Arte & Cultura

Il 15 maggio al Maxxi ‘School in Motion’, il mondo dell’animazione incontra l’istruzione

By 8 Maggio 2019 No Comments

 Un percorso di ricerca e sperimentazione per approfondire il possibile dialogo tra mondo dell’Animazione e dell’Istruzione ed avviare nuove strategie, anche in ambito formativo, per “comunicare cultura” in modo più vario e stimolante.

di Romolo Martelloni

  Il prossimo 15 maggio dalle ore 9.30 alle 18.30 si svolgerà al Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo, MAXXI di Roma, informa una nota dell’ organizzazione, School in Motion, il primo Festival Internazionale di Animazione Educativa. Il festival, ideato dal Prof. Antonello Capra,  è un’iniziativa realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola, promosso da MiBAC e MIUR, patrocinata inoltre dalla Regione Lazio e dall’Assessorato alla crescita culturale del Comune di Roma. 

   L’obiettivo è valorizzare l’uso del linguaggio dell’animazione all’interno delle prassi didattiche, contribuendo alla diffusione in rete di contenuti istruttivi di libero accesso, destinati sia al mondo scolastico che extra-scolastico. Le risorse didattiche in concorso al Festival sono dedicate ad alunni della fascia d’età compresa tra gli 11 e i 14 anni che frequentano la scuola secondaria di primo grado. Secondo l’ideatore le animazioni, introdotte all’interno di una ben precisa progettazione didattica, possono contribuire ad attivare i processi cognitivi degli alunni,  arricchendo le metodologie e le risorse scolastiche disponibili, migliorando al contempo l’ambiente di apprendimento. 


   Organizzato dall’Associazione EMI, Educazione Multimediale Innovativa, presieduta dal Prof. Capra, il festival ha come principale sostenitore l’UCI, l’Unione Coltivatori Italiani. “La scuola italiana necessita di tutta la nostra attenzione – sottolinea il presidente Mario Serpillo – ambiente, cibo, salute, educazione civica sono argomenti cari all’UCI e la scuola, in primis, è garante della giusta attenzione su di essi. School in motion e la progettualità inerente, mirano ad arricchire la scuola italiana e a sostenere la professionalità dei docenti; UCI vuole contribuire ad un’istruzione accessibile e di qualità, confermando ancora una volta il proprio impegno nel sociale, con uno sguardo rivolto ai giovani e al futuro”.

Lascia un commento