Riso Wine Experience: tutti ai fornelli per il risotto del sommelier!

[AdSense-A]

Al via la 50° edizione della Fiera del Riso, che abbina all’amato cereale i grandi vini italiani

senza-titolo-10

Anche quest’anno si rinnova il sodalizio tra AIS Veneto e la Fiera del Riso di Isola della Scala (VR), la più importante manifestazione dedicata al prodotto a livello nazionale che quest’anno festeggia il suo 50° anniversario. Dal 14 settembre al 9 ottobre il Palariso – la struttura in vetro e legno realizzata nel 2011 appositamente per la manifestazione – ospiterà eventi, degustazioni e showcooking che avranno come protagonista il riso, servito in abbinamento ai vini selezionati dai sommelier di AIS Veneto. Fulcro della manifestazione sarà domenica 18 settembre, quando a mezzogiorno di terrà il concorso del Risotto del Sommelier, giunto alla sua VI edizione, che in occasione del 50° compleanno della Fiera si estenderà su scala nazionale. Cinque le associazioni regionali partecipanti – AIS Calabria, AIS Emilia, AIS Romagna, AIS Marche e, ovviamente, AIS Veneto – per un totale di sette risotti preparati dagli chef sotto gli occhi del pubblico e della giuria. Ciascuna ricetta sarà poi presentata in abbinamento a un vino del territorio selezionato dalla delegazione AIS della regione di riferimento e sarà giudicata da una giuria di esperti, tra cui il presidente nazionale AIS Antonello Maietta, e da una giuria popolare. La Fiera del Riso, nata per celebrare il Nano Vialone Veronese Igp, primo in Europa ad ottenere il prestigioso marchio d’Indicazione Geografica Protetta (1996), richiama ogni anno oltre 500.000 visitatori, che accorrono da tutta Italia per riscoprire un prodotto a lungo considerato un’esclusiva del Nord Italia. La particolarità della Fiera del Riso sta nella filiera cortissima dalla risaia al piatto: le aziende produttrici infatti sono tutte realtà locali di piccole dimensioni, che seguono tutte le fasi della lavorazione, dalla coltivazione al confezionamento, sino alla vendita al pubblico.  I visitatori di questa edizione vi troveranno oltre 150 espositori, 40 stand gastronomici e molti eventi di intrattenimento. Tra le tante iniziative, i quattro  Top Show, vere e proprie cene a tema con altrettanti protagonisti del territorio, dai vini ai più famosi ristoranti del veneto, con il riso a fare da filo conduttore di tutte le serate. Immancabile sarà, infine, l’appuntamento di giovedì 22 settembre per il concorso del Risotto del Giornalista, una sfida gourmet che metterà a confronto i protagonisti della critica enogastronomica della carta stampata, affiancati da un sommelier AIS Veneto, e gli chef del territorio.

AIS Veneto: a Soave Versus premiato il nuovo ambasciatore del Soave

[AdSense-A]

 

Si conclude con successo la seconda edizione del Master promosso da AIS Veneto per la valorizzazione del Soave. Una competizione ad altissimo livello che ha visto sfidarsi 10 semifinalisti da tutto lo Stivale

 

senza-titolo-39

Per il secondo anno consecutivo Soave Versus, la manifestazione organizzata dal Consorzio di Tutela del Soave e del Recioto per la valorizzazione di questo vino e del territorio da cui proviene, ha ospitato la premiazione del Soave Master, il concorso indetto da AIS Veneto tutto dedicato al bianco per eccellenza della regione. Primo in classifica Maurizio Dante Filippi, sommelier di AIS Terni, che lunedì 5 settembre è salito sul podio seguito da Francesca Penzo (AIS Venezia) e, al terzo posto, da Alberto Puppin (AIS Treviso). Una competizione difficile ed impegnativa, anche grazie all’alto livello dei dieci semifinalisti, accorsi da tutta Italia per ottenere l’ambito titolo di Ambasciatore del Soave. La selezione è stata effettuata attraverso la valutazione di tre prove scritte, dalla quale sono emersi i nomi dei tre sommelier che si sarebbero poi sfidati nella prova finale che ha compreso anche una prova di comunicazione, in cui ad ogni concorrente è stato chiesto di presentare un territorio, un vino o una cantina a scelta della commissione esaminatrice. Un test quanto mai attuale, data l’importanza oggi rivestita dalla comunicazione nella diffusione della conoscenza di un prodotto: in un mondo come quello del vino, dove le referenze e le etichette presenti sul mercato crescono di anno in anno a livello esponenziale, la capacità di differenziarsi attraverso un buono story telling diventa una strategia vincente. Il Palazzo della Gran Guardia di Verona, che ospita la manifestazione Soave Versus sin dai suoi esordi, è stata così la suggestiva cornice del concorso che per la prima volta ha visto salire sul podio due concorrenti della regione Veneto. Nelle parole di Marco Aldegheri, presidente di AIS Veneto, “La seconda edizione del Soave Master è stata per noi un grande successo. Il concorso è stato pensato per stimolare i giovani sommelier delle delegazioni AIS di tutte le regioni italiane a mettere alla prova le proprie competenze e capacità nella valorizzazione di un vino che è particolarmente caro al nostro territorio e alla nostra tradizione. Oltre ai miei complimenti al vincitore, Maurizio Dante Filippi, sono molto orgoglioso di riscontrare che gli altri due sommelier saliti sul podio sono entrambi provenienti dalla nostra regione, segno che  il Soave continua ad essere conosciuto ed apprezzato anche nella sua terra d’origine. Segnali forti che rilancio alle altre grandi denominazioni venete, confidando che possano attivarsi con nuovi trofei e attingere dalla nostra scuola concorsi, sempre più fucina di talenti!”.

Il vino: un mondo da scoprire con AIS Veneto

[AdSense-A]

 

Anche nel secondo semestre 2016 l’associazione sommelier del Veneto propone i propri percorsi di formazione.

Senza-titolo-46

Raccontare il vino e la sua storia, avvicinare il semplice consumatore ad un mondo fatto di passione e tecnica, ampliare le proprie conoscenze imparando a degustare i frutti della terra e del lavoro dell’uomo. Aspetti molto diversi tra loro ma che fanno tutti parte del bagaglio tecnico del sommelier, figura che sempre più affascina, come dimostrano i numeri in continua crescita dei partecipanti ai corsi AIS Veneto. A partire da settembre, infatti, le sette delegazioni provinciali di AIS Veneto attiveranno 35 nuovi corsi, superando il +15% di presenze rispetto alla prima parte dell’anno, che andranno a formare oltre 1400 sommelier, nei diversi gradi di preparazione. Avvicinarsi alle bevande alcoliche da operatori o da semplici appassionati, imparando a degustare un vino, proporlo nel modo giusto e servirlo correttamente è un percorso didattico formativo alla portata di tutti, sia chi ricerca una formazione completa, sia chi desidera semplicemente approfondire una propria passione. Un’esperienza unica, coinvolgente ed appassionante, come raccontano i numeri dell’associazione: 1200 persone in formazione,11.000 bottiglie stappate durante le lezioni, 70 docenti, 30 direttori, 80 assistenti di corso e 500 sommelier di terzo livellodiplomati ogni anno. Questo il calendario delle nuove lezioni AIS Veneto nelle sette province venete:

BELLUNO

La delegazione di Belluno attiverà un corso di 2° livello, che inizierà il 28 settembre presso il ristorante La Nogherazza di Castion di Belluno.

PADOVA

Nella provincia di Padova si terranno corsi di tutti i livelli.

Tre quelli di 1° livello: dal 12 settembre presso l’Hotel Galileo di Padova e il Point Hotel di Piove di Sacco (PD); da martedì 13 settembre presso il Ristorante La Bulesca di Selvazzano Dentro (PD).

Tre anche i corsi di 2° livello, che avranno luogo tutti i lunedì a partire dal 12 settembre, nelle due sedi del Ristorante Al Tezzon di Camposampiero e del Ristorante Al Bosco di Montegrotto Terme (PD), e tutti i martedì dal 13 settembre all’SB Hotel di Padova.

Infine, il corso di 3° livello comincerà il 7 settembre presso il Best Western Premier Galileo di Padova.

 

ROVIGO

La delegazione di Rovigo organizza un corso di 1° ed uno di 3° livello, che avranno luogo presso l’Hotel Regina Margherita.

Il 1° livello inizierà il 28 settembre, il 3° livello partirà il 27 settembre.

TREVISO

La delegazione trevigiana avvierà sette corsi di diversi livelli.

Due i corsi di 1° livello: da martedì 20 settembre sarà il Primhotel di Oderzo ad ospitare i corsisti AIS, da lunedì 26 settembre prenderà il via il ciclo di lezioni all’Hotel Maggior Consiglio di Treviso.

Saranno due anche i corsi di 2° livello: da giovedì 29 settembre all’Hotel Maggior Consiglio di Treviso, da lunedì 3 ottobre a Conegliano presso l’Hotel Cristallo.

Infine, saranno tre i corsi di 3° livello: martedì 27 settembre le lezioni saranno presso l’Hotel Maggior Consiglio di Treviso, giovedì 29 cominceranno quelle all’IPSSAR “Giuseppe Maffioli” di Castelfranco Veneto ed infine lunedì 3 ottobre inizierà il corso presso l’Hotel Diana di Valdobbiadene.

 

VENEZIA

Nella provincia di Venezia prenderanno il via cinque corsi di vari livelli.

1° livello: il corso inizierà il 26 settembre nella sede del Novotel di Mestre.

Due i corsi di 2° livello: si svolgeranno entrambi tutti  i martedì a partire dal 27 settembre, al Novotel di Mestre con orario serale, mentre all’hotel Amadeus di Venezia le lezioni avranno luogo in orario pomeridiano.

Infine, i due corsi di 3° livello inizieranno il 28 settembre al Novotel di Mestre, il 29 settembre all’Hotel Base di Noventa di Piave (VE).

 

VERONA

La delegazione veronese attiverà sei diversi corsi su più livelli.

1° livello: Da lunedì 3 ottobre si svolgeranno le lezioni presso l’Hotel Montresor di Bussolengo, martedì 4 ottobre cominceranno quelle al CTC Hotel di San Giovanni Lupatoto e mercoledì 5 ottobre prenderanno il via i corsi alla Sala Congressi dell’azienda Novatek di Bosco Chiesa Nuova (VR).

Due i corsi di 2° livello: lunedì 3 ottobre inizierà il corso a Villafranca di Verona, presso Expo Hotel; mercoledì 5 ottobre all’Hotel Turismo di San Martino Buon Albergo (VR).

Infine il corso di 3° livello: comincerà lunedì 3 ottobre, all’Hotel Best Western CTC di San Giovanni Lupatoto (VR).

VICENZA

Per concludere, la delegazione AIS Vicenza attiverà sette corsi sui tre livelli.

Due corsi saranno dedicati al 1° livello: martedì 27 settembre inizieranno le lezioni all’Hotel Corte Quadri di Lonigo, mercoledì 5 ottobre all’Istituto San Gaetano di Vicenza.

Tre i corsi di 2° livello: l’Hotel La Busa di Noventa Vicentina ospiterà quello che inizierà il 27 settembre, lunedì 3 ottobre verrà avviato il corso all’Istituto San Gaetano di Vicenza e mercoledì 5 ottobre inizieranno le lezioni all’Hotel Glamour di Cassola (VI).

Due anche i corsi di 3° livello, che si svolgeranno a partire dal 27 settembre presso l’Istituto San Gaetano di Vicenza e da lunedì 3 ottobre al Ristorante Cà Sette di Bassano del Grappa.

AIS Veneto e Fondazione AIDA: ancora insieme per sorsi d’autore 2016

Torna l’evento che celebra il patrimonio storico, paesaggistico e vitivinicolo regionale.

Senza-titolo-1

Roma, 06 Giugno – Sarà ancora una volta AIS Veneto ad affiancare Fondazione Aida per la XVII edizione di Sorsi d’autore, manifestazione che vede il sostegno di: Istituto Regionale Ville Venete, Regione del Veneto e Associazione Ville Venete. In programma dal 26 giugno al 3 luglio la kermesse promuove il patrimonio storico, culturale ed eno-gastronomico del territorio attraverso incontri con autore, degustazioni di pregiati vini del territorio a cura di AIS Veneto e visite guidate alle ville. Saranno quattro gli appuntamenti, a ingresso gratuito, che trasporteranno gli ospiti in un’altra dimensione, dove bellezza, storie di vita vissuta, enogastronomia e cultura si fonderanno in un momento davvero intenso. Come sempre, infatti, gli incontri in calendario abbineranno la promozione del patrimonio culturale del Veneto a temi d’attualità e al piacere del buon vino. Tutti gli appuntamenti offriranno la possibilità di un percorso enologico di prestigio grazie alla collaborazione con AIS Veneto: due infatti le degustazioni, solo su prenotazione che, a partire dalle 18.30, accompagneranno ciascuna serata. Un’occasione per scoprire le sofisticate produzioni del Consorzio di tutela della denominazione di origine controllata Prosecco e del Consorzio per la Tutela del Soave, le due storiche realtà venete che hanno aderito alla nuova edizione dell’iniziativa oltre alle cantine Piovene Porto Godi, Famiglia Tedeschi e Ornella Molon Traverso. . I sommelier AIS Veneto, infatti, accompagneranno gli ospiti alla scoperta delle migliori selezioni delle cantine partecipanti oltre ad una degustazione di formaggi con il Consorzio di tutela del Formaggio Asiago DOP. Sullo sfondo scenari differenti ma dal fascino e stile senza tempo: le più belle ville venete circondate dagli splendidi vigneti che rappresentano la tradizione storica e culturale della regione. Anche gli incontri-dibattito dell’edizione 2016 confermano un parterre di alto livello: Il 26 giugno, a Villa Emo di Fanzolo di Vedelago (TV), Simonetta Agnello Hornby avvocato e scrittrice palermitana presenterà Caffè amaro (Feltrinelli), ai primi posti delle classifiche, e Il pranzo di Mosè (Giunti) dove le sorelle Agnello svelano i segreti di Mosè, tenuta a pochi chilometri dalla Valle dei Templi dove si tramandano tradizioni culinarie e bon ton del territorio. Il 27 giugno a Villa Violini di Castel D’Azzano (VR) Alan Friedman, moderato da Luca Telese, presenterà My way. Berlusconi si racconta a Friedman (Rizzoli). Il 2 luglio presso Villa Valmarana ai Nani (VI) Mathew Thomas presenterà Non siamo più noi stessi (Neri Pozza),  bestseller balzato ai primi posti della classifica del New York Times. A Villa Badoer (RO) il 3 luglio chiuderà Sorsi d’autore 2016 lo showcooking di Andrea Golino. Armato di casseruola  e mattarello Golino, conduttore dei programmi Gol finger, format dedicato ai finger food, e Margherita e le sue sorelle di Gambero Rosso, intratterrà gli ospiti a colpi di finger food che preparerà al momento. Seguirà l’incontro con Leonardo Lucarelli, autore di Carne Trita (Garzanti libri). Gli incontri, ad ingresso libero, si terranno alla sera e saranno accompagnati da una degustazione offerta dal Consorzio di tutela della denominazione di origine controllata Prosecco. In attesa di incontrare gli ospiti, a partire dal tardo pomeriggio e solo su prenotazione, guidati da un sommelier AIS Veneto, si potranno degustare vini provenienti dalle migliori selezioni delle cantine aderenti alla manifestazione. Il 26 giugno alle 18.00 a Villa Emo si potranno degustare i vini della cantina Ornella Molon Traverso, il 27 giugno alle 18.30 presso Villa Violini quelli afferenti al Consorzio per la Tutela del Soave, il 2 luglio, sempre alle 18.00, presso Villa Valmarana sarà la volta di Piovene Porto Godi con i formaggi del Consorzio di tutela del Formaggio Asiago DOP. Il 3 luglio alle 18.00 in Villa Badoer si assaggerà la selezione scelta dalla Famiglia Tedeschi. A seguire, sempre su prenotazione, si potrà usufruire del servizio “visite guidate”, nato per coinvolgere ed avvicinare il pubblico al mondo delle Ville Venete. Completa il programma il walk&wine: passeggiata d’autore tra i vigneti per conoscere il terroir in programma il 2 luglio nei territori del Gambellara (ore 10.00 presso Menti Vini).

La manifestazione Sorsi d’Autore è un progetto di: Istituto Regionale Ville Venete, Fondazione Aida; realizzato in collaborazione con il Consorzio di tutela della denominazione di origine controllata Prosecco, con il sostegno del Consorzio per la tutela del formaggio Asiago, Crich; Recoaro e PixartPrinting; oltre alla partecipazione di A.I.S. Veneto (Associazione Italiana Sommelier).

Eventi Gheusis da Giugno a Settembre

TERENZI: COW BOY TRA I VIGNETI DA GIUGNO A SETTEMBRE

Senza-titolo-1

Roma, 29 Maggio – Diventare cowboy per un giorno, passeggiando a cavallo tra i vigneti oppure vivere l’esperienza di salire in sella ai magnifici purosangue maremmani, accompagnando i famosi Butteri del grossetano in una tipica giornata di lavoro a cavallo tra gli affascinanti panorami della Toscana. Sono queste alcune delle proposte di Terenzi, cantina con wine resort di Scansano che invita turisti e wine lovers a scoprire un mestiere antico come quello dei Butteri, sperimentandolo in prima persona. L’iniziativa si protrarrà, su prenotazione, da giugno a settembre, e sarà anche un modo inedito per scoprire uno degli angoli incontaminati della Toscana e un momento affascinante come quello della vendemmia. Il wineshop dell’azienda offre una vista splendida sui vigneti dove vivono in libertà caprioli e cinghiali. Un rifugio lontano dal caos, in cui assaporare sfavillanti tramonti e (su prenotazione) piatti semplici e prodotti della tradizione (tortelli, pappardelle al ragù di cinghiale, salumi locali e bruschette con olio di propria produzione).

Per informazioni: http://www.terenzi.eu 

Immagini e video: http://www.terenzi.eu/#!immagini-e-video/cq9nk 

 CUVAGE

CUVAGE DES ARTISTES: IL METODO CLASSICO PER TELETHON

Nata sotto il segno dell’amore per l’arte e del metodo classico di qualità, la cantina Cuvage intraprende un viaggio che fa della solidarietà per Telethon la sua destinazione più ambita. Il metodo classico firmato dall’azienda di Acqui Terme sposa infatti l’arte internazionale di Sergi Barnils, dando vita a Cuvage des Artistes, un progetto che quest’anno sostiene Telethon, per la ricerca impegnata nella lotta contro l’Osteogenesi imperfetta, conosciuta anche come “Malattia delle Ossa di Vetro”, da tre anni sotto la guida dalla dott.ssa Antonella Forlino, dell’Università di Pavia. L’unione tra questo raffinato spumante e l’arte si esprime in una veste ricca di colori, che accompagna 1.500 bottiglie di metodo classico Cuvage de Cuvage Pas Dosè e Nebbiolo d’Alba Doc Rosè Metodo Classico Cuvage: due delle prestigiose opere prodotte dall’artista catalano sono state infatti riprodotte sui rivestimenti con uno sliver, in un’edizione speciale e limitata. Vere e proprie opere d’arte, acquistabili presso la cantina di Acqui Terme (AL) oppure in occasione degli eventi organizzati da Cuvage e attraverso le quattro aste benefiche che avranno luogo a Milano, Forte dei Marmi, Torino e Verona. Un piccolo gesto per contribuire al sostegno di una ricerca vitale.

Per maggiori informazioni sull’azienda: http://cuvage.com

 IL METODO CLASSICO CUVAGE ESALTA IL GENIO DI SALVADOR DALÌ

Dal 16 luglio al 4 settembre 2016, i riflettori della cantina Cuvage e dei suoi spumanti metodo classico si accenderanno sulle opere ed il talento di Salvador Dalì, nell’ambito di “Materie dialoganti”, la mostra allestita all’interno del Palazzo Liceo Saracco di Acqui Terme (AL), in occasione della 45° edizione dell’Antologica acquese. L’unione tra la prestigiosa cantina di Acqui Terme e l’arte eterogenea di Dalì pennellerà i tratti dello spumante Metodo Classico in una cornice onirica, durante l’inaugurazione della mostra venerdì 15 luglio, alle ore 18.30, all’interno del Palazzo Liceo Saracco di Acqui Terme. Cuvage regalerà inoltre un’esperienza unica: l’abbinamento tra la visita alla sua “cattedrale delle bollicine” e quella alla mostra dedicata a Dalì. La proposta dell’azienda piemontese è un tour che porta alla scoperta dei segreti dello spumante Metodo Classico e allo stesso tempo invita ad ammirare le tele del maestro spagnolo. A coloro che visiteranno la cantina, per tutta la durata della mostra, Cuvage offrirà infatti l’ingresso omaggio all’esposizione di Palazzo Liceo Saracco ad Acqui Terme, che continuerà fino al 4 settembre 2016.

Per maggiori informazioni sull’azienda: http://cuvage.com

 BERTA

IL RELAIS VILLA PRATO APRE LE PORTE : BENESSERE CON LA GRAPPATERAPIA

 A maggio, la storica residenza settecentesca Villa Prato, trasformata dalla famiglia Berta in un esclusivo relais, apre le sue porte a coloro che vorranno rigenerare mente e corpo tra il silenzio delle colline e il profumo delle varietà di piante aromatiche e officinali.  Sei suite dotate di ogni confort e 800 metri quadri di relais de charme immersi nel verde, racchiudono un concentrato di benessere che saprà conquistare ogni visitatore, offrendo viste mozzafiato sullo scenario naturalistico di Langhe, Roero e Monferrato. Esperienze come la sauna, il bagno turco, la fontana del ghiaccio, il percorso Kneipp, l’idromassaggio, la palestra e la piscina termale doneranno un’energia positiva rigenerante a chi cederà il passo alle emozioni. Un’esperienza del tutto esclusiva renderà inoltre il soggiorno davvero indimenticabile: si tratta della grappaterapia, un trattamento di bellezza che nasce dal cuore della distillazione. A base di estratti di uva, ricchi delle proprietà antiossidanti dei polifenoli e dei flavonoidi contenuti nelle vinacce, questi prodotti di bellezza aiuteranno a contrastare l’invecchiamento cellulare, a purificare la pelle, tonificare la microcircolazione periferica, ad idratare e donare nutrizione proteica, lipidica, vitaminica e minerale. Bagni, fanghi e massaggi, creme e impacchi: una vera e propria terapia innovativa dai principi attivi esclusivamente naturali, nata nel relais de charme Villa Prato.

E-mail: [email protected] •••   www.distillerieberta.it

 AIS VENETO

AIS VENETO BRINDA AL VINCITORE DEL PREMIO DEDALO MINOSSE CINEMA

 

Nella città del Palladio, sarà infatti una quattro giorni all’insegna del connubio fra cinematografia e architettura, quella promossa dalla delegazione vicentina di Ais Veneto, in occasione della prima edizione del Premio Dedalo Minosse Cinema. La manifestazione, in programma dalle ore 21.00 di tutte le sere comprese fra l’8 e l’11 giugno, presso il Palladio Museum di Vicenza, porterà sul grande schermo una selezione di film italiani, usciti nel biennio 2014-2016, che vedono come protagonista la figura dell’architetto. Per l’occasione, i prestigiosi vini prodotti dai Consorzi di Gambellara, Colli Berici, Breganze e Durello, legati ad Ais Veneto, partner dell’iniziativa, brinderanno all’inaugurazione durante la prima serata. Ciascun film sarà impreziosito dall’intervento di studiosi, registi, scrittori, critici, sceneggiatori, produttori e architetti, che prenderanno parte all’evento, all’interno del cortile di Palazzo Barbarano e della sala delle conferenze (Palladio Museum, contrà Porti 11, Vicenza) e al termine della programmazione, una giuria internazionale proclamerà l’opera che meglio ha espresso la complessità di questo mestiere. La partecipazione alla manifestazione è gratuita ed è resa possibile dalla collaborazione di ALA-Assorchitetti con la Regione del Veneto, il Comune di Vicenza e l’Ordine degli Architetti di Vicenza.

 

Per informazioni: [email protected]

AIS Veneto brinda al vincitore del Premio Dedalo Minosse Cinema

La delegazione vicentina dell’Associazione coronerà con i suoi vini d’eccellenza l’elezione del miglior film, a termine dell’evento in programma dall’8 all’11 giugno, presso il Palladio Museum (VI)

Senza-titolo-8

Roma, 25 Maggio – L’arte enologica di Ais Veneto si lega ancora una volta alla cultura del territorio locale, appoggiando manifestazioni di alto livello intellettuale. Dopo gli ultimi eventi di successo promossi a Padova e Venezia, è ora la volta di Vicenza, dove l’architettura palladiana si sposa perfettamente con la creatività delle sette arti. Nella città del Palladio, sarà infatti una quattro giorni all’insegna del connubio fra cinematografia e architettura, quella promossa dalla delegazione vicentina di Ais Veneto, in occasione della prima edizione del Premio Dedalo Minosse Cinema. La manifestazione, in programma dalle ore 21.00 di tutte le sere comprese fra l’8 e l’11 giugno, presso il Palladio Museum di Vicenza, porterà sul grande schermo una selezione di film italiani, usciti nel biennio 2014-2016, che vedono come protagonista la figura dell’architetto. Per l’occasione, i prestigiosi vini prodotti dai Consorzi di Gambellara, Colli Berici, Breganze e Durello, legati ad Ais Veneto, partner dell’iniziativa, brinderanno all’inaugurazione durante la prima serata. Diversi i generi cinematografici proposti, dalla commedia, all’urban e al noir: moltissime infatti le pellicole che hanno approfondito questa professione in un momento di passaggio cruciale, quale quello attuale. Ciascun film sarà impreziosito dall’intervento di studiosi, registi, scrittori, critici, sceneggiatori, produttori e architetti, che prenderanno parte all’evento, all’interno del cortile di Palazzo Barbarano e della sala delle conferenze (Palladio Museum, contrà Porti 11, Vicenza) e al termine della programmazione, una giuria internazionale proclamerà l’opera che meglio ha espresso la complessità di questo mestiere. La partecipazione alla manifestazione è gratuita ed è resa possibile dalla collaborazione di ALA-Assorchitetti con la Regione del Veneto, il Comune di Vicenza e l’Ordine degli Architetti di Vicenza.

DOCG wine experience 2016: torna l’imperdibile appuntamento con le DOCG italiane

Domenica 8 maggio 2016 – dalle 10.00 alle 20.00 Abbazia di Praglia, Teolo (Pd)

 

2016314103240dl.jpg_982521881Roma, 27 Aprile – Un’occasione unica per incontrare, in una sola location, tutte le DOCG d’Italia, accompagnate dai prodotti DOP provenienti da tutto il Bel Paese. È la “DOCG wine experience”, manifestazione organizzata dalla delegazione padovana di AIS Veneto che si svolgerà domenica 8 maggio nell’antica Abbazia di Praglia, monastero benedettino fondato tra l’XI e il XII secolo lungo la strada che conduceva ad Este. Domenica 8 maggio, dalle 10.00 alle 20.00, l’antico monastero di Praglia sarà dunque lo spettacolare contesto in cui degustare più di trecento etichette provenienti dalle 74 denominazioni di origine controllata e garantita. A raccontare i vini e i territori che rappresentano, ben centocinquanta sommelier veneti a disposizione dei visitatori, pronti a soddisfare ogni curiosità e domanda del pubblico. DOCG Wine Experience sarà, anche quest’anno, un grande contenitore che, tra degustazioni ed assaggi dei prodotti DOP più golosi d’Italia, offrirà agli ospiti la possibilità di scoprire le piccole e grandi Denominazioni Controllate e Garantite d’Italia, un vero patrimonio enologico che tutto il mondo ci invidia. E non mancherà il momento dell’approfondimento, grazie al workshop “Lo sviluppo che viene dalla terra… e senza bisogno di scavare”, dedicato alla valorizzazione dei territori delle denominazioni padovane. Politici, produttori, imprenditori, operatori, giornalisti e bloggers si confronteranno sul tema mettendo in evidenza il patrimonio di queste zone: dalle bellezze naturali del parco dei colli euganei, culla della DOCG Fior d’Arancio e di una viticultura che negli ultimi anni ha saputo distinguersi a livello internazionale, per arrivare alle bellezze architettoniche di Monselice, Conselve, Bagnoli e alle pianure sconfinate dove, dal  954 d.C., si produce il Vino di Bagnoli la cui DOCG è oggi rappresentata dal Friularo. La tavola rotonda, che prenderà il via alle ore 11.30, metterà in luce le tante risorse di questi territori e come il vino possa essere un vero e proprio motore per sviluppo del territorio e dell’intera società. Tutto avverrà nella splendida Abbazia di Praglia, luogo simbolo di spiritualità e lavoro che ancor oggi fa della produzione vinicola uno dei propri fiori all’occhiello, nel rispetto della regola di San Benedetto: “Ora et labora, opus Dei e opus manuum”DOCG WINE EXPERIENCE è realizzata in collaborazione con il Comune di Teolo, con il Consorzio di Tutela Vini DOC dei Colli Euganei, e vede il patrocinio di numerose amministrazioni locali.

Alba Vitæ 2015, Natale nel cuore e nel calice

L’impegno sociale di AIS Veneto a favore dell’infanzia si rinnova con la quinta edizione di Alba Vitæ, il cui ricavato andrà alla missione Mochongoi Catholic Parish in Kenya.

Ja9_dlMjpg2b_o15B6BwUvoPFm4dde0xC3_nPC0ltXIVerona, 20 novembre – Un vino che invita a riflettere sulla bellezza di donare agli altri e sul valore del Natale. È Alba Vitæ, il “vino del cuore” firmato AIS Veneto, presentato ufficialmente venerdì 20 novembre a Padova, presso lo storico Caffè Pedrocchi. Dopo il saluto dell’amministrazione comunale rappresentata dall’Assessore Marina Buffoni, la parola è passata al presidente AIS Veneto Marco Aldegheri che ha illustrato alla stampa presente la quinta edizione del progetto e le sue finalità. Ogni anno, infatti, una delegazione provinciale di AIS Veneto seleziona una eccellenza enologica della regione che viene imbottigliata in un esclusivo formato magnum e posta in vendita in prossimità delle feste natalizie. Una bottiglia preziosa che racchiude tutta l’essenza dello spirito solidale AIS Veneto: così come il Natale vuole celebrare la gioia della condivisione, Alba Vitæ vuole essere un dono dedicato all’infanzia in difficoltà.  Per questo il ricavato della sua vendita viene interamente devoluto al sostegno di progetti solidali. Quest’anno AIS Veneto devolverà i fondi raccolti al Centro Missionario FIDEI DOMUS della diocesi di Padova, che dal 1978 lavora nel cuore del Kenya nella diocesi di Nyahururu. Come ha raccontato agli ospiti Don Raffaele Coccato, i missionari Fidei Domus di Padova sono sacerdoti e laici che da anni si impegnano personalmente nel progetto “St. Martin CSA”, un centro comunitario che promuove la solidarietà reciproca della gente della periferia di Nyahururu. Qui trovano sostegno le persone con disabilità, i ragazzi di strada e gli adulti in situazione di grave disagio, i malati di AIDS e i tossicodipendenti, aiutando  il microcredito per il rilancio di una società poverissima. Il vino selezionato per questa edizione dalla delegazione AIS Veneto di Padova, guidata da Alberto Romanato, è il Vignalta Gemola 2007 Colli Euganei Rosso Doc, un taglio bordolese che rappresenta la punta di diamante della cantina di Arquà Petrarca (PD). Al termine dell’incontro gli ospiti hanno potuto partecipare ad una esclusiva verticale delle annate 2009, 2007 e 2003 del Gemola Vignalta in una degustazione guidata dal sommelier Vito D’Amanti che ha saputo raccontare nel migliore dei modi questa eccellenza enologica veneta. Alba Vitæ è dunque il regalo che non può mancare sotto l’albero perché dedicato prima di tutto ai bambini. Prosegue così l’impegno di AIS Veneto affinché tutto lo spirito che muove il mondo del vino si concretizzi in una speranza, un aiuto ai meno fortunati: una vera “alba di vita”.

Alba Vitæ 2015 è una iniziativa di AIS Veneto.

Il ricavato dalla vendita di Alba Vitæ sarà interamente devoluto a:

Centro Missionario Diocesano di PadovaMissione Mochongoi Catholic Parish, Kenya.

Vinetia 2016: il Veneto enologico si apre al mondo

Presentata ufficialmente a Venezia la Guida 2016 di AIS Veneto, una finestra sull’enologia regionale accessibile a tutti e in diverse lingue.

_DSF9157Venezia, 29 ottobre- Un progetto ampio e in costante crescita, una panoramica completa sulla produzione enologica regionale, uno strumento in quattro diverse lingue perfetto per gli addetti ai lavori e facilmente consultabile anche dai semplici appassionati. Tutto questo è Vinetia 2016, la Guida firmata AIS Veneto presentata ufficialmente giovedì 29 ottobre a Venezia. Non la classica guida cartacea ma uno strumento liberamente consultabile sul web all’indirizzo www.vinetia.it e che, grazie alla sua semplicità ed immediatezza, riesce a raggiungere chiunque e dovunque, letteralmente. Quattro infatti le lingue di consultazione di Vinetia: inglese, tedesco, spagnolo e russo, versioni ideate e realizzate per raccontare i vini veneti anche oltre i confini nazionali: “Una scelta obbligata, fatta sulla base del grande successo dei nostri vini nei ristoranti stranieri” ha spiegato Marco Aldegheri, presidente AIS Veneto “Sempre più spesso, infatti, ci veniva richiesto dagli operatori d‘oltre confine uno strumento agile e di facile consultazione, che permettesse di avere una panoramica chiara e imparziale di ciò che le nostre cantine possono offrire”. A tutto questo, Vinetia aggiunge la possibilità di visionare non solo le valutazioni 2016 ma anche quelle precedenti, creando così un vero archivio storico dei vini veneti. Una guida molto rappresentativa, dunque, con ben 377 aziende prese in esame e 1780 vini degustati, le cui valutazioni sono disponibili per le singole aziende e i consorzi di riferimento. L’edizione 2016 conta infatti 134 vini premiati con 4 Rosoni (il 7,6%), 70 vini con il Ducato (il 3,9%) e 7 vini con il Fero, premio speciale che intende riconoscere le migliori espressioni dell’enologia veneta.

A conquistare il Fero 2016 sono stati:

Miglior Vino Rosso: Valpolicella Superiore VIGNETO MONTE LODOLETA 2010 – Romano Dal Forno

Miglior Vino Bianco: Bianco Veronese IGT LE RIVE 2011 – Suavia

Miglior Vino Rosso Giovane: Bardolino SP SELEZIONE PERSONALE SILVIO PIONA 2012 – Albino Piona

Miglior Spumante Metodo Classico: Lessini Durello Spumante Riserva AR 2004 – Marcato

Miglior Spumante Metodo Charmat: Conegliano Valdobbiadene Superiore Docg CUVÈE DEL FONDATORE GRAZIANO MEROTTO 2014 – Merotto

Miglior Vino Rosato: BARDOLINO CHIARETTO 2014 – Corte Fornello

Miglior Vino da Dessert: Recioto di Soave LA PERLARA 2012 – Ca’ Rugate

 E in linea con questa filosofia, la presentazione di Venezia ha vissuto anche attraverso i social grazie all’hashtag #vinetia2016 che ha permesso di seguire in diretta l’incontro. Un progetto ambizioso, su cui AIS Veneto ha investito molto: Vinetia è infatti fondata su un sistema dati unico, un software innovativo elaborato su specifica AIS Veneto, nel quale ogni vino degustato ottiene un giudizio finale. La tecnologia ha così consentito di trasformare la guida in uno strumento trasparente utile anche ai produttori che, grazie ad un accesso dedicato, possono verificare direttamente come vengono valutati i propri vini e trarne utili indicazioni. Non va infine dimenticato che Vinetia è strettamente collegata a Vitae, la guida AIS nazionale, di cui è a tutti gli effetti parte integrante e con la quale condivide il metodo di lavoro e le modalità di valutazione. Una guida che ha dunque il desiderio di raccontare il vino in modo diverso, di essere uno strumento di supporto per i soci AIS, per i produttori vinicoli e per il grande pubblico, anche internazionale, che si avvicina al territorio veneto.

Torna il re della cucina vicentina: a Sandrigo grande festa per il Bacalà

Dal 18 al 28 settembre nelle piazze di Sandrigo (Vicenza) la festa dedicata al Bacalà alla Vicentina. Novità: la Sandrina, Bacco e Baccalà e una pièce teatrale

docg_wine_experience005Vicenza, 4 settembre, 2015- Da venerdì 18 a lunedì 28 settembre torna nelle piazze di Sandrigo la Festa del Bacalà alla Vicentina. Due fine settimana dedicati al tradizionale piatto, di cui si prepareranno almeno 80 quintali per 40.000 persone attese. Molte le novità di questa edizione: si comincia con l’elezione della Sandrina, la madrina ufficiale della Festa, che verrà nominata per la prima volta durante il Gran Galà del Bacalà di martedì 15 settembre. Domenica 20, in collaborazione con Ais Veneto, a Villa Sesso Schiavo è prevista la prima edizione di Bacco e Baccalà: un banco d’assaggio con più di 100 etichette abbinate al Bacalà alla Vicentina. Completamente rinnovata anche la cerimonia di investitura dei nuovi Cavalieri del Bacalà di domenica 27 settembre, quando sarà rappresentata per la prima volta la pièce Il signore del Baccalà su testo originale di Stefano Karadjov, tratto da “Alla larga da Venezia” di Franco Giliberto e Giuliano Piovan. È prevista anche la presenza del ministro norvegese della Pesca Elisabeth Aspaker. Come accade ogni due anni, l’edizione 2015 sarà accompagnata dalle Giornate Italo-Norvegesi, momento durante il quale una delegazione dell’isola di Røst, nell’arcipelago delle isole Lofoten, verrà a fare visita ai gemelli di Sandrigo. Pescatori e commercianti di stoccafisso, ma anche semplici abitanti dell’isola dove si pesca il merluzzo più pregiato, verranno a conoscere come il pesce dei loro mari diventa il piatto portabandiera di un’intera provincia. Da venerdì 18 a domenica 20 e poi da giovedì 24 a lunedì 28 saranno attivi gli stand gastronomici nei quali si potrà gustare il classico Bacalà alla Vicentina con polenta oppure piatti a base di Bacalà, come i Bigoli al Torcio di Limena con il Bacalà, gli Gnocchi di Posina al Bacalà ed il Risotto al Bacalà. Novità di quest’anno la degustazione di crostini con il baccalà mantecato, fish and chips per i più piccoli e la disponibilità di piatti gluten free.

La Confraternita del Bacalà
Si fonda nel 1987 a Sandrigo (Vicenza) su iniziativa dell’avvocato Michele Benetazzo per difendere la buona cucina locale. In questi anni la confraternita ha sollecitato lo studio e l’indagine per stabilire una ricetta codificata, ha coinvolto esperti per creare gli opportuni abbinamenti circa il vino o gli altri prodotti tipici più idonei ad accompagnare il piatto, ha instaurato rapporti con altre Confraternite italiane e promosso le “Giornate Italo-Norvegesi” a Sandrigo. Il Bacalà alla Vicentina è riconosciuto fra i cinque alimenti della tradizione italiana nel circuito EuroFIR, finanziato dall’Unione Europea nel 2009.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]