Connect with us

Arte & Cultura

La donna tra sogno e realtà nelle tele di Ester Campese esposte a Via Margutta

Published

on

Tempo di lettura: 2 minuti

Una presenza significativa dell’artista Campey con due opere che evocano il femminile nella mostra“L’arte tra sogno e realtà”

di Tiziana Primozich

Inaugurata il 29 maggio la mostra “L’arte tra sogno e realtà”, curatrice Sabina Fattibene,  in Via Margutta – Roma presso lo spazio espositivo ‘ Area Contesa Arte’ . Obiettivo del vernissage mettere in risalto l’idea che l’arte, che è un vissuto emotivo dell’artista,  può essere anche una modalità che riproduce un reale soggettivo che spazia tra le più svariate tematiche nel sentire dell’artista, in bilico tra sogno e realtà. Abbiamo quindi paesaggi, soggetti inclusi nel quotidiano, della natura, del mondo spaziale e spirituale espressi sia con l’arte figurata che astratta.

Tra i 10 artisti presenti la celebre Ester Campese che vanta la sua partecipazione anche in campo internazionale. L’artista ha partecipato al vernissage organizzato nella splendida cornice della via della Capitale nota per essere luogo privilegiato dell’arte, Via Margutta, arricchendo la mostra con due opere che raccontano emotivamente la figura femminile nei due temi scelti: il sogno e la realtà.

Campey, questo il nome d’arte della Campese, è anche conosciuta al pubblico come la pittrice delle donne, e  le opere scelte per questa occasione sono  “Sogno” precedentemente esposta anche ad Osaka, e “Lady 20” che rappresenta una donna raffinata e consapevole della propria femminilità.

 

 

“Nell’interpretare emotivamente i temi del vernissage – spiega Campey – ho individuato in “Sogno” e “Lady 20” la giusta miscela della figura femminile tra sogno e realtà. Il primo quadro, “Sogno” è il frutto di un forte legame affettivo con una parente che, venuta a mancare, resta nei ricordi e impressa in questa tela con lo sfondo di ciò che più amava: il mare che è anche simbolo della fluidità del tempo eterno. L’altro quadro presente in mostra, una donna in preziosa vestaglia rosso lampone con lo sguardo lievemente reclinato quasi a schermirsi nell’essere esposta,  è una rivisitazione di Giovanni Boldini, artista interprete della Belle Epoque da me molto amato e che mi ha ispirato a questa donna reale ed estremamente femminile”.

 

Gli artisti che hanno affiancato Ester Campese nell’evento sapientemente organizzato da Sabina Fattibene sono : Nicole Aué, Yasmina Barbet, Rossella Di Donato, Vanessa D’Antonio, Valter Fiorani, Livia Guttieres, Pina Silvani, Antonio Spagnuolo, Giorgio Soldi.

La mostra è aperta sino al 4 giugno

 

Print Friendly, PDF & Email