Connect with us
Azzera la bolletta

Arte & Cultura

Giornate Europee del Patrimonio 2016 – Visita al Regio conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli

Published

on

Tempo di lettura: 3 minuti

[AdSense-A]

 

Nel weekend del 24 e 25 Settembre sarà possibile visitare “I TESORI” DEL REGIO CONSERVATORIO DI NAPOLI “SAN PIETRO A MAJELLA” che prende parte all’iniziativa: “GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2016”.

di Marina d’Angerio di Sant’Adjutore

2425sett20162

Napoli 24 e 25 settembre 2016- Il Regio Conservatorio di Musica di “San Pietro a Majella”, Istituto Superiore di studi musicali, fondato a Napoli nel 1808, è pilastro della musica napoletana ed ha sede nel cuore del centro storico della città di Napoli ( nell’ex convento dei Celestini annesso alla Chiesa di San Pietro a Majella), prende parte all’iniziativa: “Le Giornate Europee del Patrimonio” che è stata promossa dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea nel 1991 con l’obiettivo di potenziare lo scambio culturale tra le Nazioni europee. Quest’anno si svolgeranno nel weekend del 24 e 25 settembre in tutta Italia e naturalmente anche a Napoli, dove sarà possibile visitare anche i tesori del Conservatorio di “SAN PIETRO A MAJELLA” . Il Museo del Conservatorio espone strumenti, busti e ritratti di compositori e musicisti passati e custodisce una mole notevole di antichi e preziosi strumenti musicali, tra i quali emergono: bellissimi archi realizzati nella celebre scuola napoletana di liuteria, strumenti a fiato, plettri in madreperla, l’arpetta di Stradivari, un fortepiano, il cembalo di Caterina II di Russia, i pianoforti di Mercadante e di Thalberg. All’esposizione di strumenti musicali si affianca, poi, la quadreria con i ritratti di autorevoli compositori napoletani. La Biblioteca possiede manoscritti e stampe rare ed ospita libretti ed autografi illustri; l’Archivio storico documenta la vita della grande scuola napoletana e del conservatorio con la documentazione ufficiale. Si tratta probabilmente del museo di musica più importante al mondo. La visita al Conservatorio di “San Pietro a Majella” di Napoli è un emozionante tuffo nel passato e, attraverso autografi, carte di archivio, dipinti, cimeli, busti e strumenti musicali è possibile ripercorrere la storia della musica e dell’arte non solo napoletana , ma anche di quelle corti europee che tanto amavano i nostri insigni musicisti. Nel 1739, infatti, lo scrittore e politico francese Charles de Brosses, riferendosi alla città partenopea, la definì “capitale mondiale della musica”. Fra i direttori di maggior rilievo che il conservatorio ha avuto, durante il corso della sua storia, spiccano su tutti: Giovanni Paisiello, Gaetano Donizetti, Saverio Mercadante e Francesco Cilea. Dopo aver visitato il complesso monumentale, i chiostri e la biblioteca, si potrà visitare la mostra :”SPLENDORI DELLA SCUOLA MUSICALE NAPOLETANA: GIOVANNI PAISIELLO TRA IL REGNO DI NAPOLI E LE CORTI D’EUROPA” ed ascoltare :” I SUONI DEL TEMPO“, composizioni della scuola musicale napoletana eseguite dagli studenti dell’Istituto . Il Direttore del Conservatorio Elsa Evangelista con i docenti , i referenti del patrimonio artistico e culturale, e gli studenti, accompagneranno i visitatori nel percorso allestito. Il Direttore del Museo di Capodimonte, Silvayn Bellenger, illustrerà, sabato 24 settembre alle ore 17, il ritratto di Giovanni Paisiello (Taranto, 9 maggio 1740 – Napoli, 5 giugno 1816), la copia di Elisabeth Vigée Lebrun sec. XIX, in occasione del bicentenario della morte (1816-2016). ——————————————————– Conservatorio San Pietro a Majella Visita guidata Orario: 24 settembre dalle ore 17 alle 21 (ogni ora) | 25 settembre dalle ore 10 alle 12 (ogni ora) ————————————————- Informazioni sul Conservatorio di “San Pietro a Majella”.

Prezzo biglietti:

COSTO DEL BIGLIETTO 1 EURO

Contatti:

Tel: 081 564 4411

E-mail: info@sanpietroamajella.it; webmaster@sanpietroamajella.it

Sito ufficiale del Regio Conservatorio di musica di San Pietro a Majella

Print Friendly, PDF & Email
Apollo Mini Fotovoltaico
Serratore Caffè

Questo si chiuderà in 0 secondi