Primo piano

Non si placa la rivolta turca. Ancora scontri nella notte

By 5 Giugno 2013 20 Settembre, 2014 No Comments

turkish_rebelRoma, 5 giugno – La Turchia brucia. Brucia di rabbia. Brucia per il susseguirsi di scontri fra popolazione civile e forze di polizia determinati dalla protesta contro il governo del premier islamico Recep Tayyip Erdogan.

La feroce repressione delle manifestazioni avvenute in tutto il Paese avrebbe provocato 3 morti e 3mila feriti, alcuni dei quali  640-864 exam  gravi. Istanbul, Ankara e Hatay sono le città in cui la rivolta si è fatta più estrema e la la polizia è intervenuta usando lacrimogeni e idranti.

In un rapporto di Amnesty International si legge che dal 29 maggio oltre 640-692 2000 manifestanti sono stati feriti in diverse città della Turchia. Il bilancio del governo è di 244 poliziotti e solo 64 manifestanti feriti.


Sulla ‘necessità’ di sedare in ogni modo i manifestanti è interventuo il vicepremier Bulent Arinc, che ha legittimato la repressione esercitata dagli agenti, dichiarando: “hanno fatto il loro lavoro”, e hanno subito “provocazioni da parte di organizzazioni illegali”. Arinc ha accusato la stampa estera di avere fatto disinformazione esagerando la situazione.

 

 

Lascia un commento

Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]