Cinema & Teatro

La nuova stagione al teatro Ambra Jovinelli di Roma

By 14 Giugno 2019 No Comments

La stagione che partirà il 13 settembre con uno spettacolo fuori abbonamento, sarà una stagione all’insegna del divertimento seguendo soprattutto le indicazioni del pubblico, per un cartellone che aldilà di tutto mantiene un punto di equilibrio tra leggerezza, drammaturgia contemporanea, riscrittura dei grandi classici, ma anche l’arte cinematografica, temi che caratterizzano da sempre le stagioni teatrali dell’Ambra.

di Andrea Cavazzini

Si è svolta martedì mattina al Teatro Ambra Jovinelli, la tradizionale conferenza stampa di presentazione della nuova stagione teatrale 2019/2020 presentata dal direttore artistico  Fabrizia Pompilio alla presenza di un vasto pubblico di fedeli abbonati oltre che delle compagnie presenti nel cartellone della nuova stagione e degli addetti ai lavori.

Il Direttore  ha aperto il suo intervento, prima di passare la parola agli artisti, sottolineando gli elementi di crescita della stagione appena conclusa, a  partire dall’affluenza del pubblico che ha raggiunto una capienza media dell’ 80 per cento, un valore importante che ha avvicinato il teatro a due passi da Piazza Vittorio, quasi sempre al tutto esaurito. Altro elemento di crescita è l’attenzione che l’Ambra Jovinelli ha riscosso a livello nazionale, attraverso produzioni proprie che sono state premianti sia dal punto di vista della visibilità, del gradimento del  pubblico e della critica in tutta Italia; per esempio a “A RUOTA LIBERA”, con Sergio RubiniAlessandro HaberRocco Papaleo e Giovanni Veronesi con le musiche dal vivo di Musica da Ripostiglio, che verrà riproposto quest’anno. 


Sono dati estremamente incoraggianti considerando che parliamo comunque di un teatro privato, con poche sovvenzioni pubbliche e riuscire ad avere risultati cosi confortanti è estremamente gratificante a riprova della bontà del lavoro che si è succeduto in questi anni.

La stagione che partirà il 13 settembre con uno spettacolo fuori abbonamento, sarà una stagione all’insegna del divertimento seguendo soprattutto le indicazioni del pubblico, per un cartellone che aldilà di tutto mantiene un punto di equilibrio tra leggerezza, drammaturgia contemporanea, riscrittura dei grandi classici, ma anche l’arte cinematografica, temi che caratterizzano da sempre le stagioni teatrali dell’Ambra.

Sulla drammaturgia contemporanea è stato fatto negli anni passati un grande lavoro sugli autori, cercando di offrire più spettacoli nel corso della stagione, in modo da offrire al pubblico la  conoscenza approfondita dell’autore contemporaneo. Cosi è stato negli anni passati per Cristina Comencini, Mattia Torre, Jasmine Areza e quest’anno si proseguirà con Florian Zeller con “LA MENZOGNA” con Serena Autieri e Paolo Calabresi e “A TESTA IN GIU’ con Emilio Solfrizzi e Lisa Galantini.

Per quanto riguarda i nuovi autori ecco la commediografa americana Johanna Adams con “lL NODO” con Ambra Angiolini e Ludovica Modugno sul difficile rapporto tra genitori e il mondo della scuola. Per le grandi riscritture ci sarà quella operata da Francesco Niccolini per Don Chisciotte di Cervantes intepretato da Alessio Boni e Serra Yilmaz attrice feticcio di Ferzan Ozpetek.

Omaggio al cinema con tre spettacoli: il primo è un omaggio ad un grande del cinema e del teatro come Orson Wells interpretato da Giuseppe Battiston, poi con l’ adattamento di un film epocale come “I SOLITI IGNOTI” di Monicelli diretto e interpretato da Vinicio Marchioni con Antonio Grosso che ha curato anche adattamento per il teatro insieme a Pier Paolo Piciarelli e per finire “MINE VAGANTI uno dei capolavori di Ferzan Ozpetek alla sua prima regia teatrale e che vedrà tra i protagonisti Francesco PannofinoPaola Minaccioni e Giorgio Marchesi.

Momenti di leggerezza con Teresa Mannino con “SENTO GIRARE LA TERRA” di cui è anche autrice insieme a Giovanni Donin. 

Osservazioni semi serie sul mondo contemponeo, dal matrimonio del principe Harry alla plastica che invade il mondo, fatto alla maniera della simpatica attrice palermitana nota al grande pubblico televisivo. E poi  Ale e Franz con  “NEL NOSTRO PICCOLO”,   un viaggio alla ricerca di chi ha il coraggio delle proprie idee 

Per chiudere spazio anche alla musica con “THE OPERA LOCOS” un evento internazionale, protagonista una compagnia spagnola che sta ottenendo grande successo in tutta Europa.

Lascia un commento