Ambiente & Turismo

Puglia. Il futuro è nella nostra natura

By 31 Maggio 2015 No Comments

Torna TrEE, il progetto europeo di didattica ambientale. Fra gli appuntamenti, lo spettacolo teatrale “La Sirenetta e i rifiuti in mezzo al mar” A Bitonto, dal 3 al 6 giugno

 

orto bambiniBari, 31 maggio – Un percorso durato quasi due anni, partito da Bitonto che, dopo aver attraversato tutt’Europa, tornerà a Bitonto per chiudere le attività, misurare i risultati, mettere in comune opportunità e risorse. È “TrEE – Teaching Recycling and Environmental Educational”, progetto transnazionale di didattica ambientale del Lifelong Learning Programme, il programma europeo di apprendimento permanente, che finanzia l’incontro, la mobilità e lo scambio culturale fra gli operatori, i docenti e gli educatori. Da mercoledì 3 giugno fino a sabato 6 giugno, 15 fra docenti e operatori culturali di Danimarca, Gran Bretagna, Portogallo, Romania, Turchia, Ungheria, Bulgaria e Italia si daranno appuntamento alle Officine Culturali di Bitonto per l’ultimo degli incontri di confronto e scambio. Saranno presenti i docenti di una scuola superiore rumena, gli educatori di una fondazione bulgara che si occupa di disabilità, i responsabili di un’accademia inglese che si occupa di edilizia sostenibile, gli operatori di due associazioni no profit, una portoghese e una ungherese, i docenti di un college danese e di un ente provinciale per l’educazione ambientale della Turchia. Le attività di formazione sono coordinate dalla Ulixes scs, partner coordinatore del progetto, con il supporto del partner locale Sinergia scs. Proprio in qualità di partner coordinatore, la Ulixes scs ha ospitato già il team del progetto TrEE ad ottobre 2013, per il primo degli incontri tematici, a cui poi hanno fatto seguito altri quattro appuntamenti, in Gran Bretagna (aprile 2014), in Bulgaria (luglio 2014), in Turchia (ottobre 2014) e in Portogallo (aprile 2015). Per il sesto e ultimo meeting internazionale, dunque, si ritorna a Bitonto. Giovedì 4 giugno, alle 10.00, nella sala convegni delle Officine Culturali, i partner presenteranno le attività di educazione ambientale e, in particolare, di riuso creativo adottate nei Paesi d’origine durante i due anni di attività del progetto TrEE. Sarà poi presentato il report finale, con le linee guida che i partner si impegnano ad adottare per qualificare, diversificare e migliorare i loro programmi di educazione ambientale. La giornata continua poi a Borgo Bontà, il ristorante sociale del consorzio Social Lab, dove sono previste delle attività pratiche, nell’orto, e poi la cena. Il giorno successivo, venerdì 5 giugno, è prevista una visita guidata nella vicina città di Molfetta. Nel pomeriggio, nell’Auditorium dell’Istituto Tecnico Economico “Vitale Giordano” è in programma la messa in scena dello spettacolo “La Sirenetta e i rifiuti in mezzo al mar” per la regia di Raffaele Romita e i costumi e scenografie di Franco Colamorea, dell’associazione Fatti d’Arte. Gli studenti delle classi 2A e 1D dell’I.C. “Cassano – de Renzio” e della 2D del 27° C.D. di Bari-Palese hanno lavorato alla parte attoriale e scenica, anche grazie al prezioso aiuto delle mamme e delle docenti (Mariella Maiorano, Angela Bellezza, Angela Ciocia,  Angela Baccelliere). Lo spettacolo è ispirato alla trascrizione della fiaba di Andersen, in chiave ambientale, a cura di Chiara Cannito. La relativa pubblicazione – con illustrazioni di Nataly Crollo e traduzione in inglese di Emanuele Noviello – è stata edita per i tipi di Quorum e sarà presentata a fine spettacolo. «Uno spettacolo fortemente incentrato sul riuso creativo» spiega a riguardo Chiara Cannito, vicepresidente della Ulixes scs, coordinatrice del progetto TrEE. «Abbiamo voluto presentare ai partner stranieri, così come richiesto nello spirito di scambio culturale del progetto, le nostre migliori pratiche di didattica ambientale: come avvicinare i più giovani ad un uso più consapevole delle risorse attraverso il gioco, le attività manipolative, il teatro, la letteratura per l’infanzia». «Qualifichiamo il nostro impegno in tema di didattica ambientale attraverso lo scambio e la cooperazione con partner internazionali – il commento del presidente della Ulixes scs, Nicola Mercurio – senza dimenticare le ricadute economiche e turistiche per tutto il territorio. I nostri partner, infatti, saranno ospiti delle strutture ricettive cittadine e torneranno a visitare la nostra città».


 


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]