Sanita’: Federcontribuenti – Pimos, nel meridione diffidenza verso proprio SSR

By 14 Luglio 2019Salute & Benessere

Il progetto Pimos-Federcontribuenti mira a sostenere ed aiutare le famiglie che non possono per motivi economici sostenere le spese sanitarie

di Romolo Martelloni

“Nel 2017 quasi 1,6 milioni di famiglie italiane, di cui ben il 60 per cento concentrate nel Mezzogiorno, hanno dichiarato di non avere i soldi, in alcuni periodi dell’anno, per poter affrontare le spese sanitarie necessarie per curarsi. I meridionali, inoltre, confermano la loro diffidenza a curarsi nei loro sistemi sanitari locali: secondo gli ultimi dati disponibili, nei 12 mesi del 2017, la migrazione sanitaria dalle realtà regionali del Mezzogiorno può essere quantificabile in oltre 319 mila ricoveri generando crediti rilevanti principalmente per alcune realtà sanitarie del Nord quali Lombardia, Emilia Romagna e Veneto pari complessivamente a oltre 1,1 miliardi di euro”. Lo si evince da una indagine di Federcontribuenti-Pimos il Progetto Italiano di medicina e odontoiatria Sociale presentata stamani alla assemblea regionale a Cosenza dal responsabile del dipartimento salute e sociale prof. Filippo Fordellone. Inoltre secondo l’indagine di Federcontribuenti “Venti milioni di italiani non hanno i soldi per curarsi. Qualcuno si indebita, altri rinunciano e oltre 7 milioni di sono indebitati per farlo e 2,8 Milano hanno venduto casa per sostenere le spese per la salute. Sono invece – ha reso noto il prof. Fordellone – 11 milioni quelli che si sono assicurati per la copertura sanitaria. Il progetto Pimos-Federcontribuenti mira a sostenere ed aiutare le famiglie che non possono per motivi economici sostenere queste spese sanitarie, offrendo loro un tesseramento che almeno riduca con una convenzione tali costi. E’ in effetti -ha concluso Fordellone – un mutuo soccorso come erano una volta le rimpiante casse mutue”.

Lascia un commento