Alphonse Mucha al Vittoriano

Venerdì 17 Giugno 2016 ore 18.20

Senza-titolo-24

Roma, 22 Maggio – Di origine ceca, Alphonse Mucha, si afferma nella Parigi fine de siècle come autore di manifesti e cartelloni pubblicitari. Alternativa elegante e raffinata allo spirito caustico di Toulouse Lautrec, segna l’episodio finale della grande stagione dell’art nouveau. Prediletto da attrici famose come Sarah Bernhardt, da editori di riviste e libri raffinati e da gioiellieri fu anche decoratore di interni prestigiosi. La mostra ripercorre l’intero percorso creativo dell’artista attraverso 200 opere tra dipinti, manifesti, disegni, opere decorative, gioielli e arredi. Rimasto sempre legato alla sua terra di origine, mentre la sua fama aumentava in Europa, crebbe sempre più forte in Mucha il desiderio di contribuire all’indipendenza politica delle Terre ceche e delle vicine regioni slave divise per secoli dalle potenze coloniali. La sua visione a volte “utopica” di un mondo migliore si manifesta in quello che può essere considerato il suo grande capolavoro l’Epopea slava (1911-28).

Senza-titolo-23

Mentre si dedicava alla realizzazione della sua più amata creatura, Mucha produsse anche altre opere nello stesso periodo, meno note ma sempre molto interessanti, caratterizzate da una profonda riflessione filosofica sul mondo, sulla storia e sulle creature umane. Appuntamento: ore 18.10 ingresso Museo del Vittoriano Quota di partecipazione € 23 (biglietto ingresso, apparato microfonaggio e visita guidata) Prenotazioni entro giovedì 26 maggio

Info e prenotazioni: Centro Culturale Accademia dei Desiderosi Tel. 3394150479 [email protected]gmail.com– www.accademiadesiderosi.it – www.facebook.com AccademiaDeiDesiderosi

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]