ItaliaPrimo piano

Salvamamme riceve in dono un autoveicolo per mamme in difficoltà

By 28 Luglio 2018 No Comments

Mobilità garantita: donato a Salvamamme un veicolo per l’assistenza alle famiglie e persone con problemi di mobilità. Massimiliano Buzzanca testimonial per l’associazione

Il 25 luglio a Villa Leopardi è stato presentato il progetto: “Mobilità Garantita”, della PMG Italia Spa che ha consegnato all’Associazione “I Diritti Civili nel 2000 – Salvabebè/ Salvamamme” un veicolo, acquistato grazie alla collaborazione delle realtà produttive del territorio.

Il primo giro di prova è stato affidato all’attore romano Massimiliano Buzzanca, testimonial dell’evento, che ha ottenuto il Patrocinio del Municipio Roma II.


Il mezzo, concesso al Salvamamme in comodato d’uso gratuito, è attrezzato per mamme e bimbi e persone con problemi di mobilità, in specie donne in stato di gravidanza e con problemi di salute, con l’obiettivo di migliorare i servizi di assistenza già forniti alle famiglie, utenti dell’Associazione. Il veicolo sarà anche utilizzato nel corso di eventi e manifestazioni pubbliche, nonché in ogni caso di necessità e situazioni emergenziali, per garantire il primo supporto alle madri con figli piccoli. L’Associazione cercherà di rispondere alle richieste degli utenti ogni volta che sarà possibile, nei limiti del calendario degli impegni e coglierà anche questa occasione per continuare l’importante opera di sensibilizzazione sull’uso del seggiolino, per questo che sono state invitate a partecipare le mamme dell’Associazione con i neonati.

In rappresentanza del Municipio Roma II, è intervenuta la Presidente, Francesca del Bello, la Presidente dell’Associazione Salvamamme, Maria Grazia Passeri, Marco Accorsi e Alessandra Cucco della PMG Italia S.p.A. Presente anche l’Assessore alle Politiche Sociali e Sanitarie, Cecilia D’Elia.

Al termine della cerimonia il produttore Claudio Alfredo Alfonsi ha presentato il cortometraggio “L’altra metà della luce”, che affronta il delicato tema del rapporto tra una signora anziana e la sua badante.

Lascia un commento