Connect with us

Salute

Perugia. Diabete Onboard Onlus e Diabete Tipo I in Famiglia aprono la “Casa del Diabete”

Published

on

Tempo di lettura: 4 minuti

Sabato 5 novembre a Perugia si è tenuta l’inaugurazione della nuova sede di Diabete Onboard Onlus e Diabete Tipo I in famiglia: un luogo dedicato alla realizzazione di progetti, al confronto, alla formazione e all’ascolto

 di Giordana Fauci 

 Il 5 novembre, a Perugia, più precisamente in via Elvira 46, presso Castel del Piano, è stata inaugurata la sede di Diabete Onboard Onlus e di Diabete Tipo I in famiglia, due Associazioni che fanno parte di Co.Re.Diab. (Coordinamento Regionale delle Associazioni per il Diabete Umbria) e che si occupano di Diabete di Tipo I, dall’età pediatrica all’età adulta.

I Presidenti delle due Associazioni, Riccardo Vinciarelli e Stefano Antonini, sono apparsi enormemente soddisfatti: non hanno potuto non accogliere con piacere le molte persone presenti e i numerosi diabetologi intervenuti, oltre alle autorità istituzionali.

Tra tutti Gianluca Tuteri, Vice-Sindaco di Perugia, che ha portato i saluti dell’intero Comune, alla presenza di altri rappresentanti politici, locali e regionali.

Un sentito ringraziamento meritano i due Consiglieri regionali Tommasi Bori e Valerio Mancini, il quale ha  tenuto a chiarire di essersi sentito “davvero onorato per aver partecipato alla inaugurazione di un luogo tanto prestigioso… Una casa che sarà dedicata ai progetti, al confronto, alla formazione e all’ascolto; alla presenza di professionalità di altissimo livello, le cui competenze sono una risorsa anche a livello nazionale e che, perciò, meritano di essere valorizzate a beneficio dei pazienti in primis…”.   

Da non dimenticare le presenze della Vice-Presidente del Consiglio Comunale Roberta Ricci e del Consigliere Comunale Nicola Volpi.

Del taglio del nastro si è, come sempre, occupato l’Assessore alle Politiche Sociali, nella persona di Edi Cicchi, tra la commozione e il plauso di genitori, de sempre attivi nel garantire il benessere fisico e finanche psicologico dei loro figli.

Degni di essere ricordati il Presidente di Diabete I in famiglia Stefano Antonini, più che attivo combattivo da sempre sul tema ed il Vice-Presidente Avv. Gianmarco Cesari, dedito a garantire la tutela dei Diritti di persone con diabete di Tipo I e i conseguenti Diritti Umani.

Oltremodo entusiasta finanche il Presidente di Diabete Onboard Onlus Riccardo Vinciarelli, che non ha potuto fare a meno di esternare la sua soddisfazione per la realizzazione di un progetto così fortemente voluto: “Finalmente abbiamo una casa, da sempre desiderata da entrambe le associazioni… Sarà un luogo dove potremo accogliere tutti coloro che necessitano di un supporto e dove sarà possibile realizzare momenti di aggregazione che, invero,  non riguarderanno il solo diabete. Perché fare rete tra le Associazioni è il miglior modo per poter aiutare il maggior numero di persone… Persone che abbiano voglia di aiutare se stesse pur senza dimenticare gli altri…”.

Del resto, già da un mese è attivo uno Sportello di Ascolto per le persone con diabete e finanche per i loro familiari: uno Sportello aperto ogni mercoledì, dalle ore 18:00 alle ore 20:00 ed il sabato dalle ore 10:00 alle ore 12:00. Uno spazio che vede impegnati tutor debitamente formati facenti parte dell’Associazione Diabete Onboard che vivono sulla loro pelle la gestione quotidiana di questa condizione.

Tale Spazio si è rivelato utile a gestire casi di diabete I in famiglia e, invero, di persone che avvertono l’esigenza di un confronto, di un consiglio o anche solo di scambiare una parola con chi il diabete di tipo I lo conosce altrettanto bene.

Per chi lo desidera, il numero dello Sportello di Ascolto – attivo negli stessi orari di apertura del punto – è il seguente: 3534479277.

Ora, invece, grazie alla presenza della creazione di un’aula multi-mediale all’interno della nuova “casa” si potranno realizzare numerosi altri progetti, quali, ad esempio, corsi di carbo counting o, più semplicemente, di cucina, mirati a persone con diabete ma, invero, non solo.

Non mancheranno altresì incontri con psicologi e corsi di educazione terapeutica, oltre ad ulteriori progetti aventi per scopo la cura e il benessere di ciascuno, al di là della presenza del diabete.

La possibilità di collaborare è stata concessa ad ogni medico: nel pieno rispetto dei ruoli, si intende!

Il prossimo appuntamento è previsto per la sera di lunedì 14 novembre, insieme a Pedibus: si è organizzata una passeggiata per le vie del centro storico di Perugia, per ammirare i monumenti del capoluogo della bellissima Regione Umbria… Monumenti che, per l’occasione, saranno illuminati di blu, per celebrare la Giornata Mondiale del Diabete e sensibilizzare ancor di più il maggior numero possibile di persone.

Perché il diabete è una patologia in forte aumento ma, purtroppo, ancora poco conosciuta.

E, in ogni caso, il confronto e l’ascolto fanno parte della cura: la “Casa del Diabete” non lo ignora!

Per questo si è adoperata “per offrire la possibilità di entrare in contatto con un gruppo di persone che condivide le stesse esperienze e così ricevere supporto aggiuntivo rispetto alla sola assistenza medica…”. È Stefano Antonini, Presidente dell’Associazione Diabete I in Famiglia a confermarlo ancora: “Creare un momento di condivisione tra pari sul diabete di tipo I, in ogni suo aspetto, sia esso medico, come pure sociale, psicologico e, finanche, di carattere legale fa, senza alcun dubbio, la differenza…”. Non a caso conclude, simpaticamente  sintetizzando: “La nostra ‘casa-sede’ è stata inaugurata. Noi ci siamo e siamo pronti. Tu?…”.

Lo stesso slogan adottato dello Sportello di Ascolto è oltremodo eloquente: “Da soli siamo una goccia ma insieme siamo un oceano…”.

Print Friendly, PDF & Email