Romeo&Juliet. L’omaggio della scuola di Cori a William Shakespeare

In tutto il mondo quest’anno si celebra il 400° anniversario della morte del Bardo dell’Avon. Gli studenti della IIC della scuola media ‘Ambrogio Massari’ l’hanno ricordato con uno spettacolo teatrale in inglese ispirato ad una delle sue più celebri opere.

Romeo&Juliet---IIC-Ambrogio-Massari-Cori-(8)Cori, 1 Maggio – L’Istituto Comprensivo Statale ‘Cesare Chiominto’ ha reso omaggio al Bardo dell’Avon in occasione del 400° anniversario della morte di William Shakespeare con uno spettacolo teatrale in lingua inglese, ispirato a ‘Romeo e Giulietta’, in versione ridotta e adattata, e messo in scena giovedì sera sul palco dell’oratorio della Parrocchia SS. Pietro e Paolo di Cori. Protagonisti della tragedia universale i 25 studenti della classe IIC della scuola media ‘Ambrogio Massari’ di Cori che hanno regalato al pubblico forti emozioni, interpretando alla perfezione il copione inscenato con la regia e il coordinamento di Cristiana Aureggi e il supporto linguistico della prof.ssa Maria Bisogno, su iniziativa del prof. Pierluigi Ricci.  L’esibizione davanti a genitori, docenti, amici, altre classi e al Sindaco di Cori Tommaso Conti, è stato l’atto finale di un percorso didattico di preparazione iniziato a Gennaio. I ragazzi hanno partecipato con impegno alle 12 lezioni tenute da Cristiana Aureggi, scenografa di opera lirica professionista, laureata in Inghilterra e con oltre 20 anni di esperienza all’estero.

Romeo&Juliet---IIC-Ambrogio-Massari-Cori-(7)I novelli attori sono stati coinvolti fin dall’inizio ed hanno anche contribuito alla stesura dei testi e alla creazione delle 11 scene che hanno riproposto la famigerata storia d’amore tra Romeo e Giulietta, ostacolata dalla rivalità delle loro famiglie, che si riappacificheranno solo con la morte dei due adolescenti. In tutto il mondo quest’anno viene ricordato in vari modi il grande drammaturgo inglese. A quattro secoli dalla morte William Shakespeare (Stratford-upon-Avon 23 Aprile 1564 – 23 Aprile 1616) è ancora il protagonista indiscusso della cultura mondiale e la sua eredità si ritrova ovunque. Le sue opere sono state tradotte in più di 100 lingue e vengono studiate dagli alunni di metà pianeta e la scuola di Cori non ha voluto mancare a questo importante appuntamento.

Sulle Vie della Parità. Premiata l’Ambrogio Massari di Cori

Le classi IIIA e IIIB della scuola media sono risultate tra le vincitrici del concorso nazionale con la loro ricerca e proposta di intitolazione di uno spazio pubblico del paese a Donna Anna Francesca Prosperi Buzi Pecci.

Sulle-vie-della-parità---premiata-la-scuola-media-di-Cori-(3)Cori, 30 Aprile – Gli alunni delle classi IIIA e IIIB della scuola media ‘Ambrogio Massari’ di Cori, guidati rispettivamente dalle professoresse di lettere Sara Boni e Annunziata Agnoni, sono stati premiati alla fase finale del concorso nazionale ‘Sulle vie della Parità’, giunto alla sua III edizione. La cerimonia si è svolta martedì 27 Aprile, presso l’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi Roma Tre. ‘Sulle vie della parità’ è il concorso nazionale lanciato dall’associazione Toponomastica Femminile, presieduta da Maria Pia Ercolini, e dall’associazione italiana insegnanti FNISM, per promuovere un ‘riequilibrio di genere’ nelle odonomastiche italiane. Ancora oggi infatti in Italia il 91% delle strade è intitolato a uomini, il 4% a date importanti e solo il restante 5% a donne. L’Istituto Comprensivo Statale ‘Cesare Chiominto’, col sostegno del Consiglio dei Giovani, ha partecipato al concorso con la proposta di intitolazione di uno spazio pubblico di Cori a Donna Anna Francesca Prosperi Buzi Pecci, sposa del conte Ludovico Pecci e madre di Papa Leone XIII, nata a Cori il 25 Dicembre 1772, da una nobile famiglia residente a Palazzo Prosperi Buzi, sede della Biblioteca civica. Le classi IIIA e IIIB dell’‘Ambrogio Massari’ hanno condotto per mesi un’accurata ricerca, individuando in Donna Anna alcune caratteristiche meritevoli di rimanere impresse nella memoria collettiva, oltre all’aver dato alla luce il Pontefice dell’enciclica ‘Rerum Novarum’. Grande cultura, dedizione alla famiglia, devozione religiosa, coraggio e generosità. Con il suo allevamento di bachi da seta anticipò l’odierna donna imprenditrice ed operaia. Morì il 5 Agosto 1824, a soli 51 anni. Un simile percorso didattico aveva coinvolto lo scorso anno le classi IIIE e IIIF della scuola media ‘Salvatore Marchetti’ di Giulianello, con il supporto dell’Associazione culturale ‘Il Ponte’ e grazie all’iniziativa della referente locale di Toponomastica Femminile, Loretta Campagna, sostenuta dall’Assessore alle Politiche Sociali Chiara Cochi. Il loro lavoro si è concretizzato con la recente intitolazione di Piazzale Rita Levi Montalcini e Largo Donne di Giulianello, mentre il Comune di Cori è stato riconosciuto istituzione amica di Toponomastica Femminile.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]