Quando il bullismo brucia l’anima, le sicurezze e la voglia di vivere


Il bullismo un tema, divenuto una piaga sociale in grado di determinare conseguenze inimmaginabili nell’animo di un giovane sia che si tratti di un atto verbale o fisico, scelto dalla regista australiana di origini siciliane Vita Catalano per il suo cortometraggio dal titolo “Story of Jack”.

 

Un atto, che nasce spesso senza una ragione e si traduce in una parola anonima in chat, in un’offesa e in un’azione violenta,compiuta per pura goliardia o noia, ma che è capace di sconvolgere la vita di una persona e provocare un senso di inadeguatezza ed in casi estremi il suicidio, è il bullismo. Un fenomeno sociale radicato ed in continuo aumento nella nostra società,che si allontana dai valori quali il rispetto, e l’educazione.


In Italia secondo l’Osservatorio nazionale adolescenza tra i 14 e i 18 anni, il 28 per cento dei ragazzi è stato vittima di bullismo tradizionale e l’8,5 per cento di cyberbullismo. Non solo tra i giovani, ma anche in aumento atti di bullismo nei confronti dei professori come il caso di Roma, dove uno studente ha minacciato di sciogliere il proprio insegnante nell’ acido o quello di Treviglio in cui un insegnante è stato spinto e insultato da uno studente. Cosa spinge un ragazzino a compiere un tale atto? Le radici di tutto ciò affondano in molti fattori, tra cui un ambiente familiare instabile ed una società rea anche tramite i mass media, visti come punto di riferimento da molti giovani, di diffondere modelli spesso negativi, fondati sull’apparenza e perfezione e capaci di escludere e consegnare alla “gogna” chi non li incarna.

Un tema delicato, affrontato nel cortometraggio “Story of Jack” di Vita Catalano, regista australiana con radici e cuore siciliano, presto cittadina italiana. Il suo è uno strumento educativo da consegnare ai genitori e agli insegnanti per rendere consapevoli gli studenti delle conseguenze delle loro azioni e parole, con lo scopo di riuscire a modificare il loro atteggiamento nei confronti di questa tematica sensibile.

Lascia un commento