Connect with us

Arte & Cultura

Roma, al via alla V edizione dello “Spiraglio” Film festival sulla salute mentale

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

Il festival è nato con lo scopo di superare le diffidenze nei confronti del disagio e della malattia mentale e di mostrarne i molteplici aspetti attraverso le immagini.

di Kat

7e46b745-0fad-4d0a-8cbb-f2522e5dc453_mediumRoma, 25 gennaio – Aperte le iscrizioni gratuite per partecipare alla V edizione de “Lo Spiraglio Film Festival della salute mentale”, evento di corti e lungometraggi, che si terrà a Roma dal 9 all’11 aprile 2015 presso il MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. L’evento è promosso da ROMA CAPITALE, Dipartimento Salute Mentale, ASL RMA, Roma Centro e MAXXI – Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, in partenariato con Fondazione Roma Solidale onlus. Il festival è nato con lo scopo di superare le diffidenze nei confronti del disagio e della malattia mentale e di mostrarne i molteplici aspetti attraverso le immagini. Il bando è aperto sia per lavori realizzati dai centri di produzione integrata (centri che lavorano sul disagio psichico) sia dai videomaker ed è diviso in due sezioni, una dedicata ai cortometraggi (durata massima 30’) e una riservata ai medio e lungometraggi (oltre i 30’). Si può variare il genere purché l’opera tratti la tematica della salute mentale, in modo esplicito o simbolico. La scadenza per la presentazione dei lavori è fissata al 2 marzo 2015 e tutta la documentazione per partecipare al festival è scaricabile dal sito ufficiale all’indirizzo www.lospiragliofilmfestival.org. La Giuria,  composta da addetti ai lavori appartenenti all’ambito sociale, psichiatrico e cinematografico, assegnerà il Premio “Fausto Antonucci” di 1.000 euro al miglior cortometraggio e il Premio “Jorge Garcia Badaracco – Fondazione Maria Elisa Mitre” di 1.000 euro al miglior lungometraggio. Il festival, inoltre, premierà un personaggio significativo del mondo cinematografico (Nelle edizioni passate sono stati premiati Carlo Verdone, Alba Rohrwacher, Marco Bellocchio e Giulio Manfredonia) che abbia raccontato la vita e i sentimenti di persone e gruppi legati al mondo della salute mentale.

Print Friendly, PDF & Email