L’Olanda dei tulipani e delle biciclette

By 9 ottobre 2015Primo piano

Più del 60% del commercio mondiale di fiori e piante si svolge attraverso le aste in .


Di Francesca Rossetti

OlandaRoma, 9 ottobre- Da sempre l’Olanda è il paese dei mulini a vento e delle biciclette che percorrono le piste situate lunghe straordinarie coltivazioni di e fiori di ogni genere, rendendo questo bellissimo Paese il numero 1 al mondo per la dato che il popolo olandese per eccellenza ama i fiori e li regala nelle più diverse circostanze, dai compleanni ai matrimoni, dalle lauree ai battesimi. La lingua olandese ha adottato un’espressione che in principio venne introdotta come slogan di mercato: “Dillo con un fiore”. Ogni anno, quando il Papa diffonde il suo messaggio Urbi et Orbi, gli Olandesi attendono la famosa frase: “Ringrazio i Paesi Bassi per i fiori”. I primi dipinti con nature morte floreali del XVII secolo erano spesso accompagnati da messaggi edificanti. Il breve periodo della fioritura era spesso paragonato alla vita dell’uomo sulla terra. Il dipinto floreale più famoso è “I Girasoli” (Van Gogh). L’attuale gamma di bulbi da fiore presenta ogni fragranza, colore e forma immaginabile tanto da essere esportata in tutto il mondo con il marchio dell’Olanda. Se ne possono acquistare di multicolori anche al mercato delle pulci di Fu , Direttore del Giardino Botanico di Leida, a piantare il primo bulbo di tulipano nel XVI secolo: la produzione partì da , che rimane ancora oggi il centro commerciale principale, ma poi si estese anche in altre parti del Paese e si diffuse verso sud. Nella zona dello Bloembolenstreek, attualmente compresa tra Haarlem e Leida, quella che divenne poi famosa come la regione dei bulbi, con Lisse al centro centrale, si concentrarono maggiormente le piantagioni e gli immensi campi fioriti di Tulipani. Qui i fiori si dischiudono trasformando queste cupe pianure in tappeti coloratissmi che ondeggiano sotto la carezza del vento e mutano a seconda dei giochi di luce riflessa. In primavera, tutta questa zona si trasforma in un immenso mosaico di colori, un vero spettacolo variopinto. Attualmente il Noord Holland e il Flevoland costituiscono il centro della coltivazione dei fiori da bulbo. Lo Zuid Holland è la zona classica della tulipomania. Ogni inverno i coltivatori olandesi piantano i bulbi, sperimentando continuamente variazioni alla ricerca di nuove forme e sfumature facendo nascere inebrianti profumi e stupefacenti effetti di colore: arancione, rosso, giallo, rosa, bianco, viola, indaco.I bulbi a fioritura primaverile vengono coltivati soprattutto nelle province costiere, mentre i gigli e i gladioli a fioritura estiva interessano invece maggiormente le province orientali del paese. Sono piantati a strati per assicurare un arcobaleno continuo di colori da marzo a maggio, con fioriture di ciliegio e numerose sculture. Tripudio di fioriture variopinte che rimarrà fino metà maggio quando i primi fiori cominciano già a guastarsi. In estate, si passerà alle piante perenni, a quelle da trapianto e agli arboscelli fioriti. I periodi migliori per la fioritura infatti, sono: per i fiori di croco a fine marzo, per i narcisi e tulipani precoci agli inizi di aprile, per i giacinti a metà aprile, mentre per i tulipani da metà aprile a metà maggio. Una delle massime rappresentazioni di queste floricolture si trovano al Keukenhof, uno dei più famosi parchi dell’Olanda, il più bel giardino primaverile del mondo, localizzato a Lisse, cittadina nella regione dello Zuid Holland ed aperto nel 2006 e con l’occasione è stato battezzato un nuovo tulipano. 500 bulbi di questo nuovo esemplare sono stati piantati sotto il busto di Rembrandt a Leiden e 6000 tulipani dal nome “Rembrandt” sono fiori sulla Piazza “Rembrandtplein” ad Amsterdam, intorno alla statua dedicata al pittore. La regione costiera tra Haarlem e Leida è da sempre chiamata Bloembollenstreek (la zona dei fiori), perché è il luogo nel quale ebbe inizio la coltivazione dei bulbi, piantati in autunno e in primavera. In estate i bulbi vengono prelevati, sbucciati e fatti asciugare, e poi messi in commercio. I fiori più coltivati sono tulipani, giacinti, narcisi, lillà e gladioli. In questo periodo si svolge anche la famosa Flower Parade, una grande sfilata di imbarcazioni riccamente decorate con fiori e le aziende che si occupano della coltura dei fiori, della relativa riproduzione, conservazione e distribuzione sono ancora tantissime, tutte garantiscono una costante fornitura e qualità dei prodotti. Il più grosso produttore di bulbi è Frans Roozen, ubicato a Vogelenzang, 10 Km a sud di Haarlem, dopo Heemstede . Espone tulipani da aprile a maggio, tutti i giorni dalle 8 alle 18; altre varietà di bulbacee da luglio a ottobre. Effettua vendita diretta. Tra tutte quelle indicate in fioriweb, alcune di interesse particolare sono:


* La 
Preesman che presenta una catalogo sfogliabile per il quale occorre installare uno specifico plug-in del proprio browser. Russoroses è un fornitore italiano di fiori, agente anche Preesman


http://www.preesman.com/
La Rosen Tantau con i Vivai Villatella agente italiano della stessa azienda olandese http://www.rosen-tantau.com/
* La 
Hilverda con la Florinvest S.p.A., il suo agente italiano http://www.hilverdadeboer.com/region/7/
Ecco invece uno dei più famosi negozi per 
acquisti online di bulbi, il TulipWorld  http://www.tulipworld.com/

Negli anni ’80 e ’90, famosi calciatori olandesi come Ruud Gullit, Marco van Basten e Frank Rijkaard erano chiamati in Italia tulipani. Oggi, i tulipani viola col “Fiocco Rosa” son il simbolo della battaglia contro il cancro al seno. Più del 60% del commercio mondiale di fiori e piante si svolge attraverso le aste in Olanda. L’asta FloraHolland di Naaldwijk è la più grande asta mondiale di piante e fiori recisi, e si occupa di più del 90% del commercio floreale olandese. Una seconda grande asta è la VBA di Aalsmeer. La Horti Fair è un’importante fiera internazionale dell’orticoltura per professionisti, che si svolge tutti gli anni presso la RAI di Amsterdam. I fiori sono uno dei prodotti principalmente esportati dai Paesi Bassi. I maggiori importatori sono Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Russia. Per garantire il commercio floreale nell’arco di tutto l’anno, l’Olanda importa a sua volta fiori, in particolare da paesi come Africa e Israele, essendo anche il principale importatore dell’Unione Europea. Spesso gli imprenditori che si occupano della coltivazione di fiori ornamentali in Africa sono di origine olandese. Molti fiori vengono coltivati in serra. Il Westland e Aalsmeer sono l’epicentro del mercato floreale mondiale. I Paesi Bassi posseggono circa 10.000 ettari di serre, di cui un terzo è riservato alla coltivazione di fiori recisi e per ridurre il consumo energetico dovuto all’utilizzo delle serre sono stati installati pannelli solari sui tetti delle serre: alcune di esse sono sopraelevate con alimentazione ad energia geotermale. Il Promotion bureau for Dutch flowers (Flower Council of Holland) fornisce dati e cifre sull’import/export dei fiori.

Attrazioni turistiche

Keukenhof: il giardino all’aperto più grande del mondo

Floriade: esposizione mondiale dell’orticoltura che si tiene ogni dieci anni, da aprile ad ottobre.

Percorsi per pattini, bicicletta e a piedi vi attendono tra i campi in fiore di Zijpe nel Noord-Holland e nel Flevoland.

Voli sopra le aree in fioritura

Visita all’asta FloraHolland;

 Escursioni nell’agricoltura e orticoltura olandese;

 Giro in macchina tra i campi (dalla A6, svincolo Emmeloord);

www.museumdezwartetulp.nl

Museum de Zwarte Tulp (Museo del Tulipano Nero) http://www.museumdezwartetulp.nl/

Il più grande dipinto nel mondo con tulipani (63 metri di lunghezza per 4 metri d’altezza);

Museo dei Tulipani di Amsterdam http://www.amsterdamtulipmuseum.com/italiano/

 

Eventi floreali


  • Holland’s Flower Festival/the West Friesian Flora: la più grande mostra al coperto di bulbi in Olanda
  • Flower Parade
  • Sailing Westland Parade, agosto – percorso di 70 km – 300.000 visitatori

Anche in Italia si festeggiano i fiori. Infatti, a Castiglione del Lago in Umbria, ogni anno, si tiene la Festa dei Tulipani Tutto il paese viene addobbato da migliaia di coloratissimi fiori, che incorniciano finestre, balconi, angoli di strade, piazzette e vetrine dei negozi: esiste una vera e propria competizione per allestire i migliori addobbi floreali, la festa prevede anche una sfilata di carri allestiti con i fiori. Le origini della Sagra del Tulipano risalgono proprio ad alcune famiglie olandesi che avendo acquistato i terreni vicino al lago Trasimeno per coltivare bulbi di tulipani, iniziarono a festeggiare l’inizio della bella stagione addobbando con il “primo fiore” finestre e balconi di Castiglione.

Lascia un commento