Presentazione del progetto europeo EU COLLECTIVE PLAYS! mercoledì 29 luglio ore 12

By 28 luglio 2015Arte & Cultura

Un progetto internazionale che vede capofila il Teatro Stabile delle Arti Medioevali

ciervo, 28 luglio- ! –  E’ un progetto internazionale che vede capofila il Teatro Stabile delle Arti Medioevali, l’ente organizzatore del Festival Quartieri dell’Arte e che vede aggregate alcune delle più significative realtà europee nell’ambito dello spettacolo dal vivo, della formazione artistica, dell’innovazione e dell’inclusione sociale. Il progetto di scrittura collettiva sarà presentato dalla direzione di Quartieri dell’Arte insieme ai partner: la Fura dels Baus, una delle maggiori realtà della ricerca teatrale a livello mondiale (basti pensare che è loro la regia della cerimonia di apertura dei giochi olimpici di Barcellona nel 1992); Collage Arts, organismo che a Londra organizza spazi e progetti multidisciplinari per artisti presso quel conglomerato di studi che si chiama ChocolateFactory; la KHIO, prestigiosa Accademia delle arti di Oslo avanzatissima nella sperimentazione di pratiche postdrammatiche e polivocali; Forteresse realtà teatrale emergente belga; La Gramigna associazione che costituisce un’eccellenza nella creazione di workshop e workshows; la Fondazione maltese per la promozione dell’inclusione sociale; il Teatro Reale di ZetskiDom di Cetinje, il più antico teatro pubblico del Montenegro. Da Malta al Montenegro, dalla Norvegia alla Spagna sono 7 i partner internazionali dell’ente organizzatore Quartieri dell’Arte in questo progetto. Saranno presenti all’incontro, durante il quale saranno illustrate importanti novità e presentati vari filmati, il sindaco del Comune di Leonardo Michelini, l’assessore alla Cultura Antonio Delli Iaconi, l’assessore alle Attività Teatrali Giacomo Barelli, il presidente della Fondazione Carivit Mario Brutti e Giulio Curti di Bic Lazio. Partner molto diversi tra loro per gestire un progetto molto articolato. Si tratta di un importante successo internazionale per l’ente che organizza il Festival  edi una grande occasione di crescita che il territorio della Tuscia ha di fronte.

Lascia un commento