Egitto, il Ramadan non ferma le violenze: Al Cairo 7 morti e 261 feriti

EgittoGli scontri scoppiati dopo l’ifthar tra  i sostenitori di Mohamed Morsi e le forze di sicurezza egiziane.

Roma, 16 luglio – Nonostante gli appelli ad una tregua durante il Ramadan, continuano i disordini in Egitto. Subito dopo l’ifthar, la rottura serale del digiuno, questa notte 7 persone sono morte e 261 ferite negli scontri scoppiati Al Cairo  tra i sostenitori del deposto presidente Mohamed Morsi e le forze di sicurezza egiziane. A dare la notizia  il capo dei servizi di emergenza, Mohamed Sultan.  Gli ultimi episodi di violenze nella capitale risalgno all’8 luglio scorso, quando sono morti 55 sostenitori dei Fratelli musulmani surante l’ assalto al quartier generale della Guardia repubblicana.

Egitto, al via le consultazioni per la formazione di un governo di transizione

Hazem el Beblawi Fratelli musulmani rifiutano di partecipare. La procura ordina l’arresto per il leader e otto dirigenti del movimento. 

Roma, 10 luglio – In Egitto sono partite le consultazione per la formazione di un nuovo Governo. Dopo lo stallo dei giorni scorsi, con le piazze infiammate dagli scontri tra i sostenitori del deposto presidente Morsi e l’opposizione, la situazione nel Paese potrebbe essere ad una svolta. Il neo premier ad interim, Hazem el Beblawi, ha avviato le consultazioni per formare un governo di transizione che porti alle elezioni di dicembre. L’ex-capo dell’agenzia Onu per il nucleare, Mohamed El Baradei, ha ricevuto l’incarico di vice-presidente e responsabile per gli Affari esteri. Continue Reading

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]