate uno strumento efficace di reinserimento lavorativo, permettendo a persone in carico ai Servizi sociali di uscire da situazioni di perdurante difficoltà. Per alcuni tirocinanti delle prime squadre di dicembre, l’esperienza con Amsa ha portato a un’assunzione a tempo determinato. La borsa lavoro prevede che il tirocinante riceva 25 euro al giorno, fino a un massimo di 500 al mese e il ticket per il pranzo, e sia seguito in azienda o sul posto di lavoro da un tutor in contatto costante con gli operatori del Celav.

Quarta edizione della “Festa del Vicinato”

Diciotto i quartieri coinvolti quest’anno dalla festa

vicinato-266x266Milano, 2 luglio- Domani 3 luglio, dalle 15.30 alle 19, si svolgerà la quarta edizione della “Festa del Vicinato”,  l’ormai tradizionale festa dell’estate nei quartieri della città nata per coinvolgere famiglie ma soprattutto persone anziane in attività di intrattenimento sotto casa, in spazi vicini come cortili e portinerie dei caseggiati popolari, piazzette e giardini. In programma numerose iniziative tra cui giochi, animazione, intrattenimento musicale, artisti di strada, merende salate e dolci, frutta e bibite per rinfrescare.

Diciotto i quartieri coinvolti quest’anno dalla festa, almeno uno per ogni Zona.

In zona 1: via Scaldasole 3 e corso Garibaldi 91;
In zona 2: via Palmanova 59 e via Celentano 1;
In zona 3: via Amadeo 27;
In zona 4: via Mompiani 5 e piazzale Cuoco 7;
In zona 5: via Neera 7, via Ghini 4 e viale Bligny 42;
in zona 6: via Giambellino 146 e via Lope de Vega 40/56;
in zona 7: via Maratta 3 e via Quarti 10;
in zona 8: piazzetta Capuana e via Appennini 98;
in zona 9: piazza Bruzzano 9 e via Ciriè 2 e 6.

La festa è realizzata dal Comune con l’aiuto di sponsor privati: NaturaSì-Il Supermercato Bio, Fonte Sant’Antonio. Contribuiscono alla buona riuscita dell’iniziativa Aler e MM che metteranno a disposizione i cortili nei quali si realizzerà la festa, i custodi sociali che collaboreranno all’iniziativa, Amsa che si occuperà gratuitamente del posizionamento/svuotamento dei cestini/bidoni e della pulizia finale presso i cortili dei luoghi di socialità utilizzati durante la festa e i piccoli negozianti di quartiere, che forniranno cateringe intrattenimento. In programma quindi, animazioni, balli ed estrazione di premi, esposizione di foto d’epoca dei quartieri, scambio di libri, laboratori per i bambini e per le persone con disabilità, preparazione di merende con mamme e nonne, gare canine e clownerie. Presenti e arruolati di diritto i “cuochi sociali”, i volontari abili ai fornelli e dal cuore generoso che da mesi preparano, a loro spese, pranzi e manicaretti per gli anziani soli segnalati dal Comune, donando loro affetto e compagnia. Sul sito www.comune.milano.it i programmi della ‘Festa del Vicinato’ nei singoli quartieri.

BellaMilano, domani cittadini e associazioni alle grandi pulizie del fiume Lambro

Impegnati contro le esondazioni il Comune di Milano e Regione Lombardia con Città Metropolitana, AIPo, Amsa, Protezione civile . Partenza alle ore 9 ai tre punti di ritrovo. Alle 13, sotto i gazebo montati nel Parco Lambro, pranzo per tutti i partecipanti

lombardia-150626102003Milano, 26 giugno  – Una giornata di grandi pulizie del fiume Lambro, domani, a partire dalle ore 9. A organizzarla sono stati il Comune di Milano con gli assessori Pierfrancesco Maran (Ambiente) e Marco Granelli (Sicurezza, Protezione civile) e la Regione Lombardia con gli assessori Viviana Beccalossi (Territorio) e Simona Bordonali (Protezione civile), insieme a Città Metropolitana, Protezione civile, AIPo (Agenzia Interregionale per il fiume Po) e Amsa, i Consigli di Zona 2, 3, 4. Partenza alle ore 9. I punti di ritrovo sono tre:  via Feltre/via Garcia Lorca (al pilomat d’ingresso al Parco Lambro),  via Cazzaniga (al ponte) e da Cascina Monluè per percorrere insieme vari tratti dei due chilometri di sponde. Alle 13 il Comune offre il pranzo a tutti i partecipanti e saranno allestiti gazebo e tavoli in Via Feltre e in cascina Monluè. Il menù è campestre: insalata di pasta e di riso, salumi e formaggi, frutta. La giornata è stata organizzata nel quadro della collaborazione fra istituzioni per la prevenzione delle esondazioni e rientra nell’ambito delle iniziative di BellaMilano che promuovono la partecipazione dei cittadini per il benessere e la vivibilità a Milano. Sono state coinvolte le organizzazioni di volontariato di Protezione civile e le Gev del Comune di Milano, oltre ad associazioni, comitati, terzo settore. Saranno presenti anche i soccorritori di prossimità comunali della Croce Rossa Italiana, la Polizia locale in bicicletta, gli agenti sommozzatori in gommone e dieci mezzi speciali per il recupero dei materiali pesanti. L’obiettivo condiviso è prevenire le esondazioni, per questo saranno rimossi dal letto del fiume e dalle sue rive materiali e rifiuti che ne ostruiscono parzialmente il corso, attività che verrà svolta esclusivamente da Protezione civile del Comune e dall’Organizzazione di Protezione Civile, Aipo, Amsa, mentre la pulizia nelle zone adiacenti ai fiumi verrà effettuata dalle Gev del Comune di Milano, dalle associazioni ambientali e territoriali e dai cittadini. Per partecipare, oltre a tanta energia, basta indossare scarpe pesanti o stivali di gomma mentre verranno messe a disposizione dei cittadini guanti, sacchi, rastrelli e pettorine.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]