Connect with us
Azzera la bolletta

Ambiente & Turismo

Il fascino unico di Castiglioncello: la Perla del Tirreno

Published

on

Tempo di lettura: 5 minuti

Castiglioncello, noto anche come Perla del Tirreno, ogni anno attrae un numero sempre più elevato di turisti: per il fascino che emana ma altresì per l’amore e la cura degli abitanti

 di Giordana Fauci       

 Castiglioncello, noto anche come Perla del Tirreno, si trova sulla Costa degli Etruschi, in Toscana, nella provincia di Livorno: è un paesino che sorge sulla punta di un piccolo promontorio che costituisce l’ultima propaggine meridionale dei Monti Livornesi; frequentato, ogni anno, da un numero sempre più considerevole di turisti, invero in ogni stagione, finanche per la celebrazione di ricorrenze particolari.

…Un paesino collocato “in una tal posizione Castiglioncello, ove l’occhio domina tutto il littorale, da Montenero di Livorno al Promontoro Argentaro…”: così veniva definita questa bella terra già nel 1841 dal Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana Emanuele Repetti.

 Un luogo situato in una posizione oltremodo privilegiata dal punto di vista panoramico: lontano dalle grandi vie di comunicazione e, indubbiamente, incontaminato grazie alle sue rigogliose pinete e alle innumerevoli scogliere a ridosso del Mar Ligure.

Eppure Castiglioncello è divenuta celebre solo negli anni ’60 del secolo scorso, come meta di vacanza di importanti esponenti del mondo del cinema quali Alberto Sordi e Luchino Visconti che, affascinati dalla magnificenza del luogo, non hanno esitatao ad acquistarvi ville ma, invero, dimore storiche oggi adibite ad alberghi, all’interno dei quali un numero sempre maggiore di turisti giunge ogni anno per trascorrere le vacanze o eventi particolari, sia in estate che in inverno.

Villa La Prora, ad esempio, appartenuta a Marcello Mastroianni e abitualmente frequentata da Alan Delon e Franco Zeffirelli: una dimora che è stata location del film dedicato, nel 1951, a Enrico Caruso, dal titolo La leggenda di una voce.

O, ancora, Godilonda, la splendida residenza di D’Annunzio, ora prestigioso albergo.

Castiglioncello, dunque, da allora è divenuta una località turistica di gran prestigio internazionale, frequentata da persone provenienti da ogni parte del mondo: un luogo da favola scelto per vivere occasioni uniche quali la celebrazione di matrimoni o ricorrenze degne di essere ricordate e che, del resto, proprio in considerazione della eccezionalità del luogo, mai potranno essere dimenticate.

Non a caso è sempre a Castiglioncello che è stato ospitato il set del film Il Sorpasso di Dino Risi, con Vittorio Gassman e Jean Louis Trintignant.

Ma, al di là di tali eventi, va rilevato che le origini di Castiglioncello sono antichissime.

Perché Castiglioncello era un villaggio etrusco dalle rosse scogliere a picco sul mare, con baie riparate e calette dall’acqua limpida: quelle stesse baie e calette in cui, oggi, sono presenti caratteristici stabilimenti balneari, oltre a non pochi ristoranti, locali e alberghi, prevalentemente gestiti da giovani locali che li hanno ereditati dai nonni o dai genitori.

Giovani che, seppur intenti a realizzare i propri sogni e, invero, a seguire i propri interessi, non hanno rinunciato a portare avanti le attività avviate dai loro antenati, invero con gran successo.

La dott.ssa Giulia Martini, ad esempio: una donna oltremodo determinata che, assieme al fratello e ai genitori, è certa di “voler proseguire anche l’attività avviata da nonna Giulietta, nella bella villa che porta il suo nome… Perché vi sono passioni che, al di là del trascorrere degli anni, non si possono dimenticare… Quella per la propria terra e il proprio mare in primis… Una terra che merita di essere amata, non certo abbandonata, perché vi sono dimore storiche che sono esse stesse Storia…”.

Perché l’Italia è un Paese sì noto per le bellezze artistiche presenti nelle grandi città ma, al contempo, per le preziosità dei piccoli borghi antichi, che “meritano di essere conservate e apprezzate, altresì rinnovandole… Non certo dimenticandole o, peggio ancora, abbandonandole…”.

In effetti, da molti anni non pochi paesini sono divenuti meta di turisti, proprio come accade nelle grandi città: “Ed è questo il caso di Castiglioncello…”: prosegue ancora Giulia Martini. “Indubbiamente questo il motivo per cui ogni anno vi giungono turisti: per la bellezza che emana il luogo ma, al tempo stesso, per l’amore degli abitanti, che si preoccupano di curarne le strutture e le dimore, trasformandole in oasi di comfort ed eleganza e così continuando a generare turismo”: con queste parole conclude la dott.ssa Martini, con i suoi occhi ridenti, evidentemente pensando all’incanto di Villa Giulietta.

Del resto, Castiglioncello è un luogo che unisce la suggestiva Punta Righini al porto turistico di Rosignano attraverso la splendida Pineta Marradi; una zona in cui abbondano castelletti e ville: il Castello Pasquini, ad esempio, che si erge nel comune di Rosignano Marittimo e, poi, la maestosa Villa Parisi, iscritta al Registro Italiano delle Dimore Storiche di Eccellenza e dotata di una vista impareggiabile sul Golfo di Castiglioncello: una villa patrizia costruita nel lontano 1821, immersa in un rigoglioso parco con accesso diretto al mare ed eletta a “casa comunale”, con possibilità di celebrarvi finanche matrimoni civili, come ha precisato – con altrettanto orgoglio – la titolare, dott.ssa Francesca Morosi, sì originaria di Milano ma profondamente innamorata del luogo che oramai considera “seconda casa…”.

Non a caso Castiglioncello ha ispirato e continua ad ispirare artisti, pittori, scrittori, poeti.

Perché i colori e i profumi della Toscana, nella Costa degli Etruschi – ove è ancor oggi perfettamente conservato l’unico insediamento di necropolis costruita di fronte al mare – si accompagnano alle luci e agli aromi del Mediterraneo.

Ecco perché tra un mare limpido, antichi borghi, meravigliosi parchi, rigogliose pinete e oasi protette la Toscana non può non apparire per quel che è: una regione unica.

Perché è tra mare e natura che si snoda il percorso che permette di scoprire i tesori architettonici di cultura e d’arte di questa bellissima regione, pur non sottovalutando la presenza del limpido mare, con colori che sfumano dal verde smeraldo al blu intenso: un mare cristallino che bagna ben oltre 90 chilometri di costa.

 Un mare, perciò, premiato con la Bandiera Blu dell’Unione Europea, per “qualità delle acque e dei servizi…”.

Un mare oltretutto frequentato da surfisti e che rappresenta per tutti i diportisti nautici un’ottima base di partenza per escursioni in mare, vista la presenza di circoli altamente organizzati.

E, poi, come dimenticare la vicinanza di importanti città d’arte come Firenze (che dista solamente 134 Km); Pisa (che si trova a 40 Km); Lucca (collocata a 80 Km); Siena (a soli 102). O, da ultimo, la possibilità di imbarco da Piombino, per giungere all’Isola d’Elba e alle Isole Minori, altrettanto meravigliose… Giglio, Giannutri.  

Ecco perché i giovani di Castiglioncello – ma, invero, non solo – hanno deciso di proseguire le attività avviate dagli antenati, con una cura che non potrà non incrementere ancor più il florido turismo presente, da sempre, nelle vicine e più grandi città d’arte.

Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè

Questo si chiuderà in 0 secondi