Reggio Calabria, la Camera di Commercio introduce al lavoro gli allievi del Liceo Artistico

By 6 Giugno 2019Arte & Cultura

Camera di commercio e Liceo artistico “Preti-Frangipane” a un anno dal Premio “Storie di Alternanza”: positivo il bilancio di un’esperienza

La Camera di commercio di Reggio Calabria e il Liceo Artistico reggino “M. Preti – A. Frangipane” si sono ritrovati a Scilla presso la Chiesa dello Spirito Santo per celebrare i positivi risultati dell’esperienza di alternanza scuola – lavoro che da quattro anni vede coinvolti gli studenti delle classi terza, quarta e quinta dell’indirizzo “Design dell’Arredamento e Legno” e che, con il progetto “Recupero conservativo degli arredi lignei della chiesa dello Spirito Santo di Scilla” -elaborato dai docenti Roberta Filardie Salvatore Palmeri,sottoscrivendo due distinte convenzioni con l’Arcidiocesi di Reggio Calabria-Bova e la SABAP, ha ottenuto lo scorso anno il Premio “Storie di Alternanza” promosso dalla Camera di commercio reggina.

Come sottolineato dal Presidente della Camera di commercio di Reggio Calabria, Antonino Tramontana nel corso dell’incontro, “è importante dare il giusto riconoscimento alle iniziative di alternanza scuola-lavoro, perché consentono di offrire ai ragazzi percorsi utili a conoscere il mondo del lavoro e ad acquisire competenze spendibili sul mercato occupazionale”. 

All’incontro hanno partecipato, oltre al Presidente Tramontana, Marina Crea dell’A.S. InFormA della CCIAA responsabile del premio “Storie di Alternanza”; le tutor della SABAP Cristina Schiavone e Roberta Filocamo; Daniela Vinci Responsabile del Patrimonio Artistico della SABAP (Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Reggio Calabria e la provincia di Vibo Valentia); i tutor del Liceo Artistico Salvatore Palmeri (responsabile del progetto), Eugenia Caracciolo e Fortunata Malerba; Annunziato Tripodi (Funzione Strumentale per l’Alternanza scuola lavoro del Liceo) ed Rocco Panuccio esperto dei beni storico-artistici e culturali delle chiese di Scilla.  Durante l’incontro si è avuto modo di descrivere le varie fasi operative svolte sugli arredi lignei all’interno della Chiesa, e quelle oggetto delle prossime annualità del progetto di Alternanza scuola lavoro.


L’attività è stata svolta durante il triennio 2015/2018 dagli allievi: Battaglia Elisa, D’Amico Marianna, Geria Michael Francesco, Levita  Jan Richard, Manca Demetria Barbara, Marraffa Ylenia, Minniti Saverio, Nicolazzo Michela, Paino Daniela, Romeo Davide, Scambia Francesca, Sottilotta Elena, Villa Annalisa, con i Tutor esterni Maria Pia Mazzitelli per l’Archivio Diocesano della Diocesi di Reggio-Bova e Roberta Filocamo per la SABAP.

Le finalità del progetto hanno riguardato il conseguimento di competenze formative trasversali e specifiche del settore, per promuovere nei discenti occasioni di crescita personale e di orientamento.Il percorso offerto agli studenti ha riguardato attività finalizzate a far conoscere e realizzare funzioni e processi lavorativi nei settori individuati; al contempo ha fornito gli strumenti per una corretta prassi operativa nel settore conservativo dei manufatti artistici, attraverso un’adeguata metodologia operativa e di ricerca.Inoltre, ci si è avvalsi del supporto dato dal Dipartimento dArTe dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria per illustrare come effettuare il rilievo tramite laserscanner, fornendo agli allievi nuovi metodi e conoscenze sulle tecniche di rilievo.

Con queste premesse, l’Alternanza scuola lavoro è diventata esperienza orientativa e formativa insieme. L’ottenimento di competenze trasversali e specialistiche nell’ambito individuato potranno essere spendibili per l’inserimento dei giovani nel settore lavorativo dei Beni Culturali, della  Conservazione e del Restauro.

Lascia un commento