L’A.S.I. chiama a raccolta 33 club federati in occasione della “Legend Cars” di Verona

A Verona Legend Cars, ASI guiderà i club italiani a mostrare il meglio delle rispettive collezioni: una grande famiglia unita attorno alla passione per l’auto e la sua storia.

veronaTorino, 6 maggio – Oltre 57 vetture esposte, quasi 3mila metri quadrati di stand e 33 club federati presenti, questi i numeri della presenza dell’Automotoclub Storico Italiano alla 1a edizione di Legend Cars in programma dall’8 al 10 maggio presso il polo espositivo di Viale del Lavoro 8 a Verona. Una dimostrazione di unità e partecipazioneterritoriale che rappresenta una prima assoluta per l’Italia  in  un  contesto  fieristico  e  risponde  all’obiettivo  che  A.S.I.  si  prefissa  di  portare  e diffondere la cultura motoristica tra le persone. Duplici le linee guida dello stand, visibile nel padiglione 2, declinate, ovviamente, da ogni singolo club sulla base dei modelli più significativi a sua disposizione: youngtimer tra i venti e i trent’anni o coupé costruiti tra il 1945 e il 1960. A Verona Legend Cars, ASI guiderà i club italiani a mostrare il meglio delle rispettive collezioni: una grande famiglia unita attorno alla passione per l’auto e la sua storia. Molto intenso anche il programma di attività che si terranno in stand: Sabato 9 maggio,alle ore 11.00 presso lo stand A.S.I. si terrà un incontro dal titolo: MOTORISMO STORICO E PROSPETTIVE FUTURE.LA PAROLA AI POLITICI. Un’occasione per analizzare quali prospettive il Governo ha in cantiere per rimediare al contenuto dell’Art. 1, comma 666 della Legge  di  Stabilità.  Durante  il  dibattito  si  parlerà  anche  del  Codice  della  Strada  e  dei  criteri essenziali per la certificazione dei veicoli storici. All’incontro parteciperanno la Senatrice Anna Bonfrisco, i Senatori Gibiino, Sonego e Tosato e l’Assessore al Bilancio e agli Enti Locali della Regione Veneto Roberto Ciambetti. Sempre  nella  giornata  di  sabato,  alle  ore  15.30  si  terrà  un  incontro  culturale  dal titolo,  “Il motorismo veronese e le sue icone: Giulio Cabianca, Bruno Ruffo e la Stallavena-Bosco…”, condotto da Danilo Castellarin.

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]