Connect with us

Arte & Cultura

Ritorna T.E.H.R., Festival ideato da Isabel Russinova che parla di diritti umani attraverso le arti  su piattaforma INDIECINEMA

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 2 minuti

In streaming  dal 13 al 20 dicembre al via la quarta edizione di   T.E. H. R , Thematic Exhibition on Human Rights (www.indiecinema.it).

Di Macri Martinelli Carraresi

Diversità, sostenibilità, paura e povertà  questo il titolo della quarta edizione di T.E.H. R, l’appuntamento multidisciplinare  che affronta tematiche legate ai diritti umani attraverso le arti  con partner di grande  prestigio come, il Conservatorio di Santa Cecilia  e l’Università Roma tre, con accordo di  valore di credito formativo per i gli studenti su tutti gli appuntamenti del festival, Stati Generali delle donne, Amnesty InternationaI, eCampus University, Cineteca Nazionale, Riff, Indiecinema, Aska agenzia  giornalistica, Teatro e cinema Contemporaneo. Il festival nelle precedenti edizioni ha riscontrato molto interesse con programmi a tema che hanno visto prime assolute di cinema e di teatro, molte tavole rotonde e tanti ospiti, tra i quali  la scrittrice  premio Strega Lia Levi, Dario Fertilio fondatore, insieme a Bukovskij, di Memento Gulag, Antonio Marchesi e Riccardo Nuory,  rispettivamente presidente e portavoce di Amnesty International, i registi Latifa Said, Enzo Dino, Cesare Furesi,  Leonora Ivone,  gli attori Pino Calabrese, Lando Buzzanca, i cantanti  lirici Ali  Grosseneh, Elena Nefedova, la vedova del premio Oscar Luis Bacalov, in occasione della messa in scena di Estaba la madre, opera dedicata alla madri di Plaza de Mayo.       

T.E.H.R  che, fino alla scorsa edizione ha avuto un’ impianto itinerante organizzando i suoi eventi in vari spazi della Capitale, dal Teatro Palladium, al teatro Flaiano, alla Sala accademica del Conservatorio di Santa Cecilia, al cinema Trevi, agli  spazi  dell’ Università Roma tre a quelli di eCAmpus, la Sala della Biblioteca del Senato, quest’anno a causa delle restrizioni volute dalla pandemia, è presentato interamente in streaming  su piattaforma INDIECINEMA (www.indiecinema.it)  con un programma interessante.  Per il cinema  segnaliamo il documentario Roots in the middle della regista palestinese Farida Kilani, che affronta la tematica della appartenenze attraverso le storie degli arabi di seconda generazioni, il docufilm di Eugenio Attanasio In cammino con Giacchino  dedicato  all’ abate  Giochino da Fiore teologo,filosofo  tra i più interessanti del nostro medioevo, il film di Fulvio Iannucci, Vinilici  che parla dell’ interesse dei giovani verso tradizioni e vecchie tecnologie come proprio quello del vinile e, infine  un focus su alcuni lavori audiovisivi realizzati in tempo di lockdown.

Anche quest’ anno tutti i partecipanti ricevono l’attestato T. E. H. R, per aver affrontato tematiche legate ai diritti umani, attraverso la propria arte. Per accedere al programma, inserito tra quello di  Indiecinema film festival,   è necessario iscriversi alla piattaforma e  con soli  cinque euro  si avrà  la possibilità di accedere a tutti i contenuti per un intero mese. Il podcast di intrattenimento culturale ‘Ether, il quinto elemento’  quest’ anno è partner del Festival e accoglierà le Conversazioni  in programma, con molti  ospiti autorevoli,   su  canale you tube ‘Ether, il quinto elemento’,  che saranno presenti anche come contenuti speciali su piattaforma INDIECINEMA.   

I dettagli nello speciale di ‘Ether, il quinto elemento’ nel video.