Politica

Occupazione, Cavallari, capogruppo ItaliaViva regione Lazio:Ministro Dadone salvi 800 idonei e Campidoglio da figuraccia

By 16 Settembre 2020 No Comments

A rischio 800 giovani disoccupati e idonei in esito concorsone: “questi ragazzi opererebbero in ambiti determinanti come la cultura, il turismo, l’informazione e l’urbanistica, necessari al rilancio di una strategia nuova sulla città”

“Scadranno il prossimo 30 settembre le graduatorie del concorsone di Roma Capitale. La ministra della Funzione pubblica, Fabiana Dadone, si appresti a prorogarne la scadenza per parare l’ennesima figuraccia della Giunta Raggi che ha assicurato lo scorrimento delle graduatorie e l’assunzione fino all’ultimo idoneo. Eppure, ad oggi, ne restano circa 800 ancora nel limbo, tra cui 119 appartenenti alle categorie protette, 415 istruttori dei servizi culturali, turistici e sportivi, 31 architetti, 76 funzionari di biblioteche, 112 funzionari della comunicazione, che tra due settimane perderanno definitivamente una grande opportunità lavorativa per la quale hanno studiato e atteso, invano, l’assunzione promessa da questa Giunta comunale”.
Così il capogruppo consigliere regionale, Enrico Cavallari (Italia Viva) intervenuto questo pomeriggio su NSL radio tv.
“Ancora una volta emerge la mancanza di visione in ambiti strategici: questi ragazzi opererebbero in ambiti determinanti come la cultura, il turismo, l’informazione e l’urbanistica, necessari al rilancio di una strategia nuova sulla città, aggiunge Cavallari -. Tutto ciò in nome della più becera forma di amministrazione, che il M5S ha imparato in fretta, sacrificando diritti e illudendo tante famiglie, lanciando poi un concorso spot a pochi mesi delle elezioni e raccontando la favola di finirlo prima del voto di maggio.
La ministra Dadone corra in soccorso della Giunta Raggi, proroghi le graduatorie per il bene della città e per scongiurare una grave ingiustizia sociale”.


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]