Salute & Benessere

Sanità, Nuovo mammografo a Palazzo Baleani di Roma


senologiaIl Centro di Senologia dell’Umberto I si rinnova a vantaggio della prevenzione del cancro della mammella abbattendo i costi di gestione sanitaria

Roma, 13 giugno.

Venerdi 14 Giugno 2013 alle ore 12:00, presso il Centro di Prevenzione, Diagnosi e Cura del Cancro della Mammella – U.O.C. di Medicina Territoriale di Palazzo Baleani, sito in Corso Vittorio Emanuele II, 244 – Roma, si terrà l’inaugurazione ufficiale di un nuovo mammografo. Il centro, concepito come un’avanguardia territoriale di prevenzione di questa patologia particolarmente aggressiva ed in incremento, offre un ottimo servizio 70-480 alle pazienti e testimonia come si possono ridurre i costi sanitari di gestione. Si tratta di un servizio ambulatoriale, al quale si rivolgono circa 30 persone al giorno, senza appuntamento che vengono sottoposte a visita senologica, mammografia ed ecografia (e se necessario ad agoaspirato con esame citologico) e dove, in presenza di una patologia maligna, il referto dell’esame citologico viene consegnato alla paziente nella stessa mattinata, in modo tale da proporre, subito, un possibile piano terapeutico. La missione 070-411 dell’équipe interdisciplinare di Palazzo Baleani è quella di assicurare a tutte le donne la possibilità di effettuare, in una sola mattinata, tutti gli esami previsti per una corretta prevenzione del cancro della mammella, in un’unica struttura con specialisti competenti, come è inoltre richiesto dalle normative Europee in materia, che impongono, entro il 2006, tali procedure sanitarie. All’inaugurazione saranno presenti: il Magnifico Rettore dell’Università La Sapienza di Roma Prof. Luigi Frati, il Direttore Generale del Policlinico Umberto I° Dott. Domenico Alessio, il Direttore Sanitario Dott.ssa Amalia Allocca, il Direttore Amministrativo Dott.ssa Marta Branca, il Direttore della U.O.C. di Palazzo Baleani Prof. Mario Rengo. Inoltre “Madrina” dell’evento sarà Beatrice Fazi, nota attrice del panorama italiano (“Un medico in famiglia”).

Lascia un commento