Connect with us

Diritti umani

Siria, UNICEF su bombardamento in un ospedale: colpiti bambini Dichiarazione del Direttore generale dell’UNICEF Anthony Lake

Published

on

Tempo di lettura: < 1 minuti

In Siria, un terzo degli ospedali e un quarto delle scuole -5.000 – sono stati distrutti o messi fuori uso da attacchi armati.

MSF_ospedale distrutto provincia Idllib-k0kF-U1070140546925pyD-1024x576@LaStampa.it16 febbraio 2016- “Noi dell’UNICEF siamo sconcertati dalle notizie degli attacchi condotti contro quattro infrastrutture sanitarie in Siria, due delle quali ricevevano sostegno dall’UNICEF. Una di esse è un ospedale materno-infantile in cui ci viene riferito che alcuni bambini sono rimasti uccisi e molti evacuati d’urgenza. I raid sono avvenuti rispettivamente ad Azaz, ad Aleppo e in due casi a Idlib, dove uno degli ospedali è stato bersagliato di colpi per ben 4 volte. Nella città di Azaz ci risulta siano state bombardate anche due scuole, con voci di 6 bambini fra le vittime. L’UNICEF è in attesa urgente di maggiori informazioni sull’accaduto. In Siria, un terzo degli ospedali e un quarto delle scuole – 5.000 – sono stati distrutti o messi fuori uso da attacchi armati. Al di là delle doverose considerazioni diplomatiche e sugli obblighi di protezione dell’infanzia secondo il diritto internazionale umanitario, ci preme sottolineare con forza che queste vittime sono, prima di tutto, dei BAMBINI”.

 E’ possibile aiutare i bambini siriani, sostenendo la campagna UNICEF “Assediati dalla fame”

Donazioni con:

– carta di credito sul sito www.unicef.it o chiamando il Numero Verde UNICEF 800 745 000

– bollettino di c/c postale numero 745.000, intestato a UNICEF Italia,

– bonifico bancario sul conto corrente intestato a UNICEF Italia su Banca Popolare Etica: IBAN IT51 R050 1803 2000 0000 0510 051.

Print Friendly, PDF & Email