“Le strade del cibo”, Tour Eno-gastronomico di ‘Merenda Italiana’ in 6 città italiane

By 1 Aprile 2019Food & Wine

Arriva Merenda italiana con il tour 2019 “Le strade del cibo”: veri “assedi gastronomici” nei Borghi più belli d’Italia.

Partirà da Viareggio e terminerà a Modena, dopo aver toccato ben 6 città italiane, e 3 diverse regioni,  “Le strade del cibo”, il tour eno-gastronomico organizzato da Merenda italiana, che porta in nei Borghi d’Italia festival alimentari ed eventi culturali, per promuovere il turismo e valorizzare l’italianità.

“Dove ci sono eccellenze lì c’è il Made in Italy, e dove c’è un patrimonio artistico lì curiamo eventi in cui la trasmissione di esperienza al pubblico è memorabile”, Gianluca Capedri, Direttore artistico dell’evento.


I tpur eno-gastronimici di Merenda Italiana sono unici in quanto basati su questi focus:

Gli Chef lavorano su camioncini di design.

Gli attori animano le giornate e coinvolgono il pubblico, soprattutto i bambini.

Le Agorà trasmetteono la cultura del cibo e presentare le realtà del territorio al turista.

In ogni evento vengono presentati food truck regionali selezionati dallo stesso Gianluca, laureato in Scienze Gastronomiche alla prestigiosa Università di Pollenzo-Bra (CN), che studia in prima persona il percorso gastronomico per rendere memorabili e riconoscibili gli eventi curati da Merenda Italiana.

Questo il calendario 2019 con le 6 tappe degli “assedi”, i temi delle animazioni gratuitee i dibattiti nelle Agorà, durante i vari fine settimana:

DOVE?

QUANDO?

TEMA ANIMAZIONE


AGORÀ

VIAREGGIO (LU)

20-21-22 aprile

Pasqua e Pasquetta

Pirati all’arrembaggio

La merenda italiana


FONTANELLATO (PR)

25-26-27-28 aprile
Ponte del 25

Villaggio potteriano

Italianità del cibo

FORMIGINE (MO)

17-18-19 maggio


Tema fantasy

Come si diventa Chef su ruote?

FERRARA

7-8-9 giugno

Tema medievale

In definizione…


BELLANO (LC)

28-29-30 giugno

Tema fantasy

In definizione…

MODENA

6-7-8 settembre

Tema fantasy

In definizione…

SPETTACOLI GRATUITI E AGORÀ

I festival di Merenda Italiana si distinguono per la gratuità delle animazioni a tema che coinvolgono il crescente pubblico partecipante e per le Agorà (incontri e dibattiti) in cui personalità del mondo gastronomico, ma anche di realtà territoriali, interagiscono con il pubblico creando momenti di discussione per trasmettere cultura.

CIBO DI STRADA su FOOD TRUCK

La carovana composta da Merenda Italiana con i camioncini più golosi d’Italia, si prefigge di creare un movimento gastronomico/culturale di qualità. Il pubblico è guidato ad assaporare sempre nuove specialità regionali da nord a sud, dal salato al dolce, dalle bibite italiane ai vini arrivando alle migliori birre artigianali.

Il nome Merenda Italiana deriva dal titolo della Tesi di laurea che Gianluca Capedri ha presentato nel 2013 per il suo dottorato in Scienze Gastronomiche in cui ha studiato ilcibo di strada come nuova opportunità imprenditoriale, oltreché generatore di nuovo turismo nelle località italiane che vogliono presentarsi in modo innovativo e attrattivo.

La tappa che ha fatto la storia in Italia si è svolta al Castello di Fontanellato (Parma) nei giorni in cui si apriva EXPO2015Milano – 30 food truck tra cui alcuni giunti dall’Europa e Chef Rubio che ha presentato la sua versione di “Merenda italiana” in un affollatissimo Agorà. Durante la tre giorni sono state registrate 40 mila presenze.

Da lì è iniziata un’avventura imprenditoriale per molti operatori: gli attuali Food Truck italiani, e sempre da quegli eventi storici si è affermato il modello attuale dei festival curati da Merenda Italiana.

Dal 2018 Merenda Italiana si associa a ITALÌ, associazione culturale e di promozione sociale che promuove, organizza e gestisce attività di turismo culturale e sociale, svelando le bellezze e i tesori del nostro Bel Paese condividendo proposte che lasciano il pubblico sorpreso e incantato.

ITA-LÌ dove c’è l’Italia migliore, che fa incontrare le persone con azioni di turismo partecipato e sostenibile. Ad ITALÌ abbiamo affidato la proposta culturale nelle Agorà.

Lascia un commento