Per il salmone selvaggio dell’Alaska l’estate è più fresca che mai

[AdSense-A]

 

Fino ad ottobre è disponibile nelle migliori pescherie di Pam Panorama il taglio fresco di uno dei più pregiati pesci dell’Oceano Pacific0 

Senza-titolo-21

Gli estimatori del salmone selvaggio dell’Alaska lo consumano tutto l’anno, congelato da ottobre a maggio e fresco nei mesi che restano. Questo perché, in Alaska, la pesca è regolamentata da una legge speciale della Costituzione che prevede che “il pescato deve essere sempre utilizzato e conservato in conformità con il principio dello sfruttamento sostenibile” Nessuno spreco, dunque, per questo straordinario gioiello ittico del Pacifico ma un profondo rispetto per la natura. Il poterlo acquistare congelato tutto l’anno, a livello internazionale, è una risorsa fondamentale, in quanto il salmone selvaggio dell’Alaska rappresenta il meglio per un’alimentazione sana e corretta grazie al suo alto contento di Omega 3 e la sua naturalità dovuta al fatto che questo pesce si nutre esclusivamente di ciò che offre il suo habitat fatto di acque incontaminate. Ora, però, il fatto di poterlo gustare fresco in tutta la sua bontà è un’occasione straordinaria, non solo per le sue peculiarità ma anche perché l’estate è il momento in cui la freschezza del pesce è particolarmente apprezzata in tante sfiziose ricette. Un’opportunità da non perdere e soprattutto facile da realizzare. Basta recarsi nelle migliori pescherie dei punti vendita Pam Panorama presenti in tutta Italia e acquistarlo nel taglio preferito. La pesca, in Alaska, avviene infatti proprio da maggio a ottobre e viene trasportata nel mondo in modo integro e sicuro. Le sue carni sono morbide, saporite, con quel sentore di mare che lo rende unico al mondo. Visitando il sito www.alaskaseafood.ittroverete tante notizie su questo pesce straordinario oltre a molte ricette gustose suggerite da grandi chef.

Concorso Alaska Seafood e Pam Panorama

E’ tornata da un viaggio indimenticabile una delle due coppie vincitrici

20150613_102948 - CopiaRoma, 13 luglio- Il salmone selvaggio dell’Alaska non ha solo deliziato i loro palati ma ha altresì premiato il loro buon gusto con un viaggio fantastico. Infatti,  per gli acquirenti di tranci freschi oppure confezioni di salmone affumicato presso le migliori pescherie dei Pam Panorama, c’era la possibilità di aggiudicarsi una bella vacanza in Alaska, alla scoperta di quel meraviglioso paese dove la pesca, oltre ad essere ecosostenibilmente regolamentata per legge, avviene in acque pure e incontaminate. Due le coppie vincitrici, ed è proprio una di queste che, con grande entusiasmo, ci ha inviato  un ricco resoconto del viaggio organizzato fin nei minimi dettagli, dal tour operator travel designers NunaTravel di Chivasso. Un viaggio che hanno descritto “da mille e una notte”, perfetto per chi ama non solo la natura ma, perché no, persino l’avventura, anche se … senza rischi! Nel loro racconto, infatti, leggiamo, tra l’altro: “l’Alaska è un luogo meraviglioso e il nostro viaggio è stato ricco, dettagliato e avventuroso anche, se, per fortuna, non ci siamo mai imbattuti in un orso!”. I signori Zamengo hanno potuto visitare città come Juneau, la capitale, Seattle e persino imbarcarsi per la riserva naturale di Glacier Bay ad ammirare i maestosi ghiacciai, le balene, le foche distese sugli scogli, le capre delle montagne, i singolarissimi puffin, uccelli con il becco da tucano e le zampe da papera. E, dopo tutto questo, si sono portati a casa anche il ricordo di un cielo come mai hanno avuto occasione di vedere, con quelle sfumature di gialla e verde tipiche dell’aurora boreale. Infine, dopo un piacevole tour con il famoso Railroad train per ammirare il paesaggio e l’entroterra  sono arrivato a Seward, un piccolo porto di pescatori dove hanno intrapreso la loro ultima battuta di pesca. “Non è stato semplice decidere di intraprendere un viaggio così importante” raccontano ancora i coniugi Zamengo,  “ma l’Alaska ci ha veramente Incantato”.

In Alaska pesca da record per il salmone selvaggio

Le previsioni di ADF&G (Alaska Department of Fish and Game)dicono che quest’anno la cattura del salmone selvaggio vedrà un incremento del 40% rispetto al 2014

orso pescatoreRoma, 30 maggio – La notizia è di quelle che catturano l’attenzione perché la pesca, in Alaska, è l’attività prevalente del Paese e, quindi, le previsioni di ADF&G (Alaska Department of Fish and Game) sono seguitissime da tutti gli operatori del settore. Il 14 maggio ha preso ufficialmente il via la pesca delle cinque specie di Salmone Selvaggio dell’Alaska: Sockeye, King, Rosa, Keta e Argentato, pesca che si protrarrà fino al mese di ottobre. ADF & G  ha già fornito importanti indicazioni circa i risultati del futuro pescato 2015. Si dice infatti che quest’anno la cattura del salmone selvaggio vedrà un incremento del 40% rispetto al 2014, un dato estremamente importante in quanto si prospetta una maggiore disponibilità  di prodotto congelato, fresco e in scatola, soprattutto in vista della stagione estiva quando il salmone selvaggio è molto richiesto per le grigliate. Il prodotto congelato è fondamentale in quanto è richiesto tutto l’anno a livello internazionale, proprio in virtù delle tecniche di congelamento di cui gode, così rapide da permettere di mantenere intatti la qualità e gli elementi nutrizionali del salmone. Ed ecco la dichiarazione rilasciata da Tyson Fick, direttore della Comunicazione presso l’Alaska Seafood Marketing Institute (ASMI) : “ L’eccezionale pesca di quest’anno consentirà non solo di incrementare gli acquisti di salmone selvaggio dell’Alaska, ma darà ai consumatori l’opportunità di sperimentare un sapore straordinario. I consumatori sanno che possono fidarsi del pesce dell’Alaska, sia per la qualità sia per la pratica di gestione della pesca di questo Paese, sostenibile e sottoposta a una regolamentazione rigida che rappresenta un modello per tutto il mondo”. Il salmone selvaggio dell’Alaska è dunque una risorsa di eccellenza  per un’alimentazione sana e corretta. L’USDA, Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, conferma  che mangiare pesce da due a quattro volte la settimana, è utile a mantenere il corpo il buone condizioni fisiche. In particolare, il Salmone Selvaggio dell’Alaska contiene un livello di Omega 3 più alto rispetto ad altre specie che aiutano a prevenire e persino a migliorare alcune malattie. Il salmone selvaggio è disponibile fresco solo nei mesi in cui avviene la pesca, da maggio a ottobre, ma, per i rimanenti mesi dell’anno, fondamentali per la riproduzione della specie, è reperibile congelato , inalterato nella qualità e nel sapore. Un pesce molto versatile, perfetto per diverse tipologie di ricette e molto apprezzato dai migliori chef internazionali.

 

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]