Connect with us

Ambiente & Turismo

Piazza Navona: il ritorno delle storiche “Bancarelle della Befana”

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

La Giunta Capitolina è al lavoro fin dallo scorso agosto per elaborare le “Linee Guida per Valorizzare il Recupero di questa Tradizione Storica”: dopo due anni di restrizione sono tornate, a Roma, nella storica Piazza Navona, le tipiche bancarelle della Befana.

di Damiana Cicconetti 

Finalmente, dopo due anni di restrizioni dovute alla pandemia, nella Capitale si festeggia nuovamente la Festa della Befana: a Piazza Navona sono tornate le storiche bancarelle dell’Epifania.

…Un mercatino di qualità: quest’anno ancor più degli anni passati!

Non a caso, fin dallo scorso agosto, la Giunta Capitolina ha approvato le “Linee guida per valorizzare il recupero di questa tradizione storica”, la cui memoria si perde fin dalla notte dei tempi.

L’Assessora alle Attività Produttive e alle Pari Opportunità Monica Lucarelli è riuscita a realizzare il suo obiettivo in toto: “Restituire a romani e turisti una Festa all’altezza della Capitale, degna del suo passato…”.

E, così, in una magica atmosfera tipicamente natalizia, fin dai primi di dicembre, sono tornate in piazza bancarelle colme di dolciumi e di altre delizie gastronomiche, oltre a giochi per bimbi, presepi, libri e prodotti artigianali.

…Senza dimenticare le scopette scaccia-guai di ogni grandezza e prezzo: insostituibili portafortuna per ogni turista ma, invero, non solo.

O, ancora, le calze da riempire di dolci per i bimbi buoni o carbone (seppur dolce) per quelli più monelli.

E, poi, per i giorni di Festa, è stato allestito finanche un teatrino di burattini, sia per gli adulti che per i più piccini.

Mentre, ad occupare il centro della Piazza, tra le due splendide fontane, vi è di nuovo la storica giostra, illuminata e con musiche prettamente natalizie che attrae, ad ogni ora del giorno e della sera, turisti e non solo.

Ecco perché Monica Lucarelli non ha potuto non evidenziare la sua soddisfazione: “In questi mesi abbiamo valutato con attenzione ogni singolo aspetto amministrativo e politico per poter salvare una Festa storica come quella di Piazza Navona. Il bando creato dalla precedente amministrazione ha creato vincoli estremamente e difficilmente superabili. Si tratta di un bando incongruo che ha portato, anno dopo anno, la perdita di operatori e visitatori, mostrando alla città una Piazza Navona sempre più triste e spoglia…”.

Monica Lucarelli, dunque, è sì soddisfatta, anche se non ha potuto fare a meno di togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “Avremmo preferito predisporre un nostro bando, prendendoci oneri e onori ma purtroppo non è stato possibile. Oggi cerchiamo di migliorare una situazione molto complicata in un momento storico ancor più difficile. Il nostro obiettivo è salvare una tradizione che da generazioni vede coinvolte migliaia di persone, al contempo facendo rivivere ai visitatori quell’atmosfera tipica del clima Natalizio, in una festa da sempre contraddistinta da una valenza storica legata alla città, tanto da costruire un richiamo a livello internazionale…”.

Monica Lucarelli ha, infine, concluso con parole di speranza: “Per quest’anno accontentiamoci, anche se molte postazioni sono restate vuote. In futuro, rimetteremo a bando anche quelle… Torneranno i prodotti della tradizione regionale e, con l’aiuto importante del Dipartimento Cultura, realizzeremo spettacoli ed eventi in Piazza…”.

Per ora godiamo di quel che abbiamo e che, invero, dopo due anni di angustie, possiamo tornare nuovamente ad assaporare.

       Credit Photo by Damiana Cicconetti

Print Friendly, PDF & Email