Connect with us

Italia

SCUOLA: CNSA, La scuola italiana crolla regge solo il peso della cultura.

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

Claudio Del Medico Fasano: “Servono scuole ecologiche in Classe A++++, Antisismiche, Atossiche, Antiradon e Anti PM10, in grado di garantire sicurezza, benessere e nessun inquinamento atmosferico.”

di Romolo Martelloni

cittadinanzattiva-640Roma, 1 gennaio – “Le scuola italiana crolla, regge solo il peso della cultura, considerato la vetustà dei nostri plessi scolastici.  Una recente indagine ha prodotto dati inimmaginabili. Lo scorso anno furono ben 340 gli incidenti nelle nostre scuole, una media di uno al giorno. Lo stato delle scuole in Italia non è dei più confortanti e l’incuria degli ultimi vent’anni ha ridotto malamente gli edifici che le ospitano e dove i nostri figli trascorrono parte della loro vita”. Lo ha sottolineato Claudio Del Medico Fasano, Presidente del CNSA, il Comitato Nazionale a Salubrità’ dell’Aria, durante un incontro di fine anno con l’Associazione genitori e rappresentanti di classe (Agerai). Riguardo il progetto del governo #scuolebelle, per rifare intonaci e dotare molte scuole di scale antincendio assenti nella quasi totalità degli edifici, per Fasano “è un palliativo inadeguato al pachidermico problema che affligge i centri della nostra cultura. Non basta una pennellata di colore se la parete o il soffitto stanno crollando. In gran parte degli istituti la situazione si presenta fortemente critica e il rischio crolli non è assolutamente scongiurato. Oltre il 21% delle scuole presenta lesioni gravi ed il 15% è in condizioni di estrema fatiscenza; la maggior parte ancora aspetta lmessa a norma. Inoltre se parliamo di barriere architettoniche la situazione è davvero sconsolante, con disparità vergognose tra alunni con o privi di disabilità”. Inoltre, fa presente “Il 25% dei plessi esistenti è completamente sprovvisto di servizi igienici per i disabili che scontano oltre a tutto la mancanza di assistenti alla persona e all’igiene cui hanno diritto. Negli edifici disposti su più piani qualora fosse presente l’ascensore, almeno il 12%risulta guasto oppure troppo vecchio per ospitare una carrozzina. Il rischio che porzioni di soffitti crollino sui nostri figlioli e le insegnanti è molto elevato. Dunque – ha concluso – basta rattoppi che non servono a nulla. E’ l’ora di demolire gli edifici privi di rilevanza storica. Servono scuole ecologiche in Classe A++++, Antisismiche, Atossiche, Antiradon e Anti PM10, in grado di garantire sicurezza, benessere, nessun inquinamento atmosferico e costi gestionali ridotti quasi a “zero”, dato da non sottovalutare considerato che i fondi a disposizione per la scuola sono sempre pochi e costringono i genitori a fornire a proprie spese carta igienica, sapone, accessori vari”. 

Print Friendly, PDF & Email