Italia

I parchi della Calabria protagonisti all’Expo

By 28 Settembre 2015 Ottobre 1st, 2015 No Comments

I più importanti parchi naturali italiani siglano La Carta del Cibo Sano

expo-calabria-2-parchiMilano, 28 settembre, 2015- Non solo Cibo per la settimana del protagonismo calabrese ad Expo ma anche paesaggi, morfologia e territorio. Infatti il 27 settembre è stata la giornata dedicata ai Parchi nazionali calabresi che sono stati raccontati attraverso un workshop, “Cibo, territorio e qualità della vita: eccellenze nelle aree naturali protette”. I tre parchi nazionali della Calabria, la Sila, l’Aspromonte e il Pollino hanno promosso la sottoscrizione della prima “Carta del cibo naturale, pulito e sostenibile”, coinvolgendo i rappresentanti di numerosi Parchi nazionali in una giornata “storica” per le Aree protette italiane. Il Parco Nazionale della Sila con il commissario Sonia Ferrari, un territorio di 74mila ettari, dominato per l’80% da boschi, è stato rappresentato dai pascoli della varietà Podolica che da quattro anni è un Presidio Slow Food, prodotta da allevatori riconosciuti. Il Parco Nazionale dell’Aspromonte con il presidente Giuseppe Bombino, 64mila ettari e 37 comuni, ha puntato sul bergamotto. Il Parco nazionale del Pollino con il presidente Mimmo Pappaterra, è stato raccontato attraverso i suoi prodotti Dop: la lenticchia di Mormanno e il vino moscato al Governo di Saracena. “Il pane di Cerchiara, la lenticchia di Mormanno, la carne bovina podolica sono alcuni degli alimenti prodotti nel territorio dei parchi calabresi la cui qualità è riconosciuta – ha sottolineato il direttore generale del Dipartimento Turismo della Regione Calabria Pasquale Anastasi – eccellenze che quest’anno hanno contribuito all’incremento del turismo enogastronomico nelle aree interne della regione. La giornata si è conclusa con la firma della “Carta del Cibo”, trattato unico promosso dalla regione Calabria che punta al superamento della logica di conservazione promuovendo l’avvio di una strategia più complessiva, orientata sulla valorizzazione del territorio. Il trattato è stato promosso in collaborazione con Puglia, Basilicata, Campania e Sicilia e patrocinato da Vittorio Alessandro, presidente dell’Ente Parco Nazionale Cinque Terre e rappresentante di Europark, l’organismo che riunisce i parchi nazionali europei, il tutto per favorire lo sviluppo di una rete interregionale che unisca le risorse delle aree protette.


Scrivi alla Redazione

Siamo felici di valutare ogni tua segnalazione e pubblicare articoli che pensi possano essere di interesse pubblico

Per qualsiasi segnalazione scrivi a
redazione@thedailycases.com