Connettiti con noi

Salute

Gli ormoni della felicità – il ritorno a Dio

redazione

Pubblicato

il

7 regole di base per accelerare la produzione dell’ormone della felicità

di Fiorella Capuano

felicitaRoma, 16 dicembre – Scritto ispirato nel giorno dell’Aquila Galattica Blu, da tutte le donne meravigliose che ho scelto e incontrato nella mia vita, dalle amiche maghe e maestre, dalle sacerdotesse e dee, dalle donne in percorso che ringrazio enormemente, per tutte le donne in cammino. Ognuno di noi ha sogni nel cuore che vorrebbe realizzare. Quando il cuore è in pace, un’immensa gioia si irradia dal nostro centro in ogni direzione. Possiamo avere la sensazione di essere in Paradiso o in un inferno, spaziare in libertà e creatività o sentirci come in una prigione di morte interiore e disperazione.  Se vi dicessi che tutto dipende da noi? Sì, tutto dipende dalle nostre percezioni. E’ dal nostro sentire che si producono gli ormoni della felicità. Ci sono modi, tecniche, conoscenze che attivano e generano gli ormoni della felicità. Principi esoterici e alchemici descrivono modalità di trasformazione dell’energia da entropica distruttiva a sincronica e creativa. Proviamo a tirar giù sinteticamente 7 regole di base per accelerare la produzione dell’ormone della felicità:

1 – l’ABC della buona educazione. Gentilezza, cortesia, rispetto, gratitudine sono solo una piccola manciata di buone abitudini che dovrebbero essere assodate, mentre invece, presi dal turbinio della vita, si finisce spesso per dimenticare questi principi di base anche nei confronti dei propri conviventi. La prima regola è associata ad un’alimentazione sana per il corpo con l’assunzione di integratori alimentari e/o rimedi e all’astinenza di fattori di intossicazione.

2 – Rispettare i cicli. Tutta l’esistenza è costituita da cicli di apertura e chiusura, quando li rispettiamo è verificabile istantaneamente un aumento della felicità perchè tutto fluisce in abbondanza fiammeggiante, il cuore lo sente come un ritorno d’onda di gioia e amore. Viceversa quando si posticipa, non si è tempestivi, si tentenna nelle cose o con le persone, siamo preda di interferenze di ogni tipo. Quando ricevi qualcosa di bello devi istantaneamente mostrare gratitudine con un gesto di maggior intensità e generosità di quello che stavi pensando perchè c’è sempre una ricompensa cosmica pronta a benedire i tuoi pensieri e le tue azioni. Siamo qui per ascendere come Dei. La vita è il rituale! Questa seconda buona regola è associata al movimento corporeo. Lo yoga, il qi kong, la danza, etc. sono tutte forme di tonificazione del corpo che creano anche elasticità e prontezza di riflessi.

3 – Vivere i propri talenti. Significa avere chiaro quello per cui siamo qui. Possiamo pescare in quello che da bambini pensavamo di voler fare da grandi…la coscienza del bambino non sbaglia. Appena abbiamo scoperto quello che ci da gioia fare, è bello offrirlo agli altri in forma di altruistica entusiastica emanazione, in un’onda di polarità ricevente, cioè in quel continuo scambio vitale, com’è in natura. Si tratta di una nutriente alternanza di energia, proprio come la corrente elettrica, di un incessante fluire energetico di scambio che si accresce di continuo. Quando qualcuno blocca questo fluire si sente e produce un’entropia, un arresto dal punto di vista cosmico di tutte le benedizioni pronte a calare per noi nel piano tridimensionale. Quando operiamo nella manchevolezza verso il nostro prossimo, questo diventa facilmente vampirismo energetico che crea disordine e sofferenza. Viceversa quando fluiamo con entusiasmo ed amorevole gratitudine, il ritorno è immediato diventa come un propulsore energetico che accresce i doni più grandi che l’universo ha per noi. Anche qui il cuore lo sente e si vive uno stato di pre-estasi. L’azione connessa a questo terzo livello è la meditazione. Vivere lo stato di meditazione è vitale per tutto il nostro essere se vogliamo realmente la felicità di tutte le creature noi incluse.

4 – Previgenza, chiaro-udienza. Nello stato di meditazione pura tutti i nostri sensi si accelerano, si entra in uno stato di visione e sentire espansi. In tal caso si è chiamati a compiere servizi umanitari in coordinamento con l’espansione di coscienza. Diventiamo un tutto con l’universo, connessi con le forze angeliche per attuare programmi angelici. Lo vediamo perchè ci è consentito di lavorare per un ordine sublime i cui proventi sono ben maggiori di quelli puramente materiali. Tutto ci è dato in abbondanza. Ogni nostro desiderio non è più personale ed è sigillato da un ordine superiore che ci offre sempre nuove e più grandi opportunità per rendere agevole il nostro servizio più elevato. Questo quarto livello è associato con l’abilità di trasmettere energia positiva e insegnamenti che mirano al benessere e all’equilibrio.

5 – Irradiare coscienza. In questo stadio si espande il proprio campo energetico, la propria esperienza si orienta verso nuovi modelli, attraverso gruppi di azione coordinata dando la possibilità anche ad altri di ricevere la formazione dell’iniziato. Milarepa dovette girare l’India in lungo e in largo per trovare un solo discepolo degno dei suoi insegnamenti. Oggi è diverso, tutto e tutti sono nostri maestri. Questo crea campi di risonanza multipla che si espandono in una benedizione che può comprendere paesi, regioni, stati, mondi e dimensioni. Il lavoro qui diventa enorme perchè si devono neutralizzare campi di contrasto immensi che hanno a che fare con forme pensiero diaboliche e distruttive. Il riscontro è immediato, larghe zone intorno a centri di protezione divina si espandono. Tutti coloro che rimangono allacciati a frequenze distruttive periscono velocemente, mentre chi risuona con le frequenze alte e benefiche significa che è sincronicamente pronto e subisce un’accelerazione di crescita spirituale. Cominciano ad arrivare aiutanti e collaboratori, fratelli di luce in risonanza. In tal caso è possibile qualsiasi guarigione dell’anima e del corpo fisico.

6 – Mantenere il Ritmo. La coscienza continua può creare momenti d’estasi pura, mantenere costante e permanente questo livello di sensazione richiede un cuore puro, libero da ogni memoria di sofferenza personale. Solo così si entra nel proprio progetto creativo universale dove tutto quello che accade di meraviglioso nella nostra vita è frutto di una perfetta creazione superiore di cui siamo parte omniscenti e co-creatori devozionali di un solo proposito divino. La nostra personalità è dissolta, non desideriamo e vogliamo null’altro che servire i comandi cosmici del piano divino. Tutto ci è dato prima ancora di pensarlo realmente, tutto arriva in una sorta di dono orgasmico che indica sempre la direzione giusta da prendere. Questo livello è associato a meditazioni telepatiche planetarie con equipe di navi di anime in azione.

7 – Risonanza Cosmica. La risonanza cosmica accade quando più persone della stessa sensibilità evolutiva si uniscono in cooperazione. Ce ne accorgiamo perchè arrivano aiutanti della nostra stessa percezione e potere realizzato. Tutto si muove in un’onda di benedizione multipla e di ascensione collettiva. Si chiama il livello puro della gioia permanente in cui tutti gli esseri stanno bene e felici, tutte le nostre relazioni sono in pace. Tutto si muove secondo il piano divino. Tutto è un multiplo orgasmo sensoriale in armonia con tutti gli universi e dimensioni. Associato a questo settimo livello di coscienza è l’Ordine Sincronico puro che mette in pratica progetti terrestri per il bene planetario. Questo è realizzare il Paradiso in Terra, la somma felicità, il ritorno a Dio.

Con immenso amore.

Fiorella M. Capuano

Lascia un commento
Print Friendly, PDF & Email

Categorie