FeaturedMondo

In arrivo il vaccino per il covid-19 da Pittsburgh

By 3 Aprile 2020 No Comments

Pubblicato da The Lancet ,  è il primo studio su una rivista scientifica. I ricercatori sono stati in grado di agire rapidamente perché avevano già gettato le basi durante le precedenti epidemie di coronavirus.   

Gli scienziati della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh hanno annunciato ieri un potenziale vaccino contro la SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus che ha causato la pandemia da covid-19.  Testato su topi, il vaccino, somministrato attraverso un cerotto delle dimensioni di un dito, produce anticorpi specifici per SARS-CoV-2 in quantità ritenute sufficienti per neutralizzare il virus. 

L’articolo è apparso oggi su EBioMedicine , che è pubblicato da The Lancet , ed è il primo studio ad essere pubblicato. I ricercatori sono stati in grado di agire rapidamente perché avevano già gettato le basi durante le precedenti epidemie di coronavirus.   

 “Abbiamo avuto precedenti esperienze su SARS-CoV nel 2003 e MERS-CoV nel 2014. Questi due virus, che sono strettamente correlati a SARS-CoV-2, ci insegnano che una particolare proteina, chiamata proteina spike, è importante per indurre l’immunità contro il virus. Sapevamo esattamente dove combattere questo nuovo virus ”, ha affermato il co-senior autore Andrea Gambotto, MD , professore associato di chirurgia presso la Pitt School of Medicine. “Ecco perché è importante finanziare la ricerca sui vaccini. Non sai mai da dove arriverà la prossima pandemia. “


 “La nostra capacità di sviluppare rapidamente questo vaccino è il risultato di scienziati con esperienza in diverse aree di ricerca che collaborano con un obiettivo comune”, ha affermato l’autore co-senior Louis Falo, MD, Ph.D. , professore e cattedra di dermatologia alla Pitt’s School of Medicine e UPMC .

Rispetto al candidato al vaccino sperimentale con mRNA che è appena entrato in studi clinici , il vaccino descritto in questo documento – che gli autori chiamano PittCoVacc, abbreviazione di Pittsburgh Coronavirus Vaccine – segue un approccio più consolidato, usando pezzi di proteine ​​virali di laboratorio per costruire l’immunità . La sua azione è analoga a quella dei vaccini antiinfluenzali

 I ricercatori hanno anche usato un nuovo approccio per fornire il farmaco, chiamato array di microneedle, per aumentare la potenza. Questo array è un cerotto delle dimensioni di una punta di 400 minuscoli aghi che trasporta i frammenti di proteine ​​della punta nella pelle, dove la reazione immunitaria è più forte. Il cerotto va avanti come un cerotto e poi gli aghi – che sono fatti interamente di zucchero e  pezzi di proteine ​​- si dissolvono semplicemente nella pelle. 

 “Abbiamo sviluppato questo per basarci sul metodo antigraffio originale utilizzato per il vaccino contro il vaiolo , ma come una versione ad alta tecnologia che è più efficiente e riproducibile da paziente a paziente”, ha detto Falo. “Ed è in realtà abbastanza indolore.”

Inoltre, il sistema è altamente scalabile. I pezzi proteici sono prodotti da una “fabbrica di cellule” – strati su strati di cellule coltivate progettate per esprimere la proteina del picco SARS-CoV-2 . Anche la purificazione della proteina può essere effettuata su scala industriale.  Una volta prodotto, il vaccino può rimanere a temperatura ambiente fino a quando non è necessario, eliminando la necessità di refrigerazione durante il trasporto o lo stoccaggio.

Quando testato su topi, PittCoVacc ha generato un’ondata di anticorpi contro SARS-CoV-2 entro due settimane dalla puntura del microneedle. 

Questi animali non sono ancora stati rintracciati a lungo termine, ma i ricercatori sottolineano che i topi che hanno ricevuto il vaccino MERS-CoV hanno prodotto un livello sufficiente di anticorpi per neutralizzare il virus per almeno un anno, e finora i livelli di anticorpi della SARS. Gli animali vaccinati con COV-2 sembrano seguire la stessa tendenza. 

È importante sottolineare che il vaccino per microneedle SARS-CoV-2 mantiene la sua potenza anche dopo essere stato completamente sterilizzato con radiazioni gamma, un passo fondamentale verso la realizzazione di un prodotto adatto all’uso nell’uomo.  

Gli autori stanno ora richiedendo l’approvazione di un nuovo farmaco sperimentale da parte della Food and Drug Administration americana in previsione dell’inizio di una sperimentazione clinica umana di fase I nei prossimi mesi. 

“Il test nei pazienti richiederebbe in genere almeno un anno e probabilmente più a lungo”, ha detto Falo. “Questa particolare situazione è diversa da qualsiasi cosa abbiamo mai visto, quindi non sappiamo quanto tempo richiederà il processo di sviluppo clinico. Le revisioni recentemente annunciate ai normali processi suggeriscono che potremmo essere in grado di avanzare più rapidamente. “

Ulteriori autori dello studio sono Eun Kim, Geza Erdos, Ph.D., Shaohua Huang, Thomas Kenniston, Stephen Balmert, Ph.D., Cara Donahue Carey, Michael Epperly, Ph.D., William Klimstra, Ph.D. e Emrullah Korkmaz, Ph.D., tutti di Pitt; e Bart Haagmans, dell’Erasmus Medical Center .

Il finanziamento per questo studio è stato fornito dall’Istituto Nazionale per le allergie e le malattie infettive R21-AI114264, il National Institute of Arthritis e le malattie muscoloscheletriche e della pelle concede R01-AR074285, R01-AR071277 e R01-AR068249 e il National Cancer Institute concedono T32-CA175294.


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
[email protected]ycases.com