Pedalare con gusto sul versante al sole delle Alpi austriache

Qui le opportunità di pedalare con gusto da soli, con gli amici o con tutta la famiglia, sono più numerose di quel che si crede: itinerari come la ciclabile della Drava, premiata con 5 stelle dal club nazionale tedesco di ciclismo ADFC, la Via Carinzia nell’angolo al sole della Carinzia, o la Ciclovia Alpe-Adria, che attraverso il Salisburghese e la Carinzia giunge fino al mare Adriatico, garantiscono intense esperienze in un fantastico paesaggio di monti e laghi.

copyright_Karnten_Werbung_KW-PACO-0176“Drauradweg” la ciclabile della Drava senza frontiere

24 Aprile – Una delle piste ciclabili più famose d’Austria è quella della Drava (Drauradweg), lunga 366 chilometri. Questo magico percorso per tutta la famiglia, che attraversa la Carinzia da ovest a est, ha ottenuto dall’ADFC (club nazionale tedesco di ciclismo) una valutazione di cinque stelle per la sua elevata qualità. In sei tappe si va dal punto di partenza a Dobbiaco, in Alto Adige, sempre lungo la Drava fino a Maribor in Slovenia, pedalando quasi sempre in territorio carinziano. La pista ciclabile è ben segnalata in entrambe le direzioni e si snoda quasi sempre con andamento pianeggiante per dare ai cicloturisti il tempo di gustare fino in fondo il magnifico paesaggio naturale. Grazie alle 50 trattorie e ristoranti della ciclabile (“DrauradwegWirten”), lungo l’itinerario si possono assaggiare delizie gastronomiche di ogni sorta. Informazioni dettagliate sulle singole tappe e altre offerte anche su misura per famiglie sono a disposizione sul sito www.drauradweg.com e nell’opuscolo “Ciclabile della Drava“ che si può ordinare gratis sullo stesso sito web.

Piacevoli itinerari in bicicletta per veri intenditori

Oltre alla ciclabile della Drava, ci sono tanti altri itinerari che invitano a pedalare con gusto e in tutta tranquillità. 162 chilometri di delizie cicloturistiche fra storia e cultura è ciò che promettono i vari itinerari della Via Carinzia, nell’angolo al sole della Carinzia. Si parte dall’idillica valle Rosental, caratterizzata dall’impressionante catena alpina delle Caravanche, e in cinque tappe giornaliere si raggiunge il lago Klopeiner See per proseguire quindi attraverso i dolci colli della Lavanttal. Lungo il percorso numerose attrazioni invitano alla sosta. Tra esse il museo dell’ape Carnica, l’abbazia benedettina di St. Paul e il museo Liaunig, l’impressionante collezione di arte moderna a Neuhaus. Chi desidera combinare una visita al Werner Berg Museum con una gita in bicicletta nel sud della valle Jauntal, può pedalare sulla Kunstradweg, la ciclabile dell’arte a Bleiburg. Oltre al museo Werner Berg a Bleiburg e il Liaunig a Neuhaus, antiche chiese, monumenti culturali e sculture moderne catturano l’attenzione del cicloturista in cerca di esperienze intense. Uno scenario incantevole in mezzo alle Alpi Carniche e alle Gailtaler Alpen si presenta agli occhi dei cicloturisti lungo la Gailtal-Radweg, la ciclabile del fiume Gail, che si snoda per 90 chilometri da Kötschach-Mauthen a Villach lungo magnifiche piste riservate alle biciclette. Durante il viaggio non si dovrebbe rinunciare a una piacevole pausa balneare sul lago Pressegger See, che luccica al sole proprio accanto al tracciato della ciclabile. Nel Parco Nazionale Alti Tauri, nel nord della regione, si trova la ciclabile del Glockner. Percorribile in una giornata, questo itinerario tocca incantevoli spettacoli naturali come la cascata Jungfernsprung, che precipita a valle per varie decine di metri da un roccione sporgente, e le magnifiche valli alpine circondate da un imponente scenario di montagne di 3000 metri. Molte mete turistiche per tutta la famiglia si susseguono lungo le belle piste ciclabili della Carinzia. Con la Kärnten Card si possono visitare liberamente e a piacimento oltre 100 mete turistiche. Inoltre presso circa 60 strutture turistiche convenzionate si applicano favolosi sconti. La tessera è valida dal 10 aprile al 26 ottobre 2016.www.kaerntencard.at

 Con la Ciclovia Alpe-Adria dal Parco Nazionale Alti Tauri fino al mare

Lunga 410 chilometri, la Ciclovia Alpe-Adria, eletta a Amsterdam pista ciclabile dell’anno 2015 è un’esperienza indimenticabile. Partendo da Salisburgo, la città di Mozart, in una settimana si attraversa il Parco Nazionale Alti Tauri, si entra in Carinzia nel soleggiato meridione d’Austria, e oltre la frontiera di Tarvisio si scende in territorio italiano. Il tratto carinziano è particolarmente attraente, anche perché oltre il passaggio con il treno navetta dei Tauri, a Mallnitz, il tracciato si snoda quasi sempre in discesa. Anche l’alternarsi dei paesaggi regala straordinarie emozioni: montagne maestose cedono il passo a soleggiate valli disseminate di laghi. Man mano si procede verso sud, più dolce e accogliente si fa il paesaggio, fino a quando non si arriva finalmente a immergere i piedi stanchi nelle rinfrescanti acque dell’Adriatico. Per tornare al punto di partenza si prende tranquillamente il treno che parte due volte al giorno da Udine. È disponibile buon materiale cartografico cicloturistico mentre ulteriori informazioni e pacchetti forfait si trovano sul sito www.alpe-adria-radweg.com. La Ciclovia Alpe-Adria, finanziata e sostenuta anche dall’Unione Europea, è un simbolo di buona collaborazione senza frontiere.

Ricaricarsi d’energia e partire con la bicicletta elettrica E-Bike

Nella zona turistica della Carinzia centrale, chi ha la passione della bicicletta elettrica può fare gite stupende. Nove itinerari tematici ben segnalati attraversano la zona, mentre un nuovo servizio noleggio bici elettriche, varie mete turistiche e punti di ristoro promettono momenti di gustoso divertimento sul versante al sole delle Alpi. Tutti gli itinerari partono dal palazzo Fuchspalast a St.Veit an derGlan e sono ben segnalati. Un comodo servizio di trasporto al punto di partenza, offerto in collaborazione con le ferrovie austriache (ÖBB), è garantito per tutti gli itinerari.

Vivere in bicicletta la magia dei laghi carinziani

In Carinzia un gran numero di laghi balneari con acque che raggiungono i 28°C invitano al divertimento nell’acqua piacevolmente calda e pulita. Ma anche i dintorni dei laghi luccicanti nascondono tante sorprese, tutte da scoprire in bicicletta: meravigliosi punti panoramici, tranquille aree da picnic e spiaggette nascoste dove fare il bagno. Sul lago Wörthersee, per esempio, val la pena percorrere il Giro dei Cinque Laghi (Fünf-Seen-Runde), che parte da Veldene tocca i laghiHafnersee, KeutschacherSee, Bassgeigensee e Rauschelesee. Chi ama fare passeggiate tranquille trova ciò che cerca sul lago Klopeiner See. Cinque diversi itinerari, lunghi da 4 a 55 chilometri, collegano tutti i laghi della zona. Gli itinerari sono ben segnalati, ma sono d’aiuto anche i tracciati GPS e il materiale cartografico gratuito che viene messo a disposizione. Un’altra bella idea sono gli speciali buoni del gusto utilizzabili presso ristoranti e trattorie convenzionate.

Cordiale ospitalità e gastronomia carinziana dell’Alpe Adria

Nelle trattorie tipiche del nostro land, gustose pause con piatti sostanziosi deliziano il corpo e lo spirito. Influenzata da tre diverse tradizioni gastronomiche (quella austriaca, quella slovena e quella friulana), la cucina carinziana utilizza principalmente alimenti freschi di provenienza locale che danno origine a piatti gustosissimi. Come è d’obbligo per una cucina davvero autentica e genuina, sono l’alternarsi delle stagioni e le varie particolarità locali a comporre il variopinto spettro della gastronomia dell’Alpe-Adria.

La carta cicloturistica della Carinzia è disponibile al sito www.carinzia.at/ciclismo

Informazioni per il pubblico: www.carinzia.at

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]