Taormina Film Festival 65, un’edizione ricca di proiezioni e ospiti

 

Dal 30 giugno al 6 luglio Taormina accoglie la kermesse cinematografica che, quest’anno, torna a brillare per ricchezza di ospiti, masterclass e proiezioni sotto la cornice del Teatro Antico. Madrina dell’evento Rocío Muñoz Morales ed una giuria d’eccezione capitanata dal regista Oliver Stone. Grande attesa per l’arrivo dell’attrice australiana Nicole Kidman.

Un luogo unico per bellezza, la perla dello Ionio, pronto ad ospitare la 65esima edizione del Taormina Film Festival che quest’anno, sembra aver ritrovato i fasti di un tempo, la cui cerimonia di apertura di domenica 30 giugno darà il via ad un susseguirsi di masterclass e proiezioni fino al 6 luglio. Un’edizione il cui fine è “Avvicinare la città al festival e aiutare i giovani a sviluppare una coscienza critica e cinematografica”, che ha voluto omaggiare con il suo manifesto Bernardo Bertolucci, nella celebre scena del ballo del film “Il conformista”. Per il secondo anno consecutivo la produzione ed organizzazione è curata da Videobank, in collaborazione con la Fondazione Taormina Arte (sostenuta dall’Assessorato regionale al Turismo e dal Comune di Taormina) sotto la direzione artistica di Gianvito Casadonte e Silvia Bizio. Madrina dell’evento l’attrice e modella spagnola Rocío Muñoz Morales mentre, nelle serate al Teatro Antico, la presentazione è affidata alla conduttrice e attrice Carolina Di Domenico.

Una kermesse feconda di ospiti e proiezioni, che vanta 11 anteprime mondiali, 17 europee e 14 nazionali. La linea editoriale propone, inoltre, 9 lungometraggi fuori concorso, di cui 4 anteprime mondiali, 1 europea e 4 nazionali, il ritorno serale di sette attesi titoli del grande cinema internazionale al Teatro Antico e una selezione di 18 cortometraggi. Il prestigioso premio Taormina Arte Award 2019, verrà conferito alle attrici Premio Oscar Nicole Kidman e Octavia Spencer (The Help), produttrice esecutiva della nuova serie tv della Apple Truth Be Told. Spetterà a Ladies in Black, il nuovo film del regista australiano Bruce Beresford (A spassop con Daisy), l’onore di inaugurare la storica rassegna, presente insieme alla protagonista Julia Ormond e agli altri attori del film. Oliver Stone designato come Presidente della Giuria per la sezione lungometraggi, presenterà il documentario Revealing Ukraine di Igor Lopatonok, di cui è produttore esecutivo. A far compagnia al regista in giuria: lo scrittore Andre Aciman (Chiamami col tuo nome); il compositore Carlo Siliotto (La misma luna, Istruzioni non incluse); l’attrice Julia Ormond; la montatrice Elisa Bonora; l’attrice Carolina Crescentini e il regista Paolo Genovese. Nella giuria documentari, la produttrice e fondatrice dell’azienda Anonymous Content, Bedonna Smith, l’attrice Donatella Finocchiaro e il regista Andrea Pallaoro.

Tra gli eventi speciali del Festival al Teatro Antico, l’anteprima europea di Spider-man: Far form home di Jon Watts; la prima mondiale del nuovo film di Mimmo Calopresti, Aspromonte – La terra degli ultimi, con Marcello Fonte e Francesco Colella, presenti con il regista. Fra le proiezioni speciali, la prima italiana di Yesterday di Danny Boyle sui Beatles e il film concerto Amazing Grace, su una giovane Aretha Franklin. Attesa la prima italiana del documentario Sea of Shadows, vincitore del Premio del Pubblico allo scorso Sundance Film Festival, diretto dall’austriaco Richard Ladkani e prodotto dalla compagnia di Leonardo DiCaprio.

Tra gli ospiti: Kasia Smutniak; Pierfrancesco Favino; Alessandro Haber; Richard Dreyfuss; Daniele Luchetti; Margherita Buy e Riccardo Scamarcio.

L’ultima serata, sabato 6 luglio, vedrà le premiazioni finali dei concorsi e a seguire la proiezione di I’ll Find You, di Martha Coolidge, che riceverà il Taormina Arte Award, basato sulla storia di due musicisti i cui sogni vengono infranti dall’invasione tedesca della Polonia.

“Mirafiori lunapark”, di Stefano Di Polito approda a ROMA con il suo Tour Civico

Accompagnato da proiezioni e un dibattito tematico a sera con gli attori del film

Roma, 27 novembre – Sarà in programmazione all’Apollo 11 di Roma (via Nino Bixio, 80b) dal 3 al 6 dicembre, Mirafiori Lunapark, opera prima di Stefano Di Polito, piccolo caso nel panorama del cinema italiano, uscito nelle sale il 27 agosto e rimasto in programmazione a Torino per 7 settimane consecutive con oltre 8mila spettatori. Da allora, questa “favola sociale” come è stato definito il film, sta percorrendo l’Italia con un Tour Civico prevedendo in ogni città incontri a sostegno di esperienze di resistenza sociale. A Roma ogni proiezione sarà accompagnata da un dibattito attorno a un tema collegato al film (lavoro, legalità, ambiente, immigrazione) a cui parteciperà il cast – Alessandro Haber, Antonio Catania, Giorgio Colangeli, Pietro Delle Piane, Mimmo Calopresti e lo stesso regista, Stefano Di Polito – con esponenti dell’impegno civico nazionale. L’idea nasce dall’esperienza diretta del regista Stefano Di Polito, già autore del saggio “C’è chi dice no” sulla cittadinanza attiva, edito da Chiarelettere. Giovedì 3 dicembre alle ore 20:30 il dibattito su Impegno civico e lavoro, con Maurizio Landini della Fiom, Francesca D’Innocenzo della Casa della Pace e Antonio Catania e Stefano Di Polito, interprete e regista di Mirafiori Lunapark e a seguire, alle 21:00 proiezione del film. Venerdì 4 dicembresempre alle 20:30 il dibattito su Impegno civico e legalità, con il parlamentare Davide Mattiello, membro della Commissione Antimafia e Paolo Masini, vicepresidente Avviso Pubblico Enti locali contro la mafia che discuteranno con l’attore e produttore del film, Mimmo Calopresti e alle ore 21:00 la proiezione. Sabato 5 dicembredue proiezioni del film, alle ore 19:00 e alle 21:00, intervallate dal dibattito alle ore 20:30 su Impegno civico e ambiente, in cui si discuterà con gli attori del film Giorgio Colangeli e Pietro Delle Piane, lo scrittore e giornalista Marco Lillo (I Re di Roma), lo scrittore e ambientalista Raphael Rossi (C’è chi dice no), Sergio Apollonio del Comitato Malagrotta e Claudio Marciano, dell’azienda “rimunicipalizzata” Formia Rifiuti Zero. Infine, domenica 6 dicembre, altre due proiezioni, alle ore 16:30 e alle 18:30, inframezzate dal dibattito delle ore 18:00 su Impegno civico e intercultura, con l’attore Alessandro Haber, Gabriella Guido di LasciateCIEntrare e Andrea Masala dell’Arci Roma. Prodotto da Mimmo Calopresti e Eileen Tasca per Alien Films, in collaborazione con Rai Cinema, Film Commission Torino Piemonte e Ministero dei Beni Culturali,Mirafiori Lunapark racconta in modo poetico il sogno di tre ex pensionati Fiat di trasformare la loro vecchia fabbrica abbandonata in un lunapark per trasferire ai loro nipoti il ricordo di un’epoca di grandi lotte sociali. “Dopo 7 settimane di programmazione a Torinodichiara il registaho deciso di portare Mirafiori Lunapark in tutta Italia con questo tour civico. In ogni sala ho ospitato rappresentanti di associazioni, movimenti e forme di resistenza locale. L’ho fatto perché nel film racconto il bisogno di riprenderci il nostro avvenire, di rioccuparci di noi attraverso l’impegno sociale e poi, perchè, orgogliosamente, provengo dal mondo dell’associazionismo”.

Ingresso 5€ con tessera associativa dell’Apollo 11
(per gli spettatori che non l’avessero, ci sarà la possibilità di sottoscrivere la tessera del 2015 al costo speciale di 1€)

Al Teatro Parioli Alessio Bonomo in INCONTRI AI CONFINI DI UN’ERA

Concerto poetico/visionario sull’epoca di confine che stiamo attraversando

ImageProxyRoma, 25 ottobre- Musica al Teatro Parioli Peppino De Filippo per una serata che chiama a rapporto alcuni significativi artisti dello spettacolo per accompagnare sul palco Alessio Bonomo, artista inafferrabile e innovativo dal percorso sorprendente, nella performance live tratta dal suo ultimo lavoro discografico “Tra i confini di un’era”. Lunedì 26 ottobre alle ore 21, Alessio proporrà infatti uno spettacolo di musica e parole che si allontana dal concerto tradizionale per approdare ad una messa in scena inedita, visionaria ed eclettica. Con il coinvolgimento di artisti quali Alessandro Haber, Neri Marcorè, Fausto Mesolella, Momo, Pilar e Ferruccio Spinetti, e altri compagni di viaggio del passato e del futuro, Bonomo vuole offrire la sua personalissima lettura dei tempi indecifrabili in cui stiamo vivendo, ponendosi e ponendoci degli interrogativi. E sarà proprio l’arte dell’incontro e del confronto umano e artistico, a rivelarsi, forse, la chiave che ci consentirà di scorgere qualche risposta all’orizzonte. L’evento sarà quindi un viaggio ai confini della nostra era che permetterà allo spettatore di entrare in contatto con un artista che mette sempre l’emozione al centro della propria poetica. La serata è organizzata da Rapsodica, in collaborazione con Esordisco e Leavemusic. Media partner: Radio Città Futura. Biglietti in prevendita al botteghino del Teatro Parioli e su TicketOne (15€ + d.p.) Alessio Bonomo esordisce al Festival di Sanremo nel 2000 con “La Croce”. L’anno successivo co-firma con Bob Dylan l’adattamento italiano del brano “Girl from the North Country”, è autore per Andrea Bocelli, Nastro d’Argento per la miglior canzone originale contenuta nel film “Se sei così ti dico di sì”. “Tra i confini di un’era” è il titolo del suo ultimo lavoro discografico che include il brano “L’impermeabile blu”, rilettura in italiano autorizzata di “Famous blue raincoat” di Leonard Cohen.

 

Alessandro Haber e il suo “Vastissimo” recital di musica e parole

Nel repertorio anche rivisitazioni di brani noti come Insieme a te non ci sto più, Margherita, Vedrai vedrai

Alessandro Haber 1Chieti, 22 Agosto- Lo spettacolo che Alessandro Haber propone sul palco del Vasto Film Festival il 23 agosto, insieme ai suoi musicisti, è un mix delle sue trascorse esperienze nel campo della canzone d’autore. Avendo all’attivo realizzato ben cinque album, egli percorre un viaggio tra i più noti brani del panorama musicale d’autore e li fonde con altrettanti brani inediti che sono stati realizzati da lui nel corso di questi anni. Nel repertorio rivisitazioni di brani noti come: Insieme a te non ci sto più, Margherita, Vedrai vedrai, passando per canzoni scritte ad hoc su poesie di Bukowsky, e canzoni inedite scritte apposta per lui, insieme a brani come La valigia dell’attore di Francesco De Gregori. Insieme a lui, sul palco, tre eccellenti musicisti ad accompagnarlo: il suo arrangiatore e chitarrista Sasa Flauto, il mandolinista pugliese Mimmo Epifani ed il pianista Fabrizio Romano.

Discografia

Haberrante (1995)

Qualcosa da dichiarare (1999)

Tango d’amore e coltelli (2001)

Il sogno di un uomo (2003)

Haber bacia tutti (2012)

Carpe diem, la giornata della buona alimentazione di Anci in Cascina Triulza

Tra i protagonisti dell’iniziativa lo chef stellato Cristina Bowerman e l’attore Alessandro Haber

75822602-169e-406d-9512-df173544f9e9Milano, 23 giugno – Musica, cibo e cultura. Si è aperta con l’esecuzione della banda di Milano la giornata della Buona Alimentazione promossa da Anci per Expo in Cascina Triulza ed è continuata in serata con degustazioni, workshop ed eventi. I protagonisti della giornata sono stati più di 40 Comuni, tante associazioni e i produttori enogastronomici di Lombardia, Marche, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata e Calabria, che hanno raccontato bellezze ed eccellenze dei propri territori.  Tra i tanti appuntamenti, nel workshop “I Sapori di Roma”, è stata presentata la guida Mangiamo Roma, a tutela dei piatti tradizionali della capitale. Testimonial d’eccezione Cristina Bowerman, chef stellato e chef ambassador di Expo 2015, che proprio a Roma ha dato avvio a una cucina innovativa. “Difendo soprattutto la cucina tradizionale – ha spiegato Cristina Bowerman – perché è espressione culturale di un determinato contesto. La cucina tradizionale e quella innovativa – ha spiegato ancora – devono essere accomunate dalle qualità dei prodotti utilizzati”. L’evento si è poi concluso con l’assaggio del pecorino romano, della porchetta di Ariccia e del carciofo romanesco di Ladispoli. Prodotti che saranno presenti per l’intera settimana anche nel mercato di Cascina Triulza. La giornata della buona alimentazione è proseguita con lo spettacolo degli sbandieratori di Gubbio e il racconto della Via dell’olio della Valle del Trionto. Nell’auditorium la Basilicata è stata rappresentata dal racconto delle città di Matera e Venosa, la città del Carpe diem,  e dai suoi prodotti, come l’Aglianico del Vulture e il pane di Matera. L’attore Alessandro Haber ha interpretato la parte di Orazio nella lettura teatrale Conversazione storica Orazio e Gesualdo e ha ricordato il personaggio di Gesualdo da Venosa intrepretato nel cortometraggio di Mimmo Paladino.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com