Connettiti con noi

Italiani nel Mondo

L’Arma Illusoria: i Parlamentari dall’estero – The Illusory Weapon: the Parliamentarians from overseas

Gianni Pezzano

Pubblicato

il

Print Friendly, PDF & Email

di emigrazione e di matrimoni

L’Arma Illusoria: i Parlamentari dall’estero

Il concetto dei parlamentari italiani all’estero è stato il progetto del cuore di Mirko Tremaglia, un Deputato del Movimento Sociale Italiano che era anche il responsabile degli italiani all’estero.

In un articolo recente (Le ricette e i nomi ingannevoli – The deceptive recipes and names) ho trattato il tema degli italiani nel mondo e come dobbiamo diventare una vera comunità internazionale per mostrare all’Italia che siamo una vera risorsa per il paese e non solo il ricordo del passato.

Ora continuo con un tema che spiega l’aggettivo usato alla fine dell’articolo che alcuni penseranno sia una provocazione, ma non lo è affatto. Voglio dare un’occhiata a un aspetto del Parlamento italiano che doveva fare proprio lo scopo dell’articolo, ma che, per motivi che saranno spiegati, è diventato un impedimento per realizzare i progetti che potrebbero nascere da una vera collaborazione internazionale degli italiani in tutti i continenti.

Però, prima di iniziare nel cuore dell’articolo vorrei fare capire al lettore che non ho alcuna intenzione di criticare e/o giudicare l’operato dei Deputati e Senatori eletti nelle circoscrizioni estere in questi ultimi anni. Prima di tutto perché gli unici che hanno quel ruolo e diritto sono i loro elettori che esprimono questo giudizio con il voto, ma poi perché l’articolo vuole trattare i problemi del sistema stesso che spesso non permette ai parlamentari di svolgere un ruolo che potrebbe cambiare la vita dei loro elettori residenti all’estero.

Lotta politica

Il concetto dei parlamentari italiani all’estero era il progetto del cuore di Mirko Tremaglia, un Deputato del Movimento Sociale Italiano di cui era anche il responsabile degli italiani all’estero. Per anni ha girato il mondo per conoscere gli italiani e svolgere quelle attività politiche necessarie per presentare una proposta legge per realizzare il suo sogno di rappresentanza parlamentare dei nostri connazionali emigrati.

Benché fosse il simbolo della legge che porterà il suo nome, la Legge Tremaglia (Legge 459 del 27 dicembre 2001), ebbe l’appoggio anche dei Ds e la Margherita che formerà poi l’Ulivo di Romano Prodi che contesterà per le seguenti elezioni. Ma per capire i problemi inerenti alla presenza dei parlamentari eletti all’estero bisogna guardare come la proposta è arrivata in aula.

Infatti, la svolta arrivò con l’appoggio del Governo di cui lui faceva parte. Tremaglia aveva assicurato il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che gli elettori all’estero avrebbero ripagato la legge votando per il suo partito. Ovviamente il calcolo di Berlusconi era quello normale per qualsiasi partito, cercare di vincere le elezioni. Purtroppo per le intenzioni di Tremaglia, i risultati ottenuti dall’estero non rispettarono affatto le sue previsioni.

Il destino ha voluto che nel primo voto con la nuova legge del 9 e 10 aprile 2006 la maggioranza degli eletti all’estero non è andata ai partiti della coalizione berlusconiana, bensì al neonato Ulivo e sono stati proprio questi voti a dare la vittoria, e quindi il Governo, a Romano Prodi, non solo alla Camera dei Deputati, ma e più importante, anche la maggioranza nel Senato, anche se minima.

Ci vuole poco per capire la delusione, e varie cronache politiche dell’epoca riferiscono anche la rabbia, di Berlusconi a questa svolta politica che avrebbe dovuto ripagare il suo gesto verso gli italiani all’estero.

Non ci tratteniamo su questo punto tranne per dire che da allora Forza Italia non ha espresso mai, oltre un certo sforzo, gli stessi interessi verso le circoscrizioni estere nelle elezioni, al punto che in Argentina è nato poi un gruppo il MAIE (Movimento Associativo Italiani All’Estero) che è riuscito a fare eleggere i suoi parlamentari al nostro Parlamento.

Ma sin dall’inizio, e particolarmente per via delle maggioranza minima nel Senato, abbiamo cominciato a vedere le debolezze del sistema dei Parlamentari eletti all’estero, non importa per quale partito. Ed è per via di queste debolezze che i parlamentari eletti all’estero sono diventati un’arma illusoria per realizzare progetti grandi per gli italiani all’estero.

Realtà politiche

Chiunque abbia partecipato alla politica, in qualsiasi forma e livello, capisce che c’è una regola di ferro: chi ha i numeri in Aula vince. Dunque, per il Governo i voti dei parlamentari, siano eletti in Italia oppure all’estero, erano destinati a garantire la sopravvivenza e per l’opposizione a cercare di farlo cadere.

Nelle due Camere del Parlamento italiano ci sono mille parlamentari tra Deputati e Senatori (che ora saranno ridotti per via del recente referendum) ed i diciotto parlamentari dall’estero, dodici Deputati e sei Senatori, erano visti solo come numeri in questo gioco eterno dei numeri che è la realtà della politica.

Inoltre, per via del loro numero questi parlamentari, sparsi tra vari partiti, non avrebbero potuto mai dare un contributo efficace e a largo raggio in favore dei loro concittadini all’estero. Magari questo sarebbe potuto cambiare se questi parlamentari avessero lavorato insieme per ottenere vantaggi per gli italiani all’estero, ciascuno all’interno del proprio partito, ma non lo sapremo mai perché questo non è successo.

Purtroppo, anche altri aspetti altrettanto crudeli e potentissimi hanno determinato quel che i parlamentari potevano fare per i loro territori.

Il primo aspetto è certamente economico. In un periodo difficile economicamente per il paese negli anni dall’introduzione della legge, l’economia italiana non poteva permettersi molte spese che gli elettori in Italia, e non pochi parlamentari, avrebbero considerato “inutili” e, dobbiamo dire che i progetti a favore degli italiani all’estero fanno parte di questa categoria.

Per loro non importa il fatto che promuovere la nostra Cultura, l’insegnamento della nostra lingua e altri progetti importanti simili, abbiano il potenziale di aumentare la vendite dei nostri prodotti nel mondo e quindi anche gli introiti dall’estero di cui la nostra economia ha davvero bisogno.

Ed in questo cadiamo nel tranello di non capire che la nostra Cultura, compresa la lingua, deve essere considerata come un’industria e non soltanto un gioiello prezioso da tenere in cassaforte e da mostrare nelle occasioni di prestigio come simbolo della nostra grandezza.

Il secondo aspetto, una realtà che molti italiani all’estero non capiscono, è che il Parlamento italiano può fare poco per cambiare il tenore della loro vita quotidiana, tranne per quei pochi che hanno pensioni italiane, oppure hanno proprietà nel Bel Paese.

Perciò devono capire che il ruolo effettivo dei nostri Parlamentari eletti all’estero per i loro elettori è davvero molto limitato. Ma non per questo dobbiamo pensare che non possano fare qualcosa.

Visione e azioni

In primis, i parlamentari danno voce agli italiani all’estero, ma non lo possono fare senza il contributo dei nostri parenti e amici all’estero. Non solo le poche migliaia che votano, ma tutti, cittadini italiani e non, perché sono loro che devono formare vere comunità italiane all’estero e non solo assembramenti di individui con interessi personali come fin troppo spesse accade, anche in Italia.

Parliamo di “italiani all’estero” ma in realtà non esiste una vera rete degli italiani nel mondo e per realizzare i nostri sogni dobbiamo assumerci la responsabilità di essere più attivi non solo creando questa rete, ma anche e soprattutto per promuovere la nostra Cultura e la nostra lingua, a partire dai figli e particolarmente i discendenti oltre la terza generazione che, per via che dei sistemi scolastici dei loro paesi di nascita/residenza, non sanno niente della vera grandezza del loro Patrimonio Culturale, il più grande del mondo.

E per fare questo dobbiamo fare squadra, per realizzare progetti volti alla promozione di scambi di tutti i tipi tra l’Italia e le sue comunità nel mondo. Dobbiamo incoraggiare e aiutare i discendenti degli emigrati italiani nel corso dei secoli a riscoprire le loro origini. Dobbiamo anche farci carico della promozione di prodotti italiani di ogni genere per fare capire agli italiani in Italia che siamo una vera risorsa e non solo un dettaglio storico da ricordare come gesto simbolico.

E purtroppo i parlamentari eletti all’estero sono diventati un gesto simbolico perché la loro elezione ha dato l’impressione di fare qualcosa, ma per i motivi spiegati sopra, effettivamente la loro presenza nella Camera dei Deputati e nel Senato ha bloccato la volontà politica di fare progetti seri per il bene del paese che coinvolgano i nostri parenti e amici all’estero.

Dobbiamo tutti capire che la loro presenza nel Parlamento, insieme alle azioni delle comunità italiane all’estero, ha il potenziale di fare crescere gli scambi con l’Italia di ogni genere, culturali e commerciali, che farebbe bene a tutti, a partire dall’Italia stessa.

E per fare questo tutti dobbiamo finalmente capire, come l’esempio di Tremaglia ci mostra benissimo, che le buone intenzioni non valgono niente se non sono seguite da azioni. In parole povere, dobbiamo agire tutti e non pensare che un manipolo di parlamentari da soli hanno i mezzi per migliorare i rapporti tra l’Italia e i suoi figli all’estero.

di emigrazione e di matrimoni

The Illusory Weapon: the Parliamentarians from overseas

The concept of Italian Parliamentarians overseas was the project closest to the heart of Mirko Tremaglia, a Deputy of the Movimento Sociale Italiano (Italian Social Movement) for which he was also the person responsible for the Italians overseas.

In a recent article (Le ricette e i nomi ingannevoli – The deceptive recipes and names) I dealt with the issue of Italians in the world and how we must become a true international community to show Italy that we are a real resource for the country and not only a memory of the past.

I now continue with an issue that explains the adjective used at the end of the article that some readers will consider provocative but it is not at all. I want to take a quick look at an aspect of Italy’s Parliament that was supposed to carry out the very purpose of the article but that, for reasons that will be explained, has become an impediment to setting up the projects that could arise from real international collaboration between Italians in all the continents.

However, before starting at the heart of the article I would like to make the reader understand that I have no intention of criticizing and/or judging the actions of the Deputies and the Senators elected in recent years in the overseas electorates. First of all because the only ones who have this role and right are their electors who express this judgment with their vote and then because the article wants to deal with the problems of the system itself that often do not allow the parliamentarians to play a role that could change the lives their electors residing overseas.

Political battle

The concept of Italian Parliamentarians overseas was the project closest to the heart of Mirko Tremaglia, a Deputy of the Movimento Sociale Italiano (Italian Social Movement) for which he was also the person responsible for the Italians overseas. For years he travelled around the world to get to know the Italians and to carry out the political activities needed to present a Bill to fulfil his dream of parliamentary representation of our countrymen and women who migrated overseas.

Although he was the symbol of the law that would bear his name, the Tremaglia Law (Law 459 of 27 December, 2001), the proposal had the support of the Democratici di Sinistra (Democrats of the Left) and the Margherita that together would form Romano Prodi’s Ulivo (Olive Tree) Coalition that went on to contest the following elections. But to understand the problems inherent in the presence of parliamentarians elected overseas we have to look at how the bill reached the Chambers of Parliament.

In fact, the turning point came with the support of the Government of which he was a part. Tremaglia had assured Prime Minister Silvio Berlusconi that the electors overseas would have rewarded the law by voting for his party. Obviously Berlusconi’s calculation was the normal one for any Party, to try and win the elections. Unfortunately for Tremaglia’s intentions the results obtained overseas did not at all respect his expectations. 

Destiny wanted that in the first vote under the new law on 9 and 10 April, 2006 the majority of the candidates elected overseas did not go to Berlusconi’s coalition but to the newly born Ulivo and these were the votes that gave the victory, and therefore the Government, to Romano Prodi, not only in the Chamber of Deputies but also and even more importantly, the majority in the Senate even if with the slimmest of margins.

It takes little to understand the disappointment, and a number of political reports of the time say also the anger, of Silvio Berlusconi at this political turnaround that should have repaid his gesture towards the Italians overseas.

We will not linger on this point except to say that since then Berlusconi’s Forza Italia party has never expressed beyond a certain effort the same interest towards the overseas elections to the point that a group was created in Argentina, the MAIE (Movimento Associativo Italiani All’Estero / Associative Movement of the Italians overseas), that has managed to get its parliamentarians elected to our Parliament.

But from the very beginning, and particularly due to the minimal majority in the Senate, we started to see the weaknesses of the system of Parliamentarians elected overseas, no matter for which party. And it is because of these weaknesses that the Parliamentarians elected overseas have become an illusory weapon for setting up large projects for Italians overseas.

Political reality

Whoever has taken part in politics, in any form or level, understands that there is a golden rule: who has the numbers on the floor wins. Therefore, for the Government the votes of the Parliamentarians, whether elected in Italy or overseas, were destined to guaranteeing its survival and for the opposition to try and make the Government fall.

There are a thousand parliamentarians in the two Chambers of Italy’s Parliament between Deputies and Senators (which will be reduced due to the recent referendum) and the eighteen Parliamentarians from overseas, twelve Deputies and six Senators, were seen only as mere numbers in the eternal game of numbers that is the reality of politics.

Furthermore, due to their number these parliamentarians, spread amongst various parties, could never make an effective and wide ranging contribution in favour of their fellow citizens overseas. Maybe this would have changed if these parliamentarians had worked together to obtain advantages for Italians overseas, each one working within his or her party, but we will never know because this did not happen.

Unfortunately other issues, just as cruel and very powerful, also determined what the parliamentarians could do for their territories.  

The first issue is certainly economical. In a difficult period economically for the country in the years since the introduction of the law, Italy’s economy could not afford many expenses that voters in Italy, and not a few parliamentarians, would have considered as “useless” and we must say that projects for Italians overseas are part of this category.

For them it does not matter that promoting our Culture, teaching our language and other similar major projects have the potential to increase the sales of our products internationally and therefore also the income from overseas that our economy truly needs.

And here we fall for the trap of not understanding that our Culture, including our language, must be considered like an industry and not just a precious jewel that is kept in a safe to be shown on prestigious occasions as a symbol of our greatness.

The second issue, and a reality that many Italians overseas do not understand, is that Italy’s Parliament can do little to change the tenor of their daily lives, except for the few who have Italian pensions or own property in Italy. Therefore, they must understand that the effective role of our parliamentarians elected overseas for their voters is truly very limited. But this does not mean that they cannot do something.

Visions and actions

First of all, the parliamentarians give Italians overseas a voice but they cannot do this without the contribution from our relatives and friends overseas. Not only the few thousand who vote but everybody, whether or not they are Italian citizens, because they are the ones who must form real Italian communities overseas and not just gatherings of individuals with personal interests that happens all too often, even in Italy.

We talk about “Italians overseas” but in reality there is no real network of Italians around the world and to fulfil our dreams  we must take the responsibility of being more active not only by creating this network but also and above all by promoting our Culture and language, starting with the children and particularly the descendants beyond the third generation who, due to the school systems of their countries of birth/residence, know nothing of the true greatness of their Cultural Heritage, the world’s greatest.

And to do this we must come together as a team to create projects aimed at the promotion of exchanges of all types between Italy and her communities around the world. We must encourage and help the descendants of Italian migrants over the centuries to rediscover their origins. We must also take charge of the promotion of Italian products of every kind to make Italians in Italy understand that we are a true resource and not only a historical detail to be remembered as a symbolic gesture.

And unfortunately the parliamentarians elected overseas have become a symbolic gesture because their election has given the impression of doing something but, for the reasons explained above, their presence in the Chamber of Deputies and the Senate has effectively blocked the political will to carry out serious projects for the country’s good that involve our relatives and friends overseas.

We must all understand that their presence in the Parliament together with actions of the Italian communities overseas have the potential to increase the exchanges of every kind with Italy, cultural and commercial, which would be good for everyone, starting with Italy herself.

And to do this we must all finally understand, as Tremaglia’s example shows very well, that good intentions are worth nothing if they are not followed by actions. Put simply, we must act together and not think that a handful of parliamentarians alone have the means to improve relations between Italy and her children overseas.

Lascia un commento

Categorie

Dimensione testo