Italia

Nasce il segretariato sociale per aiutare i cittadini crotonesi in difficoltà

By 9 Aprile 2020 No Comments

Il Direttore di sede zonale del PATRONATO ENASC STRONGOLI Francesco Vetere ha risposto alle nostre domande più urgenti.

di Benedetta Parretta

Nell’ambito dell’emergenza COVID – 19 a Crotone istituzioni ed enti come il CSV Aurora, l’Associazione Libere donne, il Consorzio Jobel e ARCI hanno attivato da subito un’importante collaborazione dando vita ad un Tavolo di Coordinamento, istituito con l’obiettivo di sostenere e supportare le fasce deboli della popolazione e chi si trova in particolare difficoltà, azione estremamente rilevante in un momento particolarmente complicato quale quello attuale.

Nasce così una iniziativa a sostegno di tutte le persone che si trovano oggi confinate a casa per fronteggiare l’emergenza sanitaria rappresentata dal COVID-19, in risposta alle restrizioni messe in atto dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020.


Indubbiamente, in questa pandemia coloro che conoscono bene le situazioni di tante famiglie bisognose, sono le associazioni e gli enti del Terzo settore.

Per il fatto di conoscere il proprio territorio, nasce la necessità di istituire subito un segretariato sociale online per aiutare chi non ha le competenze e gli strumenti per compilare una domandina, perché abituati al servizio del caf o dei sindacati e che in questo momento tra la confusione generale si trova in difficoltà.

Fondamentale il ponte che il CSV Aurora, nella persona del Presidente Lucia Sacco, riesce  a fare tra  le istituzioni e le associazioni, che sul territorio stanno facendo in questo momento un monitoraggio di tutto, inserendo così informazioni aggiornate e dettagliate 24H su 24.

Un servizio durato 4 giorni, una domandina difficile da compilare sia nello schema che nelle domande a cui la platea è stata sottoposta, ma c’è stato bisogno della professionalità dei dipendenti del CSV di Crotone per fare in modo che tutto si svolgesse in maniera corretta.

Moltissime le domande per la mancata flessibilità nell’indicare una data dietro la porta.

Per cui abbiamo chiesto la consulenza del Direttore di sede zonale del PATRONATO ENASC STRONGOLI Francesco Vetere, che ha risposto alle nostre domande più urgenti.

Quali sono gli strumenti che il governo sta adottando per superare la crisi economica per aiutare le famiglie Italiane?

Tra le misure di sostegno che vanno a coprire il bisogno della popolazione ci sono, la cassa integrazione che si divide in due rami quella di tipo ordinario e assegno ordinario che si occupa delle aziende ad esempio “call center”. La cassa integrazione in deroga si occupa della maggior parte dei dipendenti in maniera diretta e l’indennità Covid o meglio Bonus 600 euro, reddito di emergenza, mini reddito per i lavoratori in nero e assegno bonus per i minori fino ai 14 anni, sospensione mutuo e affitto, congedo parentale.

  Reddito di Garanzia: Che cos’è, è già in vigore o sostituirà il reddito di cittadinanza?

Non è ancora in vigore. Spetta a tutti coloro che vengono racchiusi negli articoli 27,28,29 cioè tutte quelle categorie che sono state penalizzate tra cui tutti coloro che prendono una minima pensione e un minimo di reddito di cittadinanza .

Bonus 600 euro: chi ne ha diritto e chi no? Tra questi ci sono lavoratori stagionali che ora stanno prendendo il reddito di cittadinanza, possono richiederlo ugualmente? Possono richiederlo i lavoratori stagionali nello stesso nucleo familiare, dove si acquisisce il reddito di cittadinanza?

Ne hanno diritto i co co pro con partiva iva e senza iva, i professionisti e i collaboratori, i lavoratori stagionali del turismo tra cui i dipendenti dei villaggi turistici, i dipendenti della ristorazione, i braccianti, i titolari di partita iva che pagano i contributi e quelli che non li pagano.

Chi prende il reddito di cittadinanza ed è uno stagionale non può chiedere quest’altro sostegno, ma nello stesso nucleo familiare se il capo famiglia percepisce il reddito di cittadinanza, e c’è un membro che fa lavoro stagionale ha diritto alla misura di sostegno.

Per le famiglie che non ce la fanno, avranno un aumento del reddito di cittadinanza?

No, non ci sarà nessun aumento del RDC

Bonus spesa 300 euro: chi ne ha diritto? E chi ha il reddito di cittadinanza può richiederlo? Ad esempio, chi ha un minimo di reddito di cittadinanza di 300 euro e due minori e nulla più, quindi in questo momento è una famiglia in estrema difficoltà può fare qualche domanda?

Per chi è già titolare del rdc il governo ha devoluto anticipatamente ai comuni quota parte del fondo di solidarietà al fine di sopperire alle esigenze delle famiglie più indigenti o con l’acquisto di derrate alimentari o con l’emissione di buoni spesa. Possono richiederlo anche coloro che hanno un minimo di pensione e un minimo di reddito di cittadinanza.

Chi non percepisce il reddito di cittadinanza perché lavoratore a nero, oggi che si trova senza reddito cosa può chiedere?

Per i lavoratori in nero il governo sta varando una misura ulteriore di cui ancora non si sanno i requisiti. Si pensa a 800€ circa


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]