Connect with us

Diritti umani

Roma. “RipartiAmo Diversamente”, la Lidu onlus promuove la riflessione sui percorsi possibili delle disabilità

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

“Ripartiamo diversamente”: accessibilità ai servizi, offerta e buone pratiche sanitarie saranno spunti di riflessione.

di Tiziana Primozich

A Roma il 28 gennaio 2023 alle ore 17:00 presso la sede della Lega Italiana Diritti dell’Uomo, in piazza dell’Ara Coeli 12, è in programma una tavola rotonda a tema sui percorsi assistenziali delle persone con disabilità e delle loro famiglie, dal titolo “Ripartiamo diversamente”. Accessibilità ai servizi, offerta e buone pratiche sanitarie saranno spunti di riflessione. I processi di assistenza ed il contesto sociale costituiscono un classico esempio di sistema complesso. In questa complessità e della necessità di ragionare ed operare in termini di reti assistenziali, di comunità multiprofessionali e sociali, si colloca questa giornata di studio dedicata a tutte quelle condizioni di fragilità che in Italia colpiscono ormai più di 4milioni di persone.

Gli ospiti dell’evento forniranno indicazioni attraverso spunti di confronto sul “Dopo di noi”, legge 112/2016, la figura del cargiver oggi, la riorganizzazione ed il potenziamento dei servizi sociali, sanitari e scolastici.

Una tavola rotonda aperta ad associazioni e realtà territoriali che tutti i giorni lavorano o collaborano per permettere l’inclusione di persone affinchè i loro diritti siano davvero riconosciuti e rispettati.

L’evento è stato organizzato da Associazione Ipathia in sinergia con Comitato di volontariato culturale Insieme per L’Arte e con la collaborazione di Curare con Cura ambulatorio infermieristico Asl Roma 2 e le Associazioni Oltre lo Sguaro Onlus ed Hermes Onlus.

La tavola rotonda è emersa come una vera necessità dopo la presentazione del calendario 2023 che le stesse sigle associative hanno messo in campo dedicandolo agli Eroi dell’imPossibile, le persone con disabilità che vivono troppo spesso in un contesto di emarginazione.

Un incontro che ha il compito di mettere a fuoco bisogni e necessità urgenti, ma anche specifici punti di forza che la stessa persona con disabilità acquisisce e che è giusto e doveroso si trasformino in un bene a fattor comune per il tessuto sociale in cui vive.

“Non fermarti a ciò che non so fare, guarda tutto quel che ho”, canta Simone Maghernino, uno dei protagonisti del Calendario nel suo brano musicale ‘Ali in Tasca’, un vero inno alla forza della diversità.

E davvero c’è tanto da imparare e da sviluppare in positivo nell’universo delle disabilità, basta abbandonare il pregiudizio ed aprire l’animo alla condivisione.

Print Friendly, PDF & Email