A Trento la mostra fotografica sul “Programma Italia” di Emergency

Il “Programma Italia” è un progetto che prevede  la creazione ed il mantenimento di una serie di ambulatori presenti in tutta Italia per l’assistenza dei digenti, sia immigrati che italiani, che a causa dell’estrema povertà non riescono ad accedere nemmeno alle cure del sistema sanitario italiano.

_MG_0077Trento, 22 aprile 2016 – Si terrà fino al 30 Aprile presso l’atrio dell’Aula Kessler della Facoltà di Sociologia in via Verdi a Trento la mostra fotografica inaugurata lo scorso 20 aprile sul “Programma Italia” di Emergency. Il “Programma Italia” è un progetto che prevede  la creazione ed il mantenimento di una serie di ambulatori presenti in tutta Italia per l’assistenza dei digenti, sia immigrati che italiani, che a causa dell’estrema povertà non riescono ad accedere nemmeno alle cure del sistema sanitario italiano. Il Programma Italia ha creato e mantiene, grazie al lavoro dei volontari ed alle donazioni di iscritti e liberi cittadini, i Poliambulatori di Palermo, Marghera, Castel Volturno, Napoli, Sassari, oltre a diverse unità di ambulatori mobili attivi in diverse aree del paese nel dare orientamento socio sanitario, assistenza medica ai migranti in Sicilia e nel dare informazioni e fare prevenzione alle prostitute nel casertano. Nonostante sia un diritto riconosciuto, anche in Italia il diritto alla cura è spesso un diritto disatteso: migranti, stranieri, poveri, di cui molti anche italiani, spesso non hanno accesso alle cure di cui hanno bisogno per scarsa conoscenza dei propri diritti, difficoltà linguistiche ed incapacità a muoversi all’interno di un sistema sanitario complesso.  Da questa consapevolezza nascono gli interventi di Emergency nell’ambito del sistema penitenziario (conclusi nel 2007) e dell’area dell’immigrazione e del disagio sociale che fino al 31 dicembre 2015, solo in Italia, ha offerto oltre 210.000 prestazioni.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]