Sottosegretario Gentile: Europa rappresenta grande opportunità per uscire crisi

Gentile: “l’Italia deve contribuire a scrivere le regole di cui l’Europa ha bisogno”

l43-antonio-gentile-140302173500_mediumRoma 12 maggio 2016 – “Per il Governo italiano, l’Europa resta ancora la migliore opportunità per uscire dalla crisi, a condizione, però, che alcune importanti riforme vengano intraprese”. Lo ha affermato il Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Antonio Gentile aprendo i lavori del Convegno “Quale futuro per l’Europa” organizzato in occasione dell’Assemblea di Accredia (l’Ente italiano di accreditamento).  Per il Sottosegretario Gentile, “la prospettiva di un lungo periodo di bassa crescita e inflazione vicina allo zero deve indurci a un ripensamento del fiscal compact, per avere tasse più basse e riforme strutturali per aumentare le politiche di investimento pubblico, attraendo capitali privati di investimento. Lo spazio fiscale disponibile deve essere usato per promuovere la crescita”. In questo scenario, ha aggiunto, “l’Italia deve contribuire a scrivere le regole di cui l’Europa ha bisogno. Regole che devono permetterci non soltanto di mantenere inalterato l’obiettivo di un mercato unico efficiente, in un settore delicatissimo per il nostro futuro, ma anche di dare all’Unione gli strumenti per confrontarsi efficacemente con gli altri grandi blocchi economico – commerciali del pianeta. Essere in Unione Europea significa trasformare risorse assegnate in programmi operativi in grado di attivare realmente percorsi di coesione, di convergenza e di competitività. “In questa sfida fondamentale, specie per le Regioni del Mezzogiorno, il Ministero dello Sviluppo Economico – ha aggiunto il Sottosegretario Gentile – ha ottenuto l’approvazione di una grande dotazione finanziaria per gli investimenti per le imprese e per lo sviluppo dei territori del Sud. Questo è stato deliberato dal CIPE nella riunione del 1° maggio. Si tratta di risorse vere e certe, già nel bilancio nazionale, e immediatamente disponibili nei capitoli del Ministero”.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]