Connect with us
Azzera la bolletta

Diritti umani

LA BIG’s MUSIC: da sempre Arte per la diffusione dei Diritti Umani

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

[AdSense-A]

 

Le Canzoni, attraverso i loro messaggi, possono sensibilizzare le persone su temi importantissimi

di Barbara Belfiore

senza-titolo-18

LA MUSICA è come un ALBERO ENORME perché nessuno riesce a vivere senza musica . La musica è necessaria per dare un motivo di gioia al cuore. La musica tocca l’anima e la fa vibrare e riesce a rendere uniti  tanti popoli  col ritmo di suoni e  parole, che esprimono desideri di libertà, rispetto e dignità. Anche per questo l’importanza dei Diritti Umani può essere veicolata attraverso la musica, i cori, il canto, il linguaggio e le emozioni che essa trasmette con piacevoli e leggere note, che sono “cultura”interiore. E’ importante favorire il connubio tra Musica e Diritti Umani perché è dimostrato, nel mondo intero, il compito di far giungere i messaggi di Pace e Fratellanza è lasciato a tutti i tipi di Musica, con la naturalezza e la freschezza che i vari spunti melodici, insieme con la struttura armonica, esprimono perfettamente la tradizione e la modernità, senza grandi difficoltà :ciò si può constatare quando si ascoltano Concerti dell’Accademia di Santa Cecilia o le voci operistiche di grandi interpreti, come pure Concerti di musica Pop e Rock. L’Arte è uno strumento potente per promuovere e proteggere i Diritti Umani. Infatti, grandi e piccoli artisti esprimono le loro idee durante concerti “live” e non, con serate di beneficenza, cui partecipano soprattutto giovani, oltre alla diffusione attraverso rassegne, festival multietnici, che da anni, ormai, sono diventati occasione importante per rendere note le violazioni dei Diritti Umani. Tra gli artisti italiani impegnati in queste campagne di diffusione possiamo ricordare varie occasioni di prestigio e gran fama, come:

*  Jovanotti con “Mani in alto”                                          *Max Gazzè con “Avanzo di Galera”
*Daniele Silvestri con “Il mio nemico”                            *Antonella Ruggiero con “Canzone tr le guerre”
* Samuele Bersani con “Occhiali rotti”                            * Eugenio Bennato con Canzone per Beyrut”
* Paola Turci con “Rwanda”                                               *Niccolò Fabi con “Milioni di giorno”
antirazzismo-2-e1447089958216-768x504
Questi nomi  e queste voci sono molto spesso impegnati con le organizzazioni umanitarie, avendo la capacità di fare battaglie speciali, con metodi che, al di là dei tanti ragionamenti filosofici e politici, toccano il cuore proprio grazie alla grande forza comunicativa delle canzoni, parlando con il linguaggio universale della Musica per riuscire a diffondere non solo la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani ,ma anche tutti gli Organismi e le Organizzazioni Internazionali, cui ci si può appellare per farli valere. Vi è poi l’esigenza di favorire l’impegno delle persone che si offrono come volontari ( ONG,Croce Rossa, Charitas,ONLUS….) per  avere un ruolo attivo a disposizione di tutti quelli che possono capire attraverso gli aiuti umanitari e le cure sanitarie donate. Le Canzoni, attraverso i loro messaggi, possono davvero sensibilizzare le persone su temi importantissimi, quali la libertà di parola,di Credo religioso e di qualsiasi spontanea espressione delle proprie idee.Così dimostrano di avere compreso i Diritti dell’Uomo.
Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè

Questo si chiuderà in 0 secondi