“Premio Vindòbona 2015”

By 5 ottobre 2015Arte & Cultura
[AdSense-A]

 

Il prestigioso “Premio Vindòbona” IX edizione “GRAN BALLO VIENNESE” di Roma, nella magica cornice dell’Acquario Romano. Premiati : Samuel Peron, Sara Santostasi e Gabrio Gentilini 


di Marina d’Angerio di Sant’Adjutore

senza-titolo-1

Il prestigioso “Premio Vindòbona” , così chiamato, in ricordo dell’antico nome latino dell’attuale città di Vienna, capitale austriaca ‘Sul bel Danubio blu’ (An der schönen blauen Donau) ,come ricorda il valzer op. 314 di Johann Strauss jr, (riconosciuto a livello mondiale come il valzer più celebre scritto dal compositore e come uno fra i più famosi brani di musica classica di tutti i tempi), viene conferito ad artisti di fama internazionale, per i meriti conseguiti durante la loro carriera, nella notte magica del “GRAN BALLO VIENNESE” di Roma, che si svolge con il Patrocinio della Città di Vienna, dell’Ambasciata d’Austria, di Roma Capitale, della Regione Lazio e del Ministero della Difesa. Premiati durante la IX edizione, organizzata dalla infaticabile Elvia Venosa di Luxury, nel grande salone ottocentesco dell’Acquario Romano : Samuel Peron, non solo per le sue grandi doti artistiche di ballerino ma per il suo impegno sociale nell’ associazione “Sballando Ballando”, che entra nelle scuole ricordando ai ragazzi quanto sia importante essere se stessi e coltivare i propri sogni utilizzando la danza nella lotta contro le droghe e il bullismo. E Sara Santostasi e Gabrio Gentilini per l’eccellente interpretazione nel travolgente musical “Dirty Dancing”. L’attore, cantante e ballerino Gabrio Gentilini per la sua interpretazione del protagonista Johnny Castle, nel musical di grande successo, insieme alla sua co-protagonista Sara Santostasi, che interpreta la giovane Baby. Lo show “Dirty Dancing” sbarcherà nella capitale dal 13 novembre al Gran Teatro. Come ogni anno numerose performance hanno allietato la notte di fiaba, dopo la premiazione; fra queste un estratto dal Musical Darty Dancing. Mentre Samuel Peron si è esibito in una performance davvero brillante. Durante la serata l’orchestra ha eseguito Il valzer “An der schonen blauen Donau” ,che viene eseguito ogni anno, come secondo fuori programma, durante il Neujahrskonzert (Concerto di Capodanno) dei Wiener Philharmoniker , e tutti si sono abbandonati alla magia della danza su queste incantevoli note. ———————————————————————————————————————–“An der schonen blauen Donau” Compositore : Johann Strauss jr


Tipo di composizione : Valzer

Numero d’opera : 314

Epoca di composizione : 1866

Prima esecuzione : febbraio 1867

Viene di seguito riportato parte del testo scritto per An der schönen blauen Donau da Franz Von Gernerth nel 1890, in lingua originale e in italiano:

(DE)

« Donau so blau, so schön und blau,

durch Tal und Au wogst ruhig du hin,

dich grüßt unser Wien, dein silbernes Band

knüpft Land an Land und fröhliche Herzen

schlagen an deinem schönen Strand.

Weit vom Schwarzwald her eilst

du hin zum Meer,

spendest Segen allerwegen,

Ostwärts geht dein Lauf,

nimmst viel Bruder auf:

Bild der Einigkeit für alle Zeit!

Alte Burgen Seh’n nieder von den Höh’n,

grüssen gerne dich von ferne

und der Berge Kranz,

hell vom Morgen glanz,

spiegelt sich in deiner Wellen Tanz.

Die Nixen auf dem Grund,

die geben’s flüsternd kund,

was alles du erschaut,

seit dem über dir der Himmel blaut.

Drum schon in alter Zeit

ward dir manch Lied geweiht;

und mit dem hellsten Klang preist

immer auf’s Neu dich unser Sang.

Halt an deine Fluten bei Wien,

es liebt dich ja so sehr!

Du findest, wohin du magst zieh’n,

ein zweites Wien nicht mehr!

Hier quillt aus voller Brust

der Zauber heit’rer Lust,

und treuer, deutscher Sinn streut

aus seine Saat von hier weithin. »

(IT)

« Danubio così blu, così bello e blu,

attraverso la valle e il campo là tu scorri quieto,

la nostra Vienna ti da il benvenuto, il tuo nastro d’argento

lega tutte le terre e rallegri il cuore

toccato sulla tua riva leggiadra.

Lontano dalla Foresta Nera

qua tu corri verso il mare

dispensando benedizione ovunque.

Verso l’oriente va il tuo corso,.

accogliendo molti fratelli,

immagine di pace per tutti i tempi!

Antichi castelli ti guardano dall’alto,

salutano lieti da lontano

e dalla corona dei monti,

chiara dallo splendore del mattino,

che si specchia nelle tue onde danzanti.

Le sirene dal letto del fiume,

sussurrano come il corso del fiume,

tu sei udito da tutto ciò che sta

sotto il cielo blu.

Il rumore del tuo passaggio

è una canzone di tempi lontani

e con i suoni più brillanti

non se li porta mai via.

Ferma il tuo corso a Vienna,

che ti ama così tanto!

In qualunque luogo in cui te ne andrai

non troverai mai nessun luogo come Vienna!

Qui si riversa a pieno petto

la magia di desideri felici,

e un sincero, germanico sentimento spande

dal suo seme di qui molto lontano. »

Lascia un commento