Connect with us

Italia

Sport. I più grandi campioni di scherma si sfidano in Piazza Castello

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo il flash mob di ieri per le vie della città, un appuntamento per tutti giovedì 10 con il Gran Galà

scherma gae aulenti - da youtube-2Milano, 7 settembre 2015 – Ieri a decine hanno colorato le strade della città con una sfilata di sciabole, fioretti e spade che dalle vie del centro è arrivata fino in piazza Gae Aulenti. Giovedì 10 settembre la grande scherma torna in piazza, davanti al Castello, per il Gran Galà. Un appuntamento gratuito e aperto a tutti per ammirare una tra le più antiche discipline sportive.“Giovedì per tutti i milanesi sarà possibile avvicinarsi a questo sport così carico di fascino – dichiara l’assessora Chiara Bisconti – grazie alla collaborazione tra amministrazione e federazione. Vogliamo che sempre di più lo sport, tutti gli sport, invadano le nostre piazze e le nostre strade. Sarà possibile vedere da vicino i più grandi campioni italiani e mondiali. Ricordo che la scherma è in assoluto la disciplina sportiva che nei decenni ha regalato al nostro paese il maggior numero di medaglie olimpiche e che la scuola italiana è riconosciuta come una delle principali al mondo. Milano ha una grande tradizione schermistica, la città di un campione assoluto e unico come Edoardo Mangiarotti e sono tante le ragazze e i ragazzi milanesi che ancora oggi si avvicinano a questo splendido sport dalle caratteristiche uniche”.Dalle 17 di giovedì in piazza Castello salirà in pedana una selezione di campioni italiani e di atleti dal resto del mondo. Enrico Berrè, oro a squadre nei recenti Mondiali di Mosca. Bianca Del Carretto, oro ai campionati europei di Strasburgo nella spada femminile, Matteo Tagliarolo, campione olimpico di spada a Pechino 2008 e tanti altri. Per tutto il pomeriggio saranno presenti due maestri che saranno a disposizione di tutti per insegnare i primi rudimenti della scherma per chi volesse per la prima volta provare l’emozione di ‘tirare’ di fioretto, di sciabola, di spada.

Print Friendly, PDF & Email