Sudan: la Fidh rivolge un appello alla comunità internazionale  per i violenti attacchi alla popolazione

By 6 Giugno 2019Mondo, Primo piano

Richiesta di intervento urgente alla comunità internazionale per le violenze subite in Sudan dalla popolazione inerme. 60 i manifestanti uccisi lunedì e 600 i feriti. L’appello della Federazione Internazionale del Diritti Umani all’Onu

Secondo fonti mediche a Khartoum almeno 60 manifestanti pacifici sono stati uccisi e più di 600 sono rimasti feriti dall’inizio di lunedì mattina durante un violento giro di vite da parte delle forze di sicurezza a Khartoum. ACJPS, SHRM e FIDH invocano l’urgente spiegamento di una missione internazionale di inchiesta, guidata dalle Nazioni Unite (ONU) e dall’Unione africana (UA), per indagare su questa repressione e individuare i  responsabili. La comunità internazionale dovrebbe anche prendere in considerazione sanzioni mirate e facilitare un processo di assunzione di responsabilità nei confronti dei perpetratori.

Lunedì all’alba, membri delle Rapid Support Forces (RSF), il Servizio nazionale di intelligence e sicurezza (NISS), le forze armate sudanesi (SAF) e le presunte milizie  hanno attaccato i civili che partecipavano al sit-in pacifico di fronte al quartier generale dell’esercito a Khartoum. I manifestanti erano accampati là fuori dal 6 aprile, per chiedere il trasferimento del potere ai civili. Le forze hanno aperto il fuoco sui manifestanti, picchiandoli e bruciando il loro accampamento. Questa violenta repressione ha provocato almeno 60 morti e 600 feriti, secondo le cifre più recenti pubblicate dal Comitato centrale dei medici sudanesi (CCSD). Secondo testimoni oculari, molti altri cadaveri sono stati visti nell’area vuota del sit-in e sui veicoli RSF in transito verso destinazioni sconosciute. Centoventi manifestanti sono stati arrestati e detenuti nella stazione di polizia nord di Khartoum.

Lunedì pomeriggio, un numero significativo di forze di sicurezza sono state dispiegate nelle strade della capitale. Le notizie di continui attacchi nei vari quartieri di Khartoum e in altre città del Sudan ci portano a credere che il bilancio delle vittime sia molto più alto. Secondo quanto riferito, le forze di sicurezza hanno attaccato almeno due ospedali vicini all’area del sit-in negli ospedali di Khartoum – Almoalim e Royal Care – per perseguire i feriti, picchiando personale medico e volontari, sparando pistole e gas lacrimogeni. Le nostre organizzazioni esortano i membri del Consiglio militare di transizione (TMC) a porre immediatamente fine ai violenti attacchi dell’RSF e di altre forze di sicurezza.


“Questo massacro segna un punto di svolta negli sviluppi che si sono verificati in Sudan negli ultimi mesi. Le speranze sollevate dalla rimozione di Al-Bashir hanno lasciato il posto a timori che la situazione degeneri ulteriormente. La comunità internazionale deve seriamente prendere in considerazione questi rischi e fornire una risposta coordinata e forte per prevenire ulteriori violenze “.

Mossaad Mohammed Ali, direttore esecutivo di ACJPS

“L’Unione africana e le Nazioni Unite, che hanno assunto forti posizioni verbali sulla situazione in Sudan, devono ora tradurre queste posizioni in azioni concrete e usare la loro influenza per tenere conto dei responsabili dei recenti crimini, prevenire ulteriori violenze e garantire che richieste legittime per la democrazia, la pace e la giustizia in Sudan siano pienamente soddisfatte “.

Arnold Tsunga, vice presidente FIDH.

In seguito alla rimozione dal potere di Omar Al-Bashir, sono state sollevate serie preoccupazioni riguardo alla composizione della TMC e alla capacità dei suoi membri – alcuni dei quali sono ritenuti responsabili di gravi crimini, anche durante la guerra nel Darfur – di condurre una processo di transizione pacifica e democratica. Alla luce dei recenti sviluppi, le nostre organizzazioni ribadiscono i loro appelli alla comunità internazionale, in particolare l’Unione africana e l’ONU, ad agire ora in modo deciso per garantire che un’autorità nazionale di transizione guidata da civili sia stabilita in Sudan.

La situazione è ancora molto instabile in alcuni quartieri della capitale. La presenza dei militari rimane forte, il che sembra indicare che la repressione potrebbe continuare. Il sit-in, che è stato un simbolo della rivoluzione per quasi due mesi, è stato completamente e violentemente smantellato.

Le proteste sono esplose in tutto il Sudan il 19 dicembre 2018. Inizialmente focalizzate sulla denuncia di aumenti dei prezzi delle materie prime, le proteste si sono rapidamente trasformate in richieste di dimissioni di Omar Al-Bashir, provocando una risposta violenta da parte delle agenzie di sicurezza, che non hanno esitato a usare gas lacrimogeni e munizioni per disperdere i manifestanti. Almeno 128 persone sono state uccise, di cui almeno 60 dal 6 aprile, mentre almeno 816 sono state arrestate, alcuni dei quali presumibilmente sottoposti a tortura. Le proteste hanno portato alla rimozione di Al-Bashir dal potere l’11 aprile.

Lascia un commento