Connect with us

Attualità

Lazio, Cavallari (FI): legge Botteghe Storiche custodisce patrimonio commercio

Pubblicato

il

Tempo di lettura: < 1 minuto

“Le realtà con 50 anni di storia lavorativa sulle spalle potranno attingere al Fondo per il finanziamento di progetti di promozione e valorizzazione della propria attività”

di Dario De Camillis

“In Consiglio regionale del Lazio abbiamo approvato oggi la Legge 267 sulla “Disciplina per la tutela e la valorizzazione delle botteghe e attività storiche”: un testo importante che, finalmente, disciplina in maniera organica e puntuale la materia, con l’unico neo di non riconoscere la storicità a 50 anni ma, bensì, a 70 di attività.

L’aula, infatti, non ha accolto il mio emendamento volto ad abbassare a mezzo secolo il riconoscimento: un’occasione persa, visto che 50 anni rappresentano una vita di lavoro ed un obiettivo ambizioso e congruo per avere il riconoscimento di bottega o attività storica”.

Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio, Enrico Cavallari (Forza Italia).

“Le realtà con 50 anni di storia lavorativa sulle spalle potranno comunque attingere al Fondo per il finanziamento di progetti di promozione e valorizzazione della propria attività – aggiunge Cavallari – Un’occasione importante per riconoscere il valore del tessuto produttivo della nostra Regione e per rilanciare lo sviluppo di tante imprese, l’impegno di artigiani e di operatori ambulanti che hanno stretto i denti per sopravvivere, soprattutto negli ultimi anni di crisi economica e pandemia”.

“Nella Legge trova definitiva disciplina la categoria degli “urtisti”, i venditori di souvenir di Roma, un comparto di lavoratori su suolo pubblico nato a fine 800 e, per questo, tra le più antiche forme di commercio della nostra Regione e della Capitale d’Italia. Operatori storici per eccellenza, a pieno titolo autorizzati ad operare nelle aree di pregio e a flusso turistico di Roma” conclude Cavallari.

Print Friendly, PDF & Email