Connect with us

Attualità

Lidu, “Finanza globale e diritti umani” . Quali diritti in tempo di crisi?

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 6 minuti

headerAl via un ciclo di incontri con focus sui diritti e sulle libertà dell’uomo a cura del comitato Roma della  Lega Italiana Diritti dell’Uomo . Virgilio Ballerini, docente di Matematica Attuariale e Tecnica Bancaria alla Sapienza nel corso della sua relazione spiega: “ finanza globale calpesta diritti dei cittadini”

Roma, 11 novembre – “L’economia globalizzata è diventata un mostro cieco perché in balia dei meccanismi della finanza e non più frutto di scelte politiche che mettono al primo posto i diritti dell’uomo”, così Roberto Vismara in apertura dell’incontro dibattito che si è tenuto nella sede della Lidu onlus, piazza d’Ara Coeli 12, venerdì scorso alle 18.00. L’appuntamento, il primo di un ciclo di incontri promossi dal Comitato Roma Lega italiana diritti dell’Uomo, offre lo spunto per analizzare i meccanismi che hanno prodotto la crisi economica attuale, con una chiave di lettura che da priorità ai diritti umani, base fondante di ogni democrazia sostenibile. La relazione proposta al pubblico presente in sala da Virgilio Ballerini, docente di Matematica Finanziaria e Tecnica Bancaria alla Sapienza, ha ripercorso le tappe che hanno trasformato il mondo della finanza nel peggior tiranno che il mondo globalizzato potesse meritare.Screenshot_2013-11-11-11-25-22 “E’ con lo sviluppo del mercato globale che la finanza si è sviluppata rapidamente”, – sostiene Ballerini – “in particolare con la concessione di mutui subprime che nel settembre del 2008 portarono al fallimento improvviso della banca d’affari americana Lehman Brothers. In poco tempo altre 24 banche d’affari seguirono il destino della Lehman in Usa e furono declassate per limitare il danno. Ma ormai si era innescato il meccanismo di crisi”. Ma perché la finanza ha decisamente determinato una crisi economica così virale per l’intero pianeta? “Bisogna anzitutto intenderci sul significato della parola finanza.” – spiega Virgilio Ballerini – “ Esistono tre tipi di finanza : quella pubblica che si occupa della ricerca ed impiego di risorse finanziarie a favore della PA, la finanza aziendale intesa come ottimizzazione degli impegni finanziari per la produttività  che ha comportato gli errori della finanziarizzazione negli anni 80-90 consistenti, dati gli alti rendimenti in titoli, di investire le risorse derivanti dagli utili conseguiti nella costituzione di portafogli invece che nelle attività aziendali.  Infine la Finanza propriamente detta che nella comune accezione si definisce come ‘le modalità di allocazione del denaro tra usi alternativi, al fine di massimizzare la propria soddisfazione’. “.  La crisi in atto origina dunque dai mutui e carte di credito subprime. Si tratta di prestiti concessi ad un soggetto che, non avendo merito creditizio per la mancanza di un lavoro stabile o avendo  avuto problemi pregressi di inadempienze nella sua storia di debitore (pignoramenti fallimenti e ritardi), non può accedere ai tassi di interesse correnti di mercato, ma subisce una penalizzazione in funzione del maggior rischio corso dalla banca. “L’origine della crisi è lontana, si era nella metà degli anni ’90 e le banche americane, spinte dalla revisione del Community Reinvestment Act che portava a valutare le strutture bancarie in funzione del numero di prestiti offerti a cittadini a basso reddito per una migliore integrazione degli strati più poveri della popolazione (ispanici, afroamericani ed immigrati in generale);” riferisce  il professore Ballerini, – “ La successiva insolvenza di massa di questi mutuatari, per lo più senza un lavoro fisso e  aggravata dalla crescita dei tassi di interesse, ha innescato il processo che oggi domina i mercati finanziari e di conseguenza l’economia ormai globalizzata”. In questo senso grandi sono le responsabilità delle banche che, forti dei crediti in portafoglio, hanno sui mutui  emesso titoli che a loro volta ne hanno generati ulteriori , di genere diverso ma sempre sulla stessa base (i mutui sottoscritti), attraverso la cartolarizzazione; la finanza ‘creativa’ ha contribuito a peggiorare le cose producendo ancora una ulteriore massa di titoli derivati, ma sempre gravanti sulla stessa base: il credito vantato sui mutui concessi senza garanzie. “Quando il mercato ha iniziato ad innalzare i tassi di interesse,” – continua la relazione di Ballerini – “coloro che avevano ottenuto un mutuo sull’abitazione si sono trovati nell’impossibilità di corrispondere la nuova rata rivalutata e quindi hanno subito la perdita dell’immobile. L’eccesso di immobili tornati in possesso delle banche ha sgonfiato la “bolla immobiliare” del costo delle abitazioni che, per eccesso di offerta, hanno ridotto sensibilmente il loro prezzo facendo venir meno alle banche il valore della base sulla quale avevano emesso i titoli di cui sopra. Grazie alla interconnessione dei mercati finanziari globali il rischio di credito associato ai mutui subprime è stato trasferito ai mercati finanziari globali e quindi anche agli investitori europei.” Così nasce la crisi finanziaria che dal 2006 ha prodotto i suoi effetti nefasti sia sull’economia degli Stati Uniti che sull’intera economia mondiale ed in modo maggiore sui paesi maggiormente sviluppati. “L’effetto domino sui titoli emessi su altri titoli, ormai a valori azzerati, gravanti sulla stessa base (sempre i crediti ormai svalutati nei confronti di coloro che avevano avuto accesso ai citati finanziamenti, compresa l’emissione di carte di credito subprime) ha fatto cadere come un castello di carte ad una folata di vento il sistema di finanza creativa messo in atto con l’effetto di traghettare la crisi finanziaria oggi in corso sull’economia reale”. Tra le vittime più illustri dal settembre 2008, mese in cui si sono verificati gli effetti peggiori, si annoverano la Leheman Brothers, che fallisce, e Goldman Sachs e Morgan Stanley che da banche d’affari divengono banche ordinarie grazie al massiccio intervento del Governo USA che veniva costretto ad intervenire per far dimenticare l’assoluta mancanza dei necessari e indispensabili controlli omessi sino a quel momento. Palliativo anche la multa da 13 miliardi di dollari inflitta a J P Morgan. Gli effetti del caos generato nell’intero sistema sono sotto gli occhi di tutti, il crollo dell’economia reale, peraltro non ancora ai minimi, le aziende in crisi, i conseguenti licenziamenti stanno costruendo giorno per giorno uno scenario sempre più fosco. E in Italia? “La finanza pubblica deve far fronte ad un costo annuo della macchina burocratica nazionale per 15 miliardi di euro l’anno. Municipalizzate, consigli di amministrazione, poltrone e poltroncine gravano da sempre sulle casse dell’erario e sulle tasche degli italiani,” continua Ballerini “l’ultimo censimento registra 7800 società pubbliche: un numero già cresciuto dell’8% rispetto allo scorso anno e destinato a crescere. Solo i consiglieri di amministrazione sono 19 mila, gli addetti in generale 300 mila. Un terzo delle società è in rosso. Quanto al tanto nominato spread, ossia la differenza tra il rendimento dei Bund tedeschi a 10 anni e i nostri titoli di Stato relativi allo stesso periodo, vale la pena di ricordare che quando nel novembre del 2011 il nostro spread raggiunse i 575 punti base, con tassi vicino all’8% per finanziare i nostri titoli, in mancanza di una drastica inversione di rotta (che fortunatamente c’è stata con le misure varate dal successivo governo), saremmo stati costretti a ricorrere agli aiuti internazionali. E’ stato stimato che un calo permanente di 100 punti base  delle curve dei rendimenti corrisponde un impatto sul costo del debito di 0,19 punti di Prodotto Interno Lordo (PIL) nel primo anno, di 0,36 punti nel secondo anno e di 0,44 nel terzo.” “Significa in poche parole che con un debito pubblico di circa 1992 miliardi  dopo solo tre anni -a parità di altre condizioni- noi Italiani avremo risparmiato 19 miliardi di spese per interessi. In teoria, ma solo in teoria, potrebbero sarebbero potuti calare i mutui con beneficio per le famiglie nel 2013 rispetto al 2012 con un risparmio di circa 280 milioni sugli interessi. L’aumento del tasso di interesse non solo si riflette direttamente sul deficit pubblico, e quindi sull’entità del debito pubblico, ma anche indirettamente sul PIL a causa per esempio della minor spesa pubblica (necessaria a contenere il deficit) e della minor spesa per consumi e investimenti a causa del maggior costo dell’indebitamento per il settore privato (prestiti per le imprese e mutui per le famiglie)”. In questo clima diminuisce la propensione dei singoli cittadini alla spesa e mentre il consumatore non procede agli acquisti, il negoziante, non vendendo, si trova con il magazzino pieno e quindi non ordinerà agli agenti che a loro volta, passando dai grossisti,  non acquisteranno dalle aziende le quali, non avendo più lavoro, una volta riempiti i magazzini, procederanno al licenziamento delle maestranze che vanno a decrementare ulteriormente il fenomeno.  “Voglio ricordare” – conclude Virgilio Ballerini – “ che la finanza rappresenta il trionfo dell’egoismo e nella sua più larga accezione è il risultato di un insieme di comportamenti finalizzati unicamente, o in maniera molto spiccata, al conseguimento dell’interesse del soggetto che ne è autore, il quale persegue i suoi fini anche a costo di danneggiare, o comunque limitare, gli interessi del prossimo e quindi dei suoi diritti”.

 

Print Friendly, PDF & Email