Connettiti con noi

Cinema & Teatro

Nomination Migliore Brano Colonna Sonora al Paris Film Festival per Lenzo Malafarina

Titty Marzano

Pubblicato

il

Il compositore Reggino varca i confini nazionali

Schivo e riservato, di lui è quasi impossibile trovare notizia sul web “del resto tutti possono costruirsi sul web” mi dice, restio a parlare di sé, da sempre “dietro”: dietro un regista, un cantante, un gruppo o uno spot, invisibile. Eppure Lenzo Malafarina rappresenta sicuramente uno dei compositori più fecondi del panorama musicale odierno.

 

Si racconta solo quando smetto di fargli domande, ed allora chiacchieriamo. Mi racconta che è ancora un bambino quando inizia lo studio della musica classica e del suo strumento principale, il pianoforte e che, come tutti i ragazzi che amano la musica ma soprattutto suonare, si avvicina successivamente alla musica elettronica.

Suona e lavora, per diverse band locali, come turnista sino al 1990, anno cruciale nel quale consegue il perfezionamento in composizione ed arrangiamento.

Ma questo non gli basta perché, mi dice, “compositori, arrangiatori e musicisti hanno un ruolo importante nelle produzioni di successo. Debbono operare nel pieno rispetto della personalità dell’artista, e saper apportare in maniera armonica e professionale il proprio contributo.”

Nel 1992 è quindi tra i primi a frequentare il CET, l’associazione no-profit fondata da Mogol, con lo scopo di valorizzare e qualificare principalmente nuovi professionisti della musica pop, persone sensibilizzate all’importanza della cultura popolare e alle esigenze etiche della comunicazione. Da qui la possibilità di frequentare le lezioni del grande Giulio Rapetti, ma anche di Mario Lavezzi e Oscar Prudente.

La professionalità conseguita gli consente di avviare cooperazioni, sia come musicista che come arrangiatore e compositore, in produzioni discografiche di artisti nazionali e locali.

Numerosissime le collaborazioni, per citarne solo alcune: Donatella Rettore, Ivan Cattaneo, Dario Baldan Bembo, Tiziana Rivale, ma anche Neri Marcorè, Donatella Milani, Gerardina Trovato, Pupo e Zucchero Fornaciari

Eclettico ma nel contempo fortemente legato alle tradizioni e alla sua terra, i suoi brani risentono gli influssi degli studi classici ed anche della musica mediterranea. Contaminazioni prepotenti vengono dal jazz, la sua passione che lo porta a curare le interviste a musicisti nazionali ed internazionali, per Jazzmin, la rassegna internazionale di musica jazz proposta da La Sosta di Villa San Giovanni dal ’93 al ’97.

Nel 1998 apre il suo studio di registrazione e realizza spot per radio e televisione. Gli anni 2000 lo vedono insegnante presso l’Accademia Musicale di Canto Moderno e collaboratore in produzioni artistiche di Zarrillo, Stadio, Branduardi, Adela, Capodacqua (amici di Maria De Filippi).

Solo di qualche anno fa i suoi arrangiamenti per lo spettacolo “Dietro la Porta”, regia di Gianni Quinto, con Gigi Miseferi ed il compianto Giacomo Battaglia per il quale scriverà, con la collaborazione di Alfredo Auspici, “E non è notte mai”. Un pezzo struggente, vincitore del RCFF, il festival indipendente nato nel 2004 a Reggio Calabria per volontà di Gianluca Curtì, presidente della Minerva Pictures, con i suoi stretti collaboratori Michele Geria, presidente dell’Associazione Culturale E20 e Andrea Quattrini, responsabile del Cast e Comunicazione, per promuovere prodotti dell’audiovisivo anche indipendenti e il territorio.

Cura gli arrangiamenti per “Doppia Luce” di Laszlo Barbo, il corto che ha già conquistato la critica e che diverrà una serie prodotta da Mediaset.

Numerosissimi i premi nazionali ed internazionali, le partecipazioni a festival, sui quali minimizza, eppure sono primi premi.

A me non resta che ricordare l’ultima nomination, Migliore Brano Colonna Sonora al Paris Film Festival e che con le sue musiche per il film “Shocking Marriage – Il matrimonio più sconvolgente della storia” regia D. Casile partecipa al David di Donatello.

Progetti a breve? Un lavoro per un noto programma della RAI, una collaborazione come arrangiatore in un nuovo CD di una cantante.

Lascia un commento
Print Friendly, PDF & Email

Categorie