FeaturedItaliani nel Mondo

SanRemo il nostro palco da proiettare all’estero- SanRemo to be shown around the world

By 12 Febbraio 2020 No Comments

di emigrazione e di matrimoni

SanRemo il nostro palco da proiettare all’estero

Si parla molto di promuovere la nostra Cultura nel mondo, allora dobbiamo chiederci cosa può fare il Festival nella città dei fiori per fare conoscere i nostri cantanti e le loro canzoni al grande pubblico internazionale e di seguito verso molti altri aspetti della nostra Cultura poco conosciuti in giro per il mondo

Ora che il Festival della Musica Canzone di San Remo ha festeggiato il suo 70° anniversario  con un grandissimo successo sul mercato televisivo italiano, sono iniziate le inevitabili analisi dei risultati della gara e delle controversie che da sempre sono il segno della competizione canora più importante del paese, e vogliamo fare qualche considerazione non sulla gara stessa ma su cosa possiamo realizzare per attirare un pubblico internazionale più grande e non solo tra i discendenti degli emigrati italiani in tutti i continenti.

Non intendiamo far commenti sui vincitori e i non vincitori, come delle solite controversie, però vogliamo fare alcune considerazioni su aspetti del Festival che di solito non vengono considerati.


Si parla molto di promuovere la nostra Cultura nel mondo, allora dobbiamo chiederci cosa può fare il Festival nella città dei fiori per fare conoscere i nostri cantanti e le loro canzoni al grande pubblico internazionale e di seguito verso molti altri aspetti della nostra Cultura poco conosciuti in giro per il mondo.

Nel corso di questi sette decenni SanRemo ha dato  molti successi musicali al mondo, ovviamente il primo di tutti è “Nel blu dipinto di blu” di Domenico Modugno ma anche molte altre canzoni, non sempre quelle vincenti, sono state presentate in tutte le lingue del mondo. Un esempio poco ricordato oggi è “Il Ragazzo della via Gluck” di Adriano Celentano che fu il successo internazionale enorme in inglese cantata da Verdelle Smith con il titolo “Tar and cement” che presentiamo sotto nelle sue due versioni.

 

Nel fare queste considerazioni faremo quel che alcuni puristi linguistici italiani potrebbero considerare un’eresia,  promuovere la nostra Cultura non solo in italiano ma anche e soprattutto in altre lingue. Nel limitare le promozioni all’italiano non facciamo altro che limitare il potenziale pubblico internazionale per la nostra Cultura, a partire proprio dai discendenti degli emigrati italiani che, in oltre 90 milioni, sono già una volta e mezzo la popolazione attuale d’Italia, e quindi un mercato potenziale non indifferente, ma oltre la prima generazione nata all’estero pochi di questi conoscono la nostra lingua e quindi dobbiamo incoraggiare loro a impararla.

Facce sconosciute

Abbiamo guardato le cinque serate con gli occhi di chi non conosce l’Italia e, senza nulla togliere alla bravura dei presentatori Amadeus e Fiorello che hanno attirato un pubblico italiano  grandissimo, ci siamo fatti una domanda scomoda: quanti all’estero hanno capito più di tanto gli scambi tra i personaggi sullo schermo e quanti hanno potuto capire il testo delle canzoni presentate, sia in gara che da parte degli ospiti?

Temiamo che pochi siano stati in grado di capire per bene lo spettacolo trasmesso da Rai Italia nel mondo. Allora ne segue una domanda altrettanto scomoda per gli organizzatori: come fa il pubblico internazionale a poter capire di più chi erano i cantanti in gara, gli ospiti e i retroscena dello spettacolo?

Andando al sito ufficiale del Festival di SanRemo la risposta semplice alla seconda domanda è la stessa della risposta alla prima domanda, poco o niente.

Visto l’investimento enorme in soldi e tempo da parte dei vari direttori RAI, a partire dal direttore artistico/presentatore, Amadeus, sarebbe davvero così difficile aggiungere pagine al sito ufficiale con biografie e storie in altre lingue, partendo da quelle senza dubbio più importanti per gli oriundi, l’inglese, lo spagnolo e il portoghese? Questo vale anche a fornire il testo delle canzoni, sia in italiano che in traduzione per chi ha difficoltà a capire le canzoni.

Molti dei cantanti in gara erano sconosciuti al pubblico internazionale come altri cantanti, per esempio gli ospiti, i Ricchi e Poveri che ormai sono poco conosciuti, soprattutto con il complesso originale, e questo vale persino per il pubblico italiano più giovane. Allora informare il pubblico dei partecipanti assume un ruolo essenziale per promuovere le loro opere.

Certamente sarebbe impossibile fornire sottotitoli a un programma trasmesso dal vivo, però sarebbe facilissimo mettere al fondo dello schermo nella lingua di ciascun paese un avviso che le informazioni sullo spettacolo e gli artisti sono a disposizione del pubblico internazionale.

Il costo sarebbe davvero relativamente basso, ma con il potenziale di aumentare il pubblico internazionale e quindi aumentare anche il potenziale di pubblicità della gara e di seguito anche la vendibilità internazionale delle opere dei partecipanti, non vale la pena farne il tentativo?

Nel vendere il nostro prodotto culturale al mondo abbiamo l’obbligo di fare capire al nostro pubblico potenziale, che è letteralmente mondiale, i vantaggi di finalmente imparare la nostra lingua per poter capire la vera grandezza della nostra Cultura.

Paradossalmente, è stato proprio un ospite non italiano al Festival, il cantante anglo/libanese Mika che ama la nostra patria, a dire che per capire la bellezza dei nostri cantautori bisogna poterli  capire in italiano. Non a caso, uno dei suoi brani è stato lo stupendo “Amore che viene, l’amore che va” del nostro cantautore più importante Fabrizio de André, tragicamente sconosciuto al pubblico mondiale.

E nel parlare di Mika dobbiamo affrontare un aspetto del Festival che non è nuovo ma per chi scrive crea vera perplessità per l’efficacia di San Remo per vendere la nostra musica all’estero.

 

Ospiti internazionali?

È facile capire che l’idea di invitare ospiti stranieri alla manifestazione sarebbe quella di attirare un pubblico più grande e possibilmente potrebbe essere utile per una parte del pubblico italiano, ma questi ospiti sono davvero in grado di attirare un pubblico internazionale oltre i nostri oriundi in tutti i continenti?

Visto che le loro apparizioni sono brevi, e in mezzo a un programma enorme che il potenziale pubblico internazionale non riesce a capire del tutto, dubitiamo che il ritorno economico della loro partecipazione sia alla pari della loro parcella.

Nel corso della manifestazione, e in onore dell’anniversario, molti brani del passato sono stati presentati dai partecipanti con il presupposto che il pubblico li conoscesse. Per il pubblico in Italia questo è certamente il caso, ma per il pubblico internazionale molti di questi brani erano nuovi. Non sarebbe stato utile mettere sul sito ufficiale anche i filmati delle versioni originali con informazioni di questi cantanti?

Infatti, Tony Renis ha fatto proprio questo commento  riguardo il suo successo mondiale “Quando, quando, quando”. In riconoscimento di questi successi internazionali della nostra musica, sarebbe utile per il Festival, e di conseguenza la RAI stessa, preparare e diffondere una lista delle versioni straniere di canzoni presentate al Festival nel corso degli ultimi settant’anni.

A dir il vero, abbiamo il forte sospetto che anche molti non italiani sarebbero meravigliati di quanti successi mondiali fossero originariamente italiani.  Se ne parla sul palco del Teatro Ariston ogni anno, e l’abbiamo sentito più volte in questi giorni, ma dobbiamo farlo capire a chi spesso pensa solo alla lirica e magari a Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli, come anche Frank Sinatra,  quando pensano ai cantanti italiani e non pensano ai grandi personaggi musicali che forniamo non dal primo anno del Festival nel 1951 ma persino da secoli.

Interventi e oltre

Inoltre, quest’anno alcuni degli ospiti hanno dato contributi importanti su temi d’interesse internazionale. Vedendo i commenti sui social non abbiamo dubbi che gli interventi della giornalista Rula Jebreal sulla violenza alle donne, Tiziano Ferro sull’omosessualità ed la giornalista Emma D’Aquino sulla libertà di stampa abbiano toccato tasti dolenti per la società internazionale.

Per questo motivo sarebbe più che utile mettere questi interventi a disposizione in molte lingue e non solo in italiano, partendo dal sito ufficiale del Festival.

Sarebbe banale trattare il Festival di SanRemo come una manifestazione semplice, in verità il Festival è un volto importante del nostro paese e quindi abbiamo l’obbligo di fare vedere questa faccia al mondo in modo che venga apprezzato al massimo, anche nelle sue controversie perché quel che succede sul palco fa parte, in ogni suo aspetto, della nostra Cultura, nel bene e nel male.

Se vogliamo veramente promuovere la nostra Cultura, la nostra lingua e le mete sconosciute nel paese, dobbiamo assicurare che il mondo intero capisca quel che abbiamo da offrire e non solo la nostra popolazione e una parte degli oriundi.

In fondo il costo non sarebbe molto alto, ma l’effetto di investire nelle traduzioni e le informazioni sarebbe più che ripagato nel futuro, non solo dalle vendite di dischi dei cantanti in gara e da chi compra la nostra musica (come libri, film, ecc.) nel mondo, ma anche dai turisti che sarebbero attirati dal paese che ha prodotto il Patrimonio Culturale più grande del mondo, un Patrimonio fin troppo spesso ignorato e non solo all’estero…

È veramente ora che lo facciamo, e in modo sistematico ed efficace, a partire dal render il Festival della Canzone Italiana di SanRemo comprensibile a chi non conosce la nostra lingua.

di emigrazione e di matrimoni

SanRemo to be shown around the world

There is a lot of talk about promoting our Culture around the world and so we must ask ourselves what the Festival can do to make our singers and their songs known to the international market and consequently towards other aspects of our Culture that are little known around the world.

Now that the Festival of Italian Song at San Remo has celebrated its 70th anniversary with huge success on the Italian television market the inevitable analyses have begun on the results of the competition and the controversies that have always been the hallmark of the country’s most important song festival we want to make some considerations not on the competition itself but in what we can do to attract a bigger international audience and not only from the descendants of Italian migrants in all the continents.

We have no intention of making comments on the winners and losers, as well as the usual controversies, however, we want to ponder on aspects of the Festival that are not usually considered.

There is a lot of talk about promoting our Culture around the world and so we must ask ourselves what the Festival can do to make our singers and their songs known to the international market and consequently towards other aspects of our Culture that are little known around the world.

Over these seven decades the San Remo Festival has provided many international hits, obviously the first was “Nel blu dipinto di blu” (“Volare”) by Domenico Modugno but also many other songs, not always winners, were also presented in other languages around the world.  One example that few remember today was “Il Ragazzo della via Gluck” by Adriano Celentano which was a huge worldwide hit in English sung by Verdelle Smith with the title “Tar and cement” which we present below in both versions.

 

As we make these considerations we will do something that some Italian linguistic purists would consider heretical, to promote our Culture not only in Italian but also and above all in other languages. By limiting the promotions to Italian we only limit the potential international market for our Culture, starting with the descendants of Italian migrants who number more than 90 million, already one and a half times Italy’s current population, and therefore a not indifferent market, but beyond the first generation born overseas few know our language and we must therefore encourage them to learn it.

Unknown faces

We watched the five evenings with the eyes of someone who does not know Italy and, taking nothing away from the shill of the presenters Amadeus and Fiorello who drew a huge Italian audience, we asked ourselves an uncomfortable question: how many viewers overseas understood the exchanges between the people on the stage and how many were able to understand the lyrics of the songs presented, whether in the competition or sung by the guests?

We fear that few were able to understand the show broadcast by RAI Italia around the world. So another just as uncomfortable question follows for the organizers: how can the international audience find out more about the singers in the competition, the guests and the background to the show?

After going to the San Remo Song Festival official website the simple answer to the second question is the same as the reply to the first, little or nothing.

Given the huge investment in time and money by RAI’s various directors, starting with artistic director/presenter Amadeus, would it truly be so hard to add pages to the official website with biographies and stories in other languages, starting with those that are undoubtedly the most important for Italians overseas, English, Spanish and Portuguese? This is just as true for supplying the lyrics of the songs in both Italian and translation for those who have difficulty understanding the songs.

Many of the singers in the competition were unknown to the international audience, just like other artists, for example the guest group “I Ricchi e i Poveri” are now little known, especially in the original line-up, and this is just as true for the younger Italian audience. So informing the public about the participants assumes a fundamental role for promoting their work.

Of course it would be impossible to supply subtitles for a programme broadcast live, however, it would be very easy to put at the bottom of the screen in the language of each country announcement that the information on the show and the artists are available for the international audience.

The cost would truly be relatively small but the potential for increasing the international audience and therefore for also increasing the advertising potential of the competition, and subsequently the saleability of the competitors’ works, is it not worth trying? 

In making the effort to sell our cultural products around the world we have an obligation to make our international audience, that is literally worldwide, understand the advantages of finally learning our language in order to understand the true greatness of our Culture.

Paradoxically, it was precisely one of the non-Italian guests, Anglo-Lebanese singer Mika who loves our country, who said that in order to understand the beauty of our cantautori (singer songwriters) you need to be able to understand them in Italian. It was no coincidence that one of the songs he presented in the evening was the stupendous “Amore che viene, l’amore che va” (“Love that comes, Love that goes”) by our greatest cantautore Fabrizio de André who, tragically, is unknown to the international audience.

And in talking about Mika we must deal with an aspect of the Festival that is not new but which caused real perplexity for me about the effectiveness of San Remo for selling our music overseas.

 

International guests?

It is easy to understand that the idea of inviting foreign guests to the event would be to attract a bigger audience, and this could possibly be useful for a part of the Italian audience, but are these guests truly able to attract an international audience beyond the Italians in all the continents?

Given that their appearances are brief, and in the middle of a big programme that the potential international audience does not fully understand, we doubt that the economic return of their participation is on a par with their fee.

During the event and in honour of the anniversary many songs from the past were performed by the participants on the assumption that the audience knew them. This was certainly the case for the Italian audience but many of the songs were new for the international audience. Would it not be useful to also put the clips of the original versions with the information on these singers on the official website?

In fact, Tony Renis made this very comment concerning his international hit “Quando, quando, quando”. In recognizing our music’s international hits it would be useful for RAI to prepare and distribute a list of the foreign versions of the songs presented at the Festival over the last seventy years.

Frankly, we have a strong suspicion that even many Italians would also be amazed by how many international hits were originally Italian. This is mentioned every year at the Ariston Theatre and we heard it a number of times during these days but we must make this clear to those who often think only about Opera and maybe Luciano Pavarotti and Andrea Bocelli, or even Frank Sinatra, when they think about Italian singers and do not think of the great musical figures that we have supplied not since the first year of the Festival in 1951 but even for centuries.

Speeches and beyond

Furthermore, some of the guests this year gave major contributions on themes of international interest. See the comments on the social media we have no doubts that the speeches by journalist Rula Jebreal on violence to women, guest singer Tiziano Ferro on homosexuality and journalist Emma D’Aquino on freedom of the Press touched painful chords for society around the world.

For this reason it would be more than useful to make these speeches available in many languages and not only in Italian, starting from the Festival’s official website.

It would be trivial treating the San Remo Song Festival as a simple event, in truth the Festival is a very important face of our country and therefore we have an obligation to show this face to the world so that it is appreciated to the fullest, even its controversies, because in every way what happens on the stage is part of our Culture, for better and for worse.

If we truly want to promote our Culture, our language and the destinations in the country we must ensure that the whole world understands what we have to offer and not only our population and part of the Italians overseas.

Basically the cost would not be high but the effect of investing in the translations and the information would be more than reimbursed in the future, not only by the sales of the records of the competing singers and by those who buy our music (just like books, films, etc.) but also by the tourists who would be drawn to the country that produced the world greatest Cultural Heritage, a Heritage that all too often is ignored and not only overseas…

And it is truly time that we did so, systematically and effectively, starting with making the Festival of Italian Song at San Remo understood by those who do not now our language.


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com